Alternative per convertire una chiavetta USB in un'immagine disco

convertire un'unità flash USB in un'immagine ISO

Cosa succede quando la nostra unità flash USB è stata riempita di informazioni importanti e ne abbiamo bisogno per archiviare più file? Innegabilmente, qualcuno potrebbe copiare tutto il contenuto di questa chiavetta USB in uno spazio sul disco rigido del tuo personal computer, poiché in seguito puoi usarlo per salvare qualsiasi quantità di informazioni extra una volta formattato.

Purtroppo questo tipo di meccanismo potrebbe causare file importanti che vengono tenuti nascosti in una directory, potrebbero andare persi se non li copiamo correttamente. Una buona alternativa è provare sscegli l'intera chiavetta USB e trasformala in un'immagine disco, qualcosa di molto simile a quello che si fa generalmente con importanti CD-ROM di programmi applicativi. In questo articolo menzioneremo alcune alternative gratuite che puoi utilizzare per questo scopo.

Questa alternativa è un'applicazione che puoi utilizzare su base portatile poiché non è necessario installarla in Windows. L'interfaccia è amichevole, cioè non coinvolge alcun tipo di strana funzione per confondersi.

PassMark ImageUSB

L'unica cosa che devi fare è inserire la chiavetta USB (o tutte le altre che vuoi nelle rispettive porte del computer) e successivamente, eseguire questa applicazione in modo che li riconosca. La cosa interessante è che puoi scegliere una o più unità per convertirle in un'unica immagine BIN; ovviamente hai anche l'opportunità di invertire il processo, avendo bisogno della stessa quantità di unità flash USB se sei riuscito a elaborarne diverse con questa applicazione portatile.

Un altro strumento interessante che puoi arrivare a utilizzare con un obiettivo simile è proprio questo; È anche un'applicazione portatile e la sua interfaccia è molto più semplice e semplice di quella menzionata con l'alternativa precedente.

DiskImage di Roadkil

Qui troverai solo due schede in alto, che ti aiuteranno a generare entrambi (crea) l'immagine del disco da una chiavetta USB così come ripristinarlo attraverso un processo regressivo. Ci sono molte più differenze con l'alternativa precedente, perché con questa applicazione portatile puoi elaborare una sola chiavetta USB alla volta, ottenendo un file in formato IMG che puoi salvare sul tuo personal computer.

In una precedente occasione avevamo accennato all'uso di questa applicazione portatile anche se, con un obiettivo completamente diverso da quello che per ora suggeriremo. In quella occasione, siamo venuti ad insegnare come sapere se una pendrive USB o una memoria micro SD ha settori danneggiati o è stata semplicemente hackerata da un "produttore" che ha deciso di mostrare, una dimensione completamente diversa dall'originale. In questa occasione menzioneremo che questa stessa applicazione ha una caratteristica simile al tema di cui ci occupiamo in questo articolo.

RMPrepUSB

L'immagine che abbiamo posizionato nella parte alta ci aiuterà a spiegare questo aspetto; Proprio lì potrai vedere una piccola regione evidenziata in giallo e dove il file due funzioni di cui avremo bisogno per elaborare una chiavetta USB. La seconda opzione (Drive -> File) è quella che ci aiuterà a convertire la pendrive USB in un'immagine disco, mentre la prima opzione (quella di colore rossastro) ci aiuterà a invertire il processo, cioè a per poter recuperare questa immagine disco sulla chiavetta USB.

Questa diventa anche un'applicazione portatile che ci aiuterà convertire un'unità flash USB in un'immagine disco. L'utilizzo dello strumento differisce un po 'da quanto accennato nelle precedenti alternative, sebbene il principio continui ad essere mantenuto secondo quanto commentato finora.

USB Image Tool

Tutto quello che devi fare è cerca la chiavetta USB con l'opzione mostrata a sinistra; Una volta trovato, dovrai iniziare a elaborarlo con le opzioni mostrate a destra. Ce n'è uno proprio lì che ti aiuterà a creare l'immagine disco (Backup) come file una copia di sicurezza, mentre l'altra opzione (Ripristina) ci aiuterà a invertire il processo.

Sebbene sia vero che ciascuna di queste alternative ci aiuterà a ottenere un'immagine del disco in un formato diverso da ISO, dobbiamo anche considerare che attualmente ci sono strumenti che potremmo usare per convertire in file che abbiamo creato, in un formato per noi più comodo da gestire.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.