Google collegherà l'Asia e l'Australia tramite un cavo sottomarino

cavo google

In un mondo in cui sembra che tutte le grandi aziende abbiano in mente di sviluppare un qualche tipo di piattaforma di connessione internet wireless, abbiamo un esempio in SpaceX e la sua enorme rete di satelliti, Google e i suoi droni e persino Facebook e il suo programma di ricerca sviluppano un completo piattaforma in cui possiamo portare Internet in qualsiasi area, non importa quanto remota e inaccessibile possa essere, lo troviamo Google ha in programma di installare un nuovo cavo di comunicazione che collegherà l'Asia con l'Australia.

La verità è che, un punto molto favorevole a continuare a utilizzare cavi per il collegamento intercontinentale, nonostante sia qualcosa di tremendamente costoso, è che la connessione cablata è molto più veloce del wireless. A questo dobbiamo aggiungere che lo è anche più sicuro e offre una latenza inferiore, qualcosa che può diventare essenziale per tutte quelle aziende che offrono servizi diversi come il cloud computing.


sezione cavo sottomarino

L'uso di cavi per collegare diversi continenti offre maggiore sicurezza e velocità di connessione, nonché una minore latenza

Proprio per queste caratteristiche così importanti per diversi provider, cosa che può rendere il loro servizio non così interessante come qualsiasi utente potrebbe richiedere, è inteso che Google ha pensato di espandere ulteriormente il proprio dominio mondiale con l'installazione di un nuovo cavo sottomarino che collegherà due continenti diversi come l'Asia e l'Australia migliorare notevolmente l'accesso ai servizi cloud offerti dalla società americana di tutti gli utenti del piccolo continente.

Per capire un po 'meglio la necessità di installare questo tipo di cavo, ricordiamo che solo pochi mesi fa è stata completata l'installazione di un cavo di collegamento tra Stati Uniti e Spagna, progetto che potrebbe finalmente essere intrapreso grazie al finanziamento di aziende come potente come Microsoft, Facebook e Telefónica. Come previsto e quindi annunciato, questo nuovo cavo è servito, ad esempio, a migliorare le comunicazioni tra i due paesi, aiutare a ottenere una migliore trasmissione dei dati tra i server Azure di Microsoft o eliminare il collo di bottiglia che Facebook ha subito con i suoi dati.

installazione del cavo

Sarà necessario installare un cavo sottomarino di 9.600 chilometri

Come puoi vedere, se aziende importanti come quelle sopra menzionate raggiungono il punto di accettare di installare un cavo di telecomunicazioni che attraversa l'Atlantico, non dovrebbe sorprenderci minimamente che Google decide di installare autonomamente un cavo che collega l'Asia all'Australia, soprattutto se si tiene conto di tutti i servizi offerti dall'azienda americana, che migliorerà sensibilmente in termini di velocità e sicurezza in tutte le apparecchiature che possono usufruirne grazie al suo collegamento.

Entrando un po 'più nel dettaglio, come è stato rivelato, a quanto pare questo nuovo cavo collegherà punti chiave per Google come le città di Tokyo, Osaka, Guam e Sydney. Sulla base dei calcoli, sembra sarà necessario installare un cavo lungo 9.600 chilometri, che richiederà un lavoro letteralmente enorme. Nonostante ciò, il nuovo cavo dovrebbe essere operativo, secondo i piani di Google, a fine 2019. Grazie ad esso, i servizi di Google nel cloud che opera a Mumbai, Singapore, Taiwan, Tokyo e Sydney miglioreranno notevolmente. Oltre a questi servizi, diverse società utilizzeranno questo collegamento su base giornaliera, aziende come 'alla moda'come Spotify, Motorola, Paypal, Niantic o i servizi cloud di Apple.

Come ultimo dettaglio, vi dico che oltre a questo cavo sottomarino, battezzato ufficialmente con il nome di JGA-S, ci sarà un'altra serie di cavi. Nello specifico, stiamo parlando di un totale di tre diversi cavi che avranno il compito di offrire supporto e soprattutto fungere da backup nel caso in cui il cavo principale subisca qualche tipo di danno. Non appena il cavo principale funzionerà correttamente, questi cavi di supporto serviranno a migliorare il più possibile i collegamenti tra le suddette città di Cina, Giappone e Australia.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.