24 iPhone vengono rubati dall'Apple Store mordendo i cavi di sicurezza

Apple Store

L'Apple Store è diventato negli ultimi tempi uno dei luoghi preferiti dai ladri, ed è che vedono un'enorme quantità di oggetti altamente non protetti di grande valore. Abbiamo già visto come ci sono state rapine in molti negozi che Apple ha diffuso in mezzo mondo, ma ieri c'è stato un rapina all'Apple Store di Puerta del Sol a Madrid.

Niente di più e niente di meno di dieci giovani si sono occupati del furto di un totale di 24 iPhone, usando uno strano metodo. Ed è che hanno preso i dispositivi mobili mordendo i cavi di sicurezza con cui sono "legati" tutti i terminali.

Otto di questi 10 giovani sono minorenni che hanno saputo mettere in luce la poca sicurezza che Apple utilizza nei suoi store. Inoltre, il modo in cui viene trasportato l'iPhone rivela quanto poco siano i cavi di sicurezza che collegano ai tavoli i dispositivi mostrati da Cupertino nei loro negozi.

Tutti i detenuti sono stati assicurati alla giustizia, ricevendo per il momento a Zoom indietro di 100 metri su qualsiasi Apple Store. Senza dubbio la polemica è ancora una volta scontata ed è che alla fine ne esce abbastanza a buon mercato, per dirla in qualche modo, provando a rubare un dispositivo del valore di quasi 1.000 euro.

Pensi che sia una punizione sufficiente provare a rubare un iPhone di quasi 1.000 euro per ricevere un ordine restrittivo?. Diteci la vostra opinione nello spazio riservato ai commenti su questo post o tramite uno qualsiasi dei social network in cui siamo presenti.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.