6 mesi dopo il suo lancio, Android Nougat si trova sull'1,2% dei dispositivi

L'anno scorso Google ha sorpreso gente del posto e sconosciuti lanciando i propri telefoni, la gamma Pixel, alcuni terminali offrivano ottime funzionalità a un prezzo leggermente alto, va detto, e che per ora hanno lasciato a malapena il territorio americano. Questi nuovi terminali provengono dalla mano di Android Nougat, come previsto, e con un gran numero di novità e funzionalità, alcune esclusive di questa gamma di terminali progettati da Google e prodotti dall'azienda taiwanese HTC. Android Nougat è stato lanciato sul mercato quasi sei mesi fa e da allora è riuscito a essere presente solo nell'1,2% dei dispositivi gestiti da Android, una quota di adozione molto bassa che non sorprende nessuno a causa della frammentazione nell'ecosistema Android.

Se dal lancio di Android, Google avesse lanciato i propri terminali, come ha fatto Apple, un altro gallo avrebbe cantato e sicuramente la frammentazione di Android non sarebbe stata così alta come lo è oggi, finché Google non avesse offerto questo sistema operativo a nessuno produttore per raggiungere il mercato della telefonia mobile. Se diamo uno sguardo ai dati che Google ha pubblicato sull'adozione di tutte le versioni di Android, possiamo vederlo Marshmallow è la percentuale più alta, con il 30,7% seguito da Lolliop con il 23,1% e Kiktat con il 21,9%.

In quarta posizione troviamo Lollipop 5.1 con il 9.8%, seguito da Jeely Bean nelle sue diverse versioni con il 5,7% e il 4.0%. Dobbiamo ancora andare ancora più in basso per trovare chiudendo la classifica di adozione delle diverse versioni di Android per trovare Android Nougat 7.0, che ha una quota dello 0,9%, mentre Android Nougat 7.1 è solo allo 0,3%. Mentre è vero che il gran numero di produttori di dispositivi Android fa parte del problema che c'è così tanta frammentazione, se Google volesse, questo non sarebbe un problema per l'utente, che è quello che alla fine ne subisce le conseguenze.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.