AdSense e usabilità. Il paradosso di AdSense

La replica della spia

Ti sei mai fermato a pensare che il file Il successo del programma AdSense è direttamente proporzionale al numero di utenti che espelliamo dal nostro blog? Bene, questo è quello che ho pensato dopo aver letto Cos'è l'usabilità web? E questo è la mia risposta.

La usabilità ben applicata significa che il visitatore di una pagina web sa in ogni momento dove si trova, come spostarsi da un'area all'altra del web e a cosa serve ogni sezione della pagina con un semplice sguardo.

PPer il programma AdSense per segnalare i vantaggi dobbiamo imparare a integrare i nostri annunci All'interno del contenuto, ciò significa che dobbiamo scegliere i colori e le dimensioni appropriate in modo che gli annunci non entrino in conflitto con il resto del contenuto del sito.

Blog di Adsense

En il blog di AdSense Ci parlano di Blogtimization e loro stessi ci sottolineano nel primo punto del loro articolo l'importanza dell'integrazione degli annunci nel blog. Raccomandano di scegliere lo stesso colore dello sfondo del nostro blog come sfondo per i nostri annunci, nonché altre indicazioni per integrare la pubblicità.

A Man mano che miglioriamo l'integrazione delle nostre unità pubblicitarie AdSense, la pubblicità e i contenuti diventano confusi. Così l'utente ignaro di tutta questa pubblicità contestuale non sa dove finisce il contenuto e dove inizia la pubblicità. Ciò che qualsiasi utente esperto percepisce come blocchi pubblicitari inseriti strategicamente per vincere CTR (numero di clic per mille impressioni) per il visitatore neofita è accolto come un unico blocco in cui tutto è contenuto e si accorge appena di fare clic in numerose occasioni su uno spazio pubblicitario.

A da quel momento i principi di base dell'usabilità non sono più soddisfatti, poiché non viene svolto alcun lavoro attivo per differenziare la pubblicità da ciò che è contenuto, poiché ciò potrebbe diminuire i profitti generati dalla pubblicità contestuale.

EIl problema è accentuato quando il il numero di visite a un blog non è troppo elevato. Ovviamente, minore è il numero di utenti unici giornalieri, minore è la percentuale di utenti che probabilmente faranno clic su AdSense. Ciò si traduce in ridicoli vantaggi attraverso questo sistema pubblicitario. Il blogger meno esperto può cadere nella trappola di credere che aumentare il numero di annunci su ogni pagina aumenterà i loro profitti. E questo può essere vero, ma solo in base a determinati criteri. La cosa normale sarà che la misura è controproducente. Vediamo perché.

-Il paradosso di AdSense-

UUn blog con poche visite, anche integrando bene i blocchi di AdSense, trarrà pochissimi benefici dalla pubblicità contestuale. Per avere un guadagno minimo dobbiamo aumentare il traffico sul nostro sito per provare in questo modo ad aumentare il numero di clic sulla nostra pubblicità.

La Paradosso di AdSense Implica che per guadagnare soldi dobbiamo espellere dal nostro blog le visite che ci sono costate così tanto da ottenere.

Psenti È un errore ottimizzare l'integrazione della pubblicità sul nostro sito quando ci sono poche visite. Un blog con poche visite non può permettersi di perdere una sola occasione per trasformare un visitatore occasionale in un lettore fedele.un'ottimizzazione della pubblicità contestuale implica che perderemo un certo numero di utenti più facilmente di quanto ci sia costato attirarli sul nostro blog.

Po altro lato Per crescere come blog non basta offrire buoni contenuti, è necessario socializzare e far leggere ad altri blogger quello che scrivi e linkare ad esso. Se inondi il tuo blog di pubblicità per compensare il poco profitto che realizzi, potresti convincere i nuovi navigatori a fare clic, ma se un blogger arriva sul tuo blog avrai poche possibilità di attirare la sua attenzione se la pagina è inondata di pubblicità.

SNei lettori di blogger non socializzerai mai il tuo blog e difficilmente collegheranno i tuoi contenuti da altri siti. Di conseguenza il tuo PageRank non aumenterà mai e A meno che tu non sia un mago dell'ottimizzazione dei motori di ricerca dovrai accontentarti di "Coda corta" ("coda corta"). Cioè, riceverai visite solo attraverso catene di ricerca molto specifiche e poco frequenti, perdendo la possibilità di iniziare a nutrirti della lunga coda (Coda lunga) dei milioni di ricerche non concorrenti che vengono effettuate quotidianamente su Internet. In ogni caso, senza PageRank dovrai dimenticarti di lottare per questo Google Top Ten in stringhe concorrenti di una o due parolesemplicemente non saranno alla tua portata.

No a Google Adsense

Psenti Se hai poche visite e guadagni poco con AdSense, dovresti iniziare a dimenticare i tuoi guadagni e preoccuparti di aumentare il numero di visitatori giornalieri. Il paradosso di AdSense perderà il suo impatto con l'aumentare dei tuoi numeri. Il mio consiglio, e quello che seguo sugli altri miei siti, è non includere la pubblicità sul blog fino a raggiungere 1.000 utenti unici giornalieri. Quando raggiungerai questa cifra avrai già raggiunto una certa inerzia che ti aiuterà a crescere e anche al di sotto di questo numero di visite i guadagni dalla pubblicità sono così ridicoli Non vale la pena pagare gli effetti negativi dell'inclusione della pubblicità rispetto ai vantaggi di farne a meno completamente.

CQuando smetti di crescere per fare soldi, perdi visite per niente. Non cadere nel paradosso di AdSense, applicare i principi di usabilità sui propri siti e fidelizzare i propri visitatori. Verrà il momento di raccogliere ciò che è stato seminato. Saluti del vigneto.

Vsgradevole Asesino.

Puoi continuare la conversazione sul blog di Il Fritto!: Il principiante ...


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

21 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   intruso suddetto

    Amico, sei un fottuto crack, sono d'accordo con te su tutto, a volte pensiamo troppo alla fottuta pasta e dimentichiamo cosa ci ha portato a creare il nostro blog, dobbiamo riconoscere che quando inizi a fare soldi è tutto molto bello, soldi Per fare qualcosa che ti piace, il problema arriva quando quel reddito inizia a diminuire e sei già dietro perché e come risolverlo invece di continuare con il ritmo normale del blog. Devi svegliarti, nessuno si arricchisce con questo o pochissimi scelti possono vivere di questo, goditi il ​​tuo blog e come dice Vinagre, il resto verrà.

  2.   Aceto suddetto

    Ebbene, intruso, con poche righe, hai detto la stessa cosa di me e senza farci così tanto 🙂

    Per prima cosa, crescere, crescere e poi crescere. Quindi prova a vincere qualcosa se vuoi, ma non prima.

    Saluti amico mio.

  3.   io sono nacho suddetto

    Sono anche assolutamente d'accordo, la pubblicità ha un effetto negativo e se sei un piccolo blog questo fattore è aumentato dai pochi lettori che hai.
    Inoltre, come dice l'intruso, questo non farà soldi, quindi per ora non faccio pubblicità. 😀
    saluti

  4.   Ivan suddetto

    1000 visite ... Buff. davvero complicato.
    La verità è che non so se gli inserzionisti realizzano un profitto dal loro investimento pubblicitario. Non li leggo. I miei occhi saltano automaticamente i blocchi di adsense. Anche se se il mio passaggio attraverso il blog porta reddito al proprietario, sono felice per lui. È sempre un buon incentivo per continuare a scrivere.
    Un saluto!

  5.   Vincitore suddetto

    Ciao, voce clamorosa come quelle che hai usato per l'aceto ... per quanto riguarda quello che dice ivan, è logico che i suoi occhi saltino -come il mio e tanti altri- in adsense automatico, perché sono occhi da blogger, ma quando ricevi 1000 visite, 100 proverranno dagli occhi dei blogger e 900 dagli utenti dei motori di ricerca, "convenzionali" e non saltano nemmeno così facilmente. Un abbraccio.

  6.   Cristian suddetto

    «Prima le cose prima, crescere, crescere e poi crescere. Allora prova a vincere qualcosa se vuoi, ma non prima ".

    Non sono d'accordo su questo. Ciò di cui un piccolo blogger ha bisogno, oltre a continuare a crescere, è essere paziente. Al giorno d'oggi la prima cosa che un blogger che ha appena iniziato sente è che può guadagnare con AdSense ... e se ne va, ci prova.

    Quando si rende conto che è praticamente impossibile, lo lascia e con quello, il blog. Quindi penso che, se hai un piccolo blog, metti lo stesso AdSense, sii paziente e alla fine vedrai i risultati.

    Penso che sia un modo per praticare la pazienza e la "resistenza" con il blog ...

  7.   Aceto suddetto

    @ Victor ha ragione, gli utenti "convenzionali" non rilevano la pubblicità contestuale come noi. Anche così, il numero di visitatori che mordono è molto basso all'interno di quel gruppo.

    @Cristian bueno non devo spiegarti che non sono d'accordo con quello che dici. Se un blog è piccolo, è meglio che diventi grande senza dover portare l'onere della pubblicità. Meno di 1.000 visite al giorno non pagano nemmeno la connessione a Internet. Penso che sia meglio fare a meno di quei soldi all'inizio per arrivare al punto in cui inizi a vincere prima. Per me vale la pena aspettare senza pubblicità e questa è vera pazienza.

  8.   Rafael Monge suddetto

    Non credo in adsense né credo che un normale blogger viva su quello, anche i miei occhi li saltano automaticamente, ma non dobbiamo smettere di credere che hehehehe visiti il ​​mio sito per vedere cosa pensano della posizione dell'adsense, saluti.

  9.   Forbice suddetto

    Un ottimo antipasto come sempre Aceto. Una domanda che sorge, è la migliore integrazione sotto l'intestazione? Quindi sembra chiaro e quelli di noi che ci sono abituati non fanno clic, ma per il resto è ben visibile, giusto?
    Il paradosso è davvero interessante, e molto vero, ogni volta che vedo che una voce viene tagliata da un annuncio esco dal blog quasi per dispetto ...

  10.   Operatore suddetto

    Ottimo riflesso. Vorrei aggiungere qualcosa, credo che ci siano blog più cliccabili (pubblicati + contestualizzati), ad esempio in goponygo si parla di cellulari e ovviamente tutti gli annunci che escono sono molto coerenti con gli argomenti di cui si parla, quindi è molto normale per un utente fare clic se vede un annuncio con prezzi interessanti. Questo non sempre accade con il tema di tutti i blog.

    A proposito, la mafia era come dire sempre sciocchezze, comunque!

  11.   Il Fritto! suddetto

    Saluti Aceto.
    Prima di tutto, grazie per il riferimento al mio umile post, come te, neanche io pretendo di essere un insegnante.
    Vedo il problema di adSense come qualcosa di delicato. Da un lato hai il fatto di voler guadagnare con il tuo blog, il che è molto buono; dall'altra l'obbligo che si acquisisce con i lettori e la necessità di non perdere di vista l'orizzonte. Cercare di "camuffare" adSense è qualcosa che può essere visto anche come una pratica ingannevole e di certo non mi sembra che valga la pena inserire pubblicità su un blog che non ha un movimento che lo giustifichi.
    Ovviamente, quando il blog è su un argomento specifico (come Operatore) è molto più facile per gli utenti fare clic sull'annuncio e può essere posizionato in un blocco separato dal contenuto, ma sicuramente non credo che «integrare» (che io chiamo "mimetizzare") è una pratica che ti fa sembrare buono; oltre a dare all'usabilità un bastone in testa.
    Penso che mi costringerai a scrivere un altro post sull'argomento 😉
    Saluti.

  12.   Cristian suddetto

    "Per me vale la pena aspettare senza pubblicità e questa è vera pazienza".

    Stavo zitto come un guanto ... qualche giorno fa sto pensando di mettere AdSense ma ci sono tante cose che mi hanno messo in disparte ...

  13.   Aceto suddetto

    Uff quanto movimento 😉

    @rafael i tuoi occhi come tutti quelli che commentano qui saltano automaticamente, ma ci sono molti che non sanno cosa sia AdSense o la pubblicità contestuale.

    @Tijeran ogni sito ha caratteristiche che inducono una posizione o un'altra. In ogni caso, l'area sopra il taglio è importante quando si inserisce la pubblicità.

    @Operador quando il blog si attacca a un argomento e c'è abbastanza pubblicità su di esso, l'integrazione raggiunge il massimo e ovviamente i profitti (se l'argomento lo consente) aumentano.

    @The Fricky! Se è vero e hai il coraggio con un altro post, sarebbe fantastico 😉

    @Cristian ci dirai

  14.   Rogelio suddetto

    Sembra che sarò l'ultimo a commentare.
    Per quanto riguarda le 1000 visite uniche, va chiarito il tipo di blog, poiché i blog di intrattenimento o tutorial vari come il tuo sono molto visitati. Ma i blog orientati ai blogger sono più difficili da fare. A meno che, ovviamente, non pubblichi 3 o 4 volte al giorno e diversifichi molto. Ma è molto difficile. Inoltre molti blogger principianti a volte entrano per provare a bloggare proprio per vincere qualcosa e c'è un altro paradosso, poi quando guadagnano poco si scoraggiano.
    Ad esempio, ho dovuto mettere adsense quasi dall'inizio, ma ora non saprei nulla su detto sistema o su come ottimizzarlo, o scrivere sull'argomento, o altro.

  15.   Aceto suddetto

    @Rogelio quello che dici dei blogger che iniziano a fare soldi e quando non ce la fanno se ne vanno non è un paradosso, è causa-effetto. Proprio per questo penso che sia un errore inserire la pubblicità fin dall'inizio, le persone si concentrano sull'ottimizzazione del proprio AdSense, ma per chi? Per 200 visite puoi ottimizzare quello che vuoi che non ci guadagnerai nulla, o almeno molto poco. A proposito, il numero di visite, come dici tu, è relativo per ogni argomento, ma ci sono metodi per attirare i visitatori indipendentemente dall'argomento, ma questo implica, come dici anche tu, dedizione e non tutti sono disposti a farlo.

    @el Chavalin, tu meglio di chiunque altro (e io quando ho avuto quelle visite) saprai cosa lascia quel volume di traffico. Per me non ci sono dubbi, hai preso la decisione giusta, prima devi crescere e poi provare a vincere.

    Un saluto a tutti.

  16.   komoloves suddetto

    Sono come Chavalin. Quindi non so cosa fare, se rimuovere Adsense o meno. Ci penserò, ma devi ammettere che hai qualche motivo.

  17.   DDanny suddetto

    Qualche mese fa ho aperto il mio blog e fino a questa settimana non ho incluso Adsense nel mio blog, e ho iniziato a cercare post e commenti su Adsense e su come non dovevo passare attraverso il tuo blog se c'era qualche voce che tu ne ho parlato. Entrata molto buona e molto vera.

  18.   Aceto suddetto

    Danny la verità è che includi pochissima pubblicità e questo è bene non "sporcare" troppo il sito. Fortuna.

  19.   Jexweber suddetto

    Hai perfettamente ragione, ho iniziato a essere un blogger circa un mese fa e la prima cosa che ho fatto dopo aver creato il blog e scritto i primi commenti, è stata includere la pubblicità di Google Adsense, se nessun vantaggio fino ad oggi, mi ha dato di rimuovere è da un po ', una settimana o giù di lì e la verità è che lo noto molto ho visto come sono aumentate le visite sul blog, e sembra che ho già un lettore quotidiano.

    Successivamente cercherò di includerlo a poco a poco.

  20.   Aceto suddetto

    Amico, sembra un'ottima decisione. Buona fortuna e spero che crescerai molto. Al momento ho salvato il tuo link per farti visita di tanto in tanto.

    Saluti di Vinegary.

  21.   GamesOnMovil.com suddetto

    Mi resta la frase: "Il paradosso di AdSense implica che per guadagnare soldi dobbiamo espellere dal nostro blog le visite che sono state così difficili da ottenere".