Alien Analysis: Colonial Marines

È stata una lunga attesa che abbiamo dovuto sopportare da allora Sega, Insieme con Cambio di velocità, ha annunciato lo sviluppo di quello che prometteva di essere il gioco definitivo che avrebbe adorato quella saga di film horror inaugurata dal maestro remove STRA © s nel 1979.

Con sei anni di sviluppo e diversi ritardi sonori, abbiamo finalmente nelle nostre mani la migliore esperienza horror spaziale xenomorfica. Valeva la pena aspettare? Bisturi in mano, sezioniamo l'ultima piccola creatura dai creatori di Borderlands.

I fan di Alieno Aspettavamo questo lancio da molto tempo, ed è quello dopo Trilogia aliena y Resurrezione aliena dal tempo della añeja PlayStation, gli xenomorfi non avevano un gioco esclusivamente per loro su console desktop, se li scartiamo Alieni vs predatore che ha affrontato queste due specie letali già umane e, guarda caso, l'ultima battaglia che è arrivata dalle mani degli irregolari Ribellione Nel 2010, nonostante i suoi famigerati difetti, è stato uno spettacolo divertente. Mentre questo Marines coloniali era già stato pianificato da Controlla sei giochi per EA, che ha cancellato il progetto nel 2001 e il cui destinatario era PlayStation 2. posteriormente, Sega ha ottenuto i diritti per il lancio di giochi di Alieno e ha preso l'idea di creare un fps impostato tra Aliens y 3 Alien, raggiungendo un accordo con Cambio di velocità Per il loro sviluppo.

La storia di questo Aliens: Colonial Marines si trova tra gli eventi visti nei film di Aliens y 3 Alien, assumendo il ruolo del caporale Christopher inverno, uno dei marines della USS Sephora, in arrivo 17 settimane dopo la trasmissione del caporale Hicks dal Sulaco, per indagare su cosa è successo nella nave e nella colonia. Dal punto di vista argomentativo, il punto di partenza è abbastanza tipico e lo sviluppo della trama, nonostante abbia avuto il consiglio di alcune delle menti coinvolte nei vecchi film, è molto deludente e prevedo già che alla stragrande maggioranza delle persone non piacerà. . Quella dichiarazione che Aliens: Colonial Marines sarebbe stato il sequel perduto tra Aliens y 3 Alien ha più fantasia che realtà.

A livello tecnico, purtroppo, ci troviamo di fronte a un prodotto scadente, che trasmette ovunque una terribile sensazione di incompiuto: texturing a bassa risoluzione o problemi di caricamento delle texture, mancata illuminazione, bug troppo frequenti, clipping, tearing, frame drop, oggetti o personaggi che scompaiono , scarsa intelligenza artificiale, animazioni molto rudimentali ... A questo proposito, Aliens: Colonial Marines Sono tutte sciocchezze, con una finitura impropria della qualità media di un gioco in questo momento di fine generazione e molto lontana da quello che doveva essere un gioco tripla A. E a proposito, quei video che mostrano le demo del gioco, loro sono assolutamente falsi: il prodotto finale non corrisponde al materiale mostrato.

La sezione audio ha alcuni pezzi riconoscibili dei film, così come il suono ricondotto ad elementi caratteristici dei film, come il rimbombo del fucile a impulsi o gli avvisi del rilevatore di movimento -il cui utilizzo è quasi aneddotico, poiché il gioco è completamente sceneggiato-. Per quanto riguarda il doppiaggio, possiamo goderci la voce del mitico Alfonso Vallés -l'indimenticabile Solid Snake spagnolo-, ma il resto del cast stride molto con la sua interpretazione. L'impostazione visiva del gioco è impoverita dalla scarsa finitura tecnica, anche se ci sono alcuni accenni ai film ei fan li riconosceranno e apprezzeranno rapidamente.

Una sensazione importante nella saga Alieno era la tensione: sentirsi preda di creature feroci e spietate che potevano nascondersi da qualsiasi ombra. Tuttavia, la meccanica giocabile di Marines coloniali si limita a "sparare a tutto ciò che si muove", in ondate di xenomorfi che a volte si muovono sullo schermo come papere carnevalesche e seguendo lo stesso schema di attacco. Gli scontri contro gli umani sono ancora meno soddisfacenti, soprattutto per la sfida zero che rappresentano - più di ogni altra cosa per la loro rudimentale IA - e perché non contribuiscono assolutamente a nulla in un gioco in cui la grazia era combattere contro gli xenomorfi. Come altro obiettivo giocabile negativo, evidenzia l'imprecisione delle armi, anche quando miri.

La durata del gioco è di circa 6 ore nel livello intermedio, qualcosa di abbastanza lontano dalle 10 che avevano promesso Cambio di velocità. L'unico modo per ottenere il massimo dalla campagna è attraverso la modalità cooperativa, sia a schermo condiviso che online per 4 giocatori, che è un'esperienza più soddisfacente che da soli. Le altre modalità disponibili sono: Battaglia-con lati di marines e xenomorfi-, Sterminio -dove i soldati umani devono distruggere nidi di alieni-, Fuga -Modalità 4 vs 4 in cui gli umani dovranno scappare dagli alieni- e supervivencia. Inoltre, possiamo evolvere e personalizzare sia gli umani che gli xenomorfi. Sottolinea che controllare le creature è piuttosto complicato e ti servirà tempo per padroneggiarlo con facilità e abituarti alla videocamera in terza persona.

Cambio di velocità ci ha preso in giro tutti, anche i suoi Sega, che, a quanto pare, nel 2010 ha respinto una versione finale del gioco per non soddisfare i requisiti minimi di qualità - da qui quei famigerati ritardi. Dal presidente di Cambio di velocità, Randy Pitchford, è venuto fuori che il gioco è stato realizzato da diversi studi che hanno esternalizzato, quindi il lavoro dell'azienda che avrebbe dovuto realizzarlo -Cambio di velocità-, è ridotto al 20 o al 25% del terribile gioco finale che abbiamo in mano.

Aliens: Colonial Marines Si tratta di un prodotto molto povero, realizzato senza desiderio, pieno di bug e che non passerà il filtro di qualità della stragrande maggioranza dei giocatori: sarebbe stato meglio cancellare il gioco piuttosto che lanciare questa sciocchezza. Non c'è dubbio che sia la prima grande delusione del 2013 e che rimetta in discussione la serietà e la professionalità di Cambio di velocità. Consiglierei la sua acquisizione a un prezzo molto basso solo a quei fan recalcitranti di Alieno, per gli altri mortali, evitare il contatto come se fosse l'acido molto corrosivo degli xenomorfi.

NOTA FINALE DI MUNDIVJ: 4

 

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.