Il mio cellulare è stato rubato, cosa devo fare?

Smartphone rubato o smarrito

Qualche anno fa, il furto o lo smarrimento del nostro portafoglio era una delle peggiori situazioni che ci potevano capitare, non solo per i soldi che potevamo portare nel nostro portafoglio, ma anche per le carte di credito e la documentazione, che sebbene lo sia true può essere rapidamente annullato o richiesto un duplicato, il processo farà perdere tempo prezioso.

Ma con l'evoluzione della tecnologia, la nostra dipendenza dagli smartphone è aumentata, arrivando al punto di essere l'elemento che può ferirci di più se lo perdiamo, anche più del portafoglio stesso, poiché all'interno portiamo le nostre carte di credito, password, dati personali ... Ma cosa devo fare se il mio cellulare è stato rubato?

Prima di tutto, dobbiamo assicurarci che il nostro telefono cellulare non sia stato rubato, ma che ci siamo semplicemente persi e lo abbiamo lasciato dimenticato. Sia Android che iOS mettono a nostra disposizione strumenti che ci permettono di sapere in ogni momento l'ubicazione della nostra disposizione, sebbene questi abbiano esaurito la batteria, purché quest'ultima opzione sia attivata, un'opzione che non è selezionata in modo nativo in iOS, stranamente.

L'importanza di proteggere l'accesso al nostro terminale

Sensore di impronte digitali

I terminali odierni ci offrono diversi metodi di sicurezza in modo che in caso di smarrimento o furto non sia possibile accedervi in ​​nessun momento e in alcun modo. La maggior parte dei terminali attualmente sul mercato ci offre un file sistema biometrico di impronte digitali che ne impedisce l'accesso. Questa protezione va di pari passo con un codice in modo che nelle occasioni in cui il codice non vuole funzionare (mani bagnate o macchiate) possiamo accedere senza problemi.

Possiamo anche scegliere, se vogliamo una sicurezza extra per aggiungere una sequenza di sblocco, aggiungendo una protezione in più e che se è disponibile su telefoni più vecchi e con versioni precedenti di Android, poiché in iOS l'unico modo per proteggere il terminale da accessi indesiderati è attraverso un codice di 4 o 6 cifre.

Alcuni terminali, come l'iPhone X, l'unica protezione che abbiamo è quella di utilizzare la fotocamera frontale Face ID, una fotocamera che riconoscere il nostro volto prima di procedere allo sblocco del terminale, senza avere la possibilità di utilizzare la nostra impronta in qualsiasi momento. Logicamente, questo terminale ci permette anche di inserire un codice numerico per poter sbloccare il terminale se questa tecnologia non funziona correttamente, cosa che accade molto raramente.

Come localizzare il mio telefono se l'ho perso

Come individuare uno smartphone su Android

Individua lo smartphone Android smarrito o rubato

Uno dei requisiti per poter utilizzare un terminale Android è disporre di un account di posta elettronica in Gmail. Questo requisito ci consentirà di individuare rapidamente il nostro smartphone tramite il sito web che Google mette a nostra disposizione e in cui dobbiamo solo inserire i dati dell'account del nostro terminale e selezionare il terminale che stiamo cercando (nel caso di avere più di un terminale con lo stesso account associato). Quindi e dopo pochi secondi, la mappa ci mostrerà la posizione del terminale corrente o dell'ultimo fino a quando non avrà perso la connessione.

Come individuare uno smartphone iOS

Trova l'iPhone smarrito o rubato

Per localizzare il nostro terminale dobbiamo accedere tramite iCloud.com o tramite l'applicazione di ricerca iOS, inserire i dati dell'account a cui è associato il terminale, selezionare il terminale che stiamo cercando (nel caso in cui tale ID sia associato a più di un terminale) e attendere che la mappa ci mostri la posizione specifica in quel momento.

Ma per conoscere l'ultima posizione, in precedenza abbiamo dovuto attivare tramite Trova il mio iPhone sul dispositivo stesso, che viene memorizzato l'ultima connessione prima di esaurire la batteria, opzione che dovrebbe essere attivata di default poiché altrimenti una parte importante di questa funzione viene persa. Ciò che ci consente è attivare l'opzione in modo che quando si connette a Internet, ci invii un messaggio con la posizione esatta del terminale, che ci consentirà di confermare che è stato rubato.

Non ho perso il telefono, è stato rubato

Per prima cosa dobbiamo garantire il 100%. Se dopo aver provato a localizzare il nostro terminale, non abbiamo avuto fortuna o anche se si trova in un luogo che non abbiamo visitato, dobbiamo procedere con la segnalazione corrispondente, anche se nella maggior parte dei casi non ci permetterà di recuperare il telefono e procedere al blocco del terminale da remoto e mostra un messaggio che mostra il nostro numero di telefono, nel caso sia stato davvero smarrito e sia stato ritrovato da un Buon Samaritano che, impossibilitato ad accedervi, non può contattarci per restituircelo.

Invia un messaggio con i nostri dati al nostro smartphone Android

Invia un messaggio a uno smartphone Android smarrito o rubato

L'invio di un messaggio al nostro smartphone Android non necessita di alcuna applicazione o servizio offerto dal produttore del terminale, poiché questa funzione viene offerta direttamente a noi Servizio di localizzazione di Google, lo stesso servizio che possiamo utilizzare per trovare la posizione del nostro terminale.

Una volta che siamo su quel sito Web e abbiamo selezionato il terminale, andiamo all'opzione Blocca. Successivamente, verranno mostrate due caselle che dobbiamo compilare con uno stile di messaggio "Ho perso il telefono, contattamiE il numero di telefono al quale può raggiungerci il Buon Samaritano che intende restituire il terminal. Una volta compilate queste informazioni, procederemo con il clic su Blocca.

In quel momento, il terminale sarà completamente bloccato e ogni volta che qualcuno vorrà accedervi, vedrà quel messaggio sullo schermo del terminale. Il unico modo per eliminare quel messaggio è farlo attraverso quella pagina web, quindi siamo fortunati a poterlo recuperare, non ci resta che visitare di nuovo questa pagina web.

Invia un messaggio con i nostri dati al nostro iPhone

Invia un messaggio al nostro iPhone smarrito o rubato

Per inviare un messaggio al nostro terminale, dobbiamo accedere tramite iCloud.com o tramite l'applicazione di ricerca disponibile su iOS a attivare la modalità smarrito nel terminale che abbiamo perso. Innanzitutto bisogna inserire la password associata al terminale, stabilire un messaggio e un numero di telefono che verrà visualizzato sul terminale ogni volta che si tenterà di accedervi.

Questo metodo blocca completamente il terminale da qualsiasi tentativo di accesso, sebbene non abbiamo precedentemente protetto l'accesso ad esso tramite un'impronta digitale o un codice di sicurezza, una protezione obbligatoria se non vogliamo che il nostro terminale finisca nelle mani sbagliate e che può essere tornato a mettere sul mercato.

A che serve bloccare il nostro terminale?

Smartphone bloccato

Anche se hai perso il telefono o ti è stato rubato, blocca il telefono come ho indicato nella sezione precedente, è un obbligoSe non vogliamo che il nostro terminale raggiunga nuovamente il mercato e che il furto di telefoni cellulari diventi un semplice metodo per ottenere denaro da amici altrui.

Che si tratti di un terminale Android o se gestito da iOS, non esiste un metodo "ufficiale" per sbloccare l'accessoal dispositivo a meno che non siamo i legittimi proprietari. E quando mi riferisco a un metodo "ufficiale", intendo uno strumento che puoi trovare online. Non mi riferisco agli strumenti molto costosi che alcuni governi possono utilizzare per accedere a questo tipo di terminali e che sono a disposizione di pochissimi, dove non si trova chi ruba i cellulari.

Se abbiamo perso la speranza di recuperare il nostro smartphone, l'ultimo passaggio che dobbiamo fare è bloccare il terminale tramite IMEI. E dico l'ultima cosa perché se finalmente lo troviamo, dovremo combattere con gli oppressori per poter riattivare il telefono, poiché bloccare l'IMEI è semplice, ma non rimuoverlo dall'elenco dei telefoni bloccati in Da questa parte.

Il blocco IMEI di un terminale lo impedisce può essere collegato a qualsiasi compagnia telefonica del mondo, quindi nell'improbabile caso in cui riescano ad accedere al terminale, non potranno utilizzarlo oltre ad essere un bellissimo e costoso fermacarte con connessione WiFi.

Dove trovare l'IMEI del telefono

Come scoprire l'IMEI di uno smartphone

In precedenza, il numero IMEI era accanto alla batteria del terminale, ma data l'abitudine di rendere i terminali più piccoli, la maggior parte dei produttori sceglie di integrare la batteria nel terminale senza offrire la possibilità di poterla sostituire senza rivolgersi ad un servizio tecnico.

Alcuni produttori, come Apple, hanno scelto di includere il numero IMEI nel file Vassoio SIM. Altri lo posizionano all'esterno del terminale, per facilitarne l'individuazione se necessario. Ma, come regola generale, sono molti gli utenti che non si complicano e ottengono quel numero tramite la morsettiera, purché lo conservino.

Un altro modo per ottenerlo è tramite il terminale stesso, inserendo il codice seguente nell'applicazione telefonica * # 06 # e premendo il tasto di chiamata. Ma se abbiamo smarrito o rubato il terminale, nessuno di questi metodi è valido, tranne se abbiamo ancora la scatola, cosa che purtroppo molti utenti non conservano.

Se abbiamo acquistato il telefono gratuito o tramite un operatore, sulla stessa fattura è presente anche il numero IMEI. Si consiglia, non appena si acquista un nuovo telefono, di memorizzare questo numero, ad esempio nell'elenco dei contatti, poiché sia ​​su iOS che su Android, possiamo sincronizzare i nostri dati con il cloud e avere sempre accesso ad essi in questi casi o quando vogliamo passare facilmente i dati da un terminale all'altro.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.