5 bugie sul tuo smartphone a cui hai sempre creduto senza esitazioni

Smartphone

La maggior parte di noi possiede già uno smartphone o anche uno in più, che utilizziamo praticamente ogni momento per chiamare, inviare messaggi o per navigare nella rete delle reti. Questi dispositivi mobili sono progrediti a velocità vertiginosa negli ultimi tempi e questo ha portato al fatto che, in quanto utenti e talvolta guidandoci da ciò che ci dicono gli altri, noi creiamo trucchi, storie o processi che diamo per veri e che non sono altro che una bugia.

Oggi attraverso questo articolo vi racconto 5 bugie sul tuo smartphone a cui hai sempre creduto senza esitazioni eppure non sono vere. Potremmo dire che queste 5 bugie sono state ripetute così tante volte che per molti sono finite per diventare vere.

Prima di addentrarti nelle 5 bugie, ti chiedo di non mettere le mani sulla testa, perché abbiamo tutti creduto ad alcune delle cose che troverai qui e non succede nulla, né dovresti sentirti male, hai semplicemente lasciato il piombo dalla credenza popolare che in questo caso fosse sbagliato. Pronto? Bene, eccoci qui.

Uno sfondo nero consente di risparmiare batteria

Batteria dello smartphone

Sicuramente in qualche occasione te lo ha detto un amico o un parente l'utilizzo di uno sfondo nero può far risparmiare la batteria. Potremmo dire che questo è vero, ma non una verità universale applicabile a tutti i tipi di dispositivi mobili che possiamo attualmente trovare sul mercato.

È vero che l'utilizzo di uno sfondo dello schermo nero può far risparmiare la batteria nei dispositivi con schermi LED, come Super AMOLED e OLED, perché questi schermi non hanno bisogno di alimentazione per rappresentare il nero. Tuttavia, l'utilizzo dello sfondo nero o di colore scuro non consente di risparmiare la durata della batteria sugli smartphone con schermi LCD.

Questo tipo di schermo illumina i pixel di colore nero e di qualsiasi altro colore e quindi non risparmia assolutamente alcuna batteria posizionando uno sfondo nero. Di conseguenza si dice che gli schermi LCD non rappresentino il nero puro, cosa che è vera.

Utilizzare solo il caricatore originale del terminale

Questa frase che sicuramente ti hanno ripetuto in più di un'occasione e che anche noi stessi abbiamo detto qualche volta, ha una parte di vero, ma la maggior parte è una bugia.

Prima di tutto, bisogna tenere conto del fatto che gli amplificatori, i volt ei watt di un dispositivo e di un caricabatterie influenzano il carico, ma in nessun momento saranno un danno per il nostro dispositivo mobile. Se colleghiamo il nostro smartphone a un caricabatterie che ha, ad esempio, un amperaggio diverso, l'unica cosa che può accadere è che il terminale si carichi più velocemente o più lentamente, ma come molti dicono, la batteria non subirà alcun problema.

Sì, è vero è bene che ti abitui a utilizzare sempre il caricabatterie ufficiale del dispositivo mobile sì, ma se guardi che il voltaggio ei watt sono gli stessi non ci saranno problemi. Tieni inoltre presente che è raro che caricabatterie e smartphone che attualmente troviamo sul mercato abbiano voltaggi e watt differenti.

 Caricare lo smartphone per molte ore danneggia la batteria

smartphone

Continuando con la batteria del nostro smartphone, vogliamo smentire l'affermazione secondo cui caricare un terminale per molte ore finisce per danneggiare la batteria. Molti sono quelli che affermano che ad esempio caricare un dispositivo mobile durante la notte finisce per danneggiare la batteria nel tempo, tuttavia questo è totalmente falso.

Ed è che praticamente tutti i dispositivi mobili sul mercato hanno sistemi per proteggersi dal sovraccarico, quindi non dovremmo temere in qualsiasi momento di subire un problema lasciando il nostro smartphone in carica durante la notte.

Un esperto del settore come Shane Broesky, co-fondatore della società di accessori per il carico Farbe Technik, ha detto non molto tempo fa che; «Il tuo telefono è molto intelligente. Una volta completamente carico, sa quando fermarsi per proteggersi dal sovraccarico ».

Naturalmente, tieni presente che durante la ricarica della batteria il nostro terminale si surriscalda. Se lo carichiamo a lungo, dobbiamo assicurarci che il calore prodotto possa uscire da qualche parte. Ad esempio, è fondamentale non lasciare in carica il nostro smartphone sotto un cuscino perché può essere davvero pericoloso, non solo per il nostro dispositivo ma per noi stessi.

Specifiche migliori non garantiscono prestazioni migliori

A differenza di quanto molti credono, ci sono terminali che nonostante ci offrano una memoria RAM da 4 GB o una fotocamera da 23 megapixel, possono essere molto inferiori in termini di prestazioni rispetto a un altro terminale e tuttavia avere prestazioni migliori.

Uno degli argomenti più discussi al riguardo è quello della fotocamera. In commercio esistono terminali con obiettivi da 23 megapixel che, però, scattano fotografie molto peggiori rispetto a quelli di altri terminali che hanno, ad esempio, un obiettivo da 12 megapixel. Più le specifiche di uno smartphone devi tenere in considerazione molte altre cose e cioè che un obiettivo prodotto da Sony non è uguale a nessun altro produttore.

Per quanto riguarda la RAM, le prestazioni finali dipendono in larga misura anche dal processore, quindi non è utile guardare solo alle specifiche, ma bisogna fare un ulteriore passo avanti e scoprire tante altre cose sullo smartphone.

Un ripristino delle impostazioni di fabbrica cancella tutti i tuoi dati

Ripristino dati di fabbrica

Ogni volta che vendiamo un dispositivo mobile sul mercato dell'usato, di solito ripristinare le impostazioni predefinite, con l'obiettivo di lasciarlo come lo trovavamo quando era nuovo e anche di eliminare tutti i dati che abbiamo memorizzato.

Tuttavia questa opzione non è sufficiente per cancellare tutti i nostri dati dal telefono, e anche se non ci credi, per lasciarlo completamente pulito devi crittografare tutti i dati sullo smartphone prima di effettuare la cancellazione. Se ripristiniamo solo le impostazioni di fabbrica, lasceremo quella parte della memoria inutilizzabile, ma qualsiasi utente esperto sarà in grado di recuperare quei dati che pensavamo fossero stati cancellati.

A quale di tutte le bugie che ti abbiamo detto hai creduto finora?. Puoi segnalarcelo nello spazio riservato ai commenti su questo post oppure avvalendoti di uno dei social network in cui siamo presenti.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.