La polizia cinese usa gli occhiali per il riconoscimento facciale per cercare i sospetti

La tecnologia è progredita molto negli ultimi anni e oggi possiamo vedere come i dispositivi che erano disponibili solo per i film di fantascienza abbiano iniziato a essere un prodotto di massa, o quasi. Governo cinese non è mai stato caratterizzato dall'offrire molte libertà né i suoi cittadini né le aziende straniere che hanno cercato di stabilirsi lì, sia esso Google, Facebook, Microsoft ...

L'ultima mossa del governo cinese a limitare ulteriormente la privacy dei suoi cittadini, Lo troviamo negli occhiali, stile Google Glass, che la polizia del Paese ha iniziato ad usare, occhiali, con i quali gli agenti sono in grado di identificare i passeggeri che sono stati accusati di aver commesso un crimine, sono in cerca e catturati o stanno semplicemente viaggiando con falsa documentazione.

La Cina vuole sfruttare appieno l'intelligenza artificiale e per questo ha realizzato un sistema di riconoscimento facciale in grado di riconoscere, con una semplice fotografia, chiunque sia alla portata del gran numero di telecamere di sorveglianza che ci sono sparse sul territorio, in appena pochi secondi e con una precisione del 90%. Questo sistema è stato ampliato dopo l'adozione del Occhiali per macchine fotografiche di riconoscimento che i poliziotti di Zhengzhou hanno iniziato a usare.

Ogni volta che il sistema riconosce qualcuno, l'agente ricevi una notifica sul tuo telefono in modo che tu possa agire immediatamente o procedere in base alla situazione e al rischio che ne derivi. Questo sistema è diventato operativo il 1 ° febbraio e, secondo quanto dicono, sono già riusciti ad arrestare sette persone che erano in cerca e cattura. Ma inoltre ha anche arrestato 26 passeggeri che viaggiavano con documenti falsi, poiché questo sistema consente anche alla polizia di verificare rapidamente se l'identità del soggetto è corretta.

Il produttore di questi occhiali è l'azienda cinese LLVision Technology, azienda che produce videocamere portatili con sistema di riconoscimento facciale. Secondo LLVision, nei diversi test effettuati su questo prodotto, il sistema è in grado di rilevare rilevare una persona tra più di 10.000 candidati in appena 100 millisecondi, purché le informazioni siano archiviate sul dispositivo e non nel cloud, il che ritarda il processo di rilevamento e non lo rende un sistema così efficiente. Inoltre, LLVision afferma anche che la precisione è ridotta a causa del rumore ambientale (punti di luce, bassa luminosità ...), quindi ha ancora molto margine di miglioramento.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.