Mosca smetterà di usare il software Microsoft

russia-microsoft-windows

L'azienda con sede a Redmond potrebbe smettere di servire la capitale russa. Secondo Bloomberg, Mosca inizierà a sostituire i prodotti Microsoft con software nazionale, a seguito dell'insistenza di Vladimir Putin a smettere di fare affidamento sulla tecnologia straniera, è speciale per tutto ciò che arriva dagli Stati Uniti. Lo ha detto ai giornalisti il ​​Chief Technology Officer Artem Yermolaev il primo servizio a smettere di funzionare sarà Microsoft Exchange e Outlook, che sarà sostituito su 6.000 computer dal software della società russa Rostelecom.

Ma questa è solo la punta dell'iceberg, poiché in futuro le autorità vogliono implementare il software nazionale per gestire la posta elettronica su più di 600.000 computer distribuiti in tutto il Paese. Potrebbero persino sostituire sia Windows che Office anche se al momento, secondo l'annuncio del ministro della tecnologia, non ci sono piani in tal senso.

Il presidente russo Vladimir Putin ha chiesto a società ed entità di fargli un'offerta che consenta loro di lavorare come prima e di smettere di fare affidamento sul software americano. Mancanza di fiducia nel software americano non riguarda solo Microsoft ma anche Google e Apple Hanno avuto diversi problemi nel paese a causa del presunto spionaggio delle loro applicazioni e del sistema operativo.

Tutto è iniziato con la crisi della Crimea, in cui la comunità internazionale correva contro la Russiae le prime minacce iniziarono ad arrivare dalla Russia sia in Europa che negli Stati Uniti. Per cercare di fermare l'avanzata dei prodotti americani nel Paese, Putin vuole aumentare le tasse sulle società americane che operano all'interno del Paese.

A poco a poco, il governo russo sembra seguire le orme della Cina, cercando di farlo avere controllato in ogni momento tutte le informazioni che circolano su Internet e dispositivi che possono rappresentare una minaccia per il governo. Va ricordato che un paio di anni fa, il governo del Paese ha deciso di sostituire tutti gli iPad con i tablet Samsung, poiché sostenevano che iOS avesse una backdoor che consentiva alle autorità americane di accedere alle informazioni archiviate su qualsiasi dispositivo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.