L'Australia inizierà a utilizzare l'impronta digitale, l'iride e il riconoscimento facciale nei suoi aeroporti

A poco a poco, nuove tecnologie si stanno facendo strada in tutti i servizi e l'Australia ci sta lavorando proprio ora, con un progetto chiamato Seamless Traveller, con il quale intendono snellire i processi di identificazione nei loro aeroporti. In questo caso, siamo all'inizio dell'uso del riconoscimento facciale, dell'iride e delle impronte digitali per superare i controlli di sicurezza senza la necessità di mostrare documenti come passaporto o documenti di identità evitando lunghe code in questo processo, ma questi metodi di controllo automatizzati oggi presentano alcune difficoltà tecniche che dovranno risolvere prima. In ogni caso, i primi passi sono già in corso e potrebbero iniziare a operare all'aeroporto di Canberra questo luglio.

Quando diciamo che avranno delle difficoltà tecniche, non ci riferiamo alle macchine o ai sensori incaricati di raccogliere questi dati del viso, dell'iride o del riconoscimento delle dita, questo funziona bene oggi, il problema è che prima di iniziare ad usarli è necessario a tutti questi dati precedentemente raccolti e qui entrare nel dibattito su temi legati alla privacy delle persone, poiché tutti devono essere precedentemente in un database in modo che quando lo usi in aeroporto ti riconosca. Anche se va notato che in Australia hanno già una legge approvata che consente loro di raccogliere queste informazioni dai propri cittadini e dagli utenti stranieri che visitano il paese quindi vedremo come va a finire e se viene effettuato.

In ogni caso, e tralasciando questo "problema" di privacy per gli utenti, si prevede che entro il 2019 tutto questo sarà già risolto e in corso in questo aeroporto. In linea di principio e per un corretto utilizzo di tutti questi sensori, gli utenti andranno in linea attraverso le diverse corsie abilitate e saranno sottoposti alle telecamere e ai diversi sensori che leggeranno i dati per verificarne l'identità. Questo è senza dubbio un passaggio importante soprattutto per chi da allora viaggia molto eviterebbero lunghe file ai vari controlli di sicurezza, ma ha alcune frange sciolte che dovranno essere riparate prima di impiantarlo in modo permanente.

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.