Netflix cancella House of Card per le accuse di molestie di Kevin Spacey

Castello di carte

Il caso Weinstein sembra essere stato lo spunto per portare alla luce ciò che non si vede a Hollywood, la biancheria sporca in cui il sesso è una parte importantissima, ma in peggio. All'inizio di questo mese, il produttore Harvey Weinstein è stato accusato da più di una dozzina di attrici, tra cui Gwyneth Paltrow, Angelina Jolie e Mira Sorvino, di molestare sessualmente un gran numero di attrici. Nonostante fosse un segreto di Pulcinella, nessuno osava alzare la voce contro uno dei produttori più importanti di Hollywood. La sua carriera a Hollywood lo era finito per negare l'intera industria di lui. Ma non è l'unico, visto che ora sembra che sia il turno di Kevin Spacey.

Una delle serie mitiche che hanno reso Netflix la piattaforma VOD più popolare oggi è House of Cards, una serie che sta per presentare in anteprima la sesta stagione, una stagione che sarà l'ultima, come ha affermato Netflix il giorno dopo aver scoperto l'accusa di molestie sessuali nei confronti di Kevin Spacey da parte di Anthony Rapp, quando aveva 14 anni, uno degli attori che fa parte della troupe della nuova serie Netflix Star Trek Discovery.

Le dichiarazioni che ha fatto Kevin Spacey non aiutano a calmare le acque:

Onestamente, non ricordo un incontro avvenuto 30 anni fa. Se mi sono comportato nel modo che sostiene, gli devo le scuse più sincere per il comportamento profondamente inappropriato.

Spacey ha approfittato della dichiarazione per affermare che in questi anni ha mantenuto rapporti sia con uomini che con donne, riconoscendo la sua omosessualità nella stessa dichiarazione. Spacey, che era uno dei produttori esecutivi della serie, potrebbe aver visto la sua carriera, non solo come produttore, ma anche come attore, finalmente giungere al termine, guardando la nuova direzione che l'industria di Hollywood sta prendendo con i molestatori sessuali.

Ciò che è chiaro è che ora che l'industria cinematografica ha iniziato a riconoscere questi segreti aperti, Kevin Spacey non sarà né il primo né l'ultimo attore chi farà notizia per questo tipo di accuse ponendo fine alle rispettive carriere.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.