Analisi di Metal Gear Solid V: Ground Zeroes

metallo-ingranaggio-solido-v-ground-zero

Molte sono state le polemiche che hanno circondato Ground Zeroes, questo prologo di Metal Gear Solid V: The Phantom Pain, dal suo stesso annuncio, quando ancora non so che sarebbe finito per essere venduto separatamente o che c'era qualcosa con più entità, un Metal Gear Solid numerato, in arrivo . Ora, questa puntata è qui e, come potrebbe essere altrimenti nel caso della saga di Kojima, il tumulto dei media continua.

Ed è che la breve durata di qualcosa più simile a una demo estesa che a un gioco completo Fanno molti utenti, compresi i fan della saga, storcere il naso a un'altra politica che, eseguita in precedenza nella saga di Gran Turismo, potrebbe rimanere. Sì, abbiamo una scusa che The Phantom Pain ha ancora molto tempo davanti ma, comunque sia, Ground Zeroes è una decisione criticabile. Ma dipende dal gioco giocabile? Vediamo. 

Cerchiamo di essere così diretti e semplici com'è Ground Zeroes con la sua missione principale e diciamo, ovviamente, che è un titolo che, a mio parere, solo i veri fan della serie apprezzeranno. Hai dubbi sul fatto che varrà la pena acquistarlo o meno? Non farlo. Poiché dubito che una missione i cui obiettivi siano andare in un punto A e portare la raccolta in un punto di estrazione e, subito dopo, andare in un punto B per portare la raccolta in un altro punto di estrazione, sia qualcosa che soddisfa la maggioranza del pubblico.

È vero che Ground Zeroes incoraggia a vedere che finalmente siamo davanti a un protagonista davvero agile e comodo da usare, ci lasciamo alle spalle l'approccio ortopedico e un po 'macchinoso delle consegne precedenti. Molto positivo anche l'aggiornamento dei menù per il cambio delle armi e l'utilizzo degli oggetti e, soprattutto, del radar. Inoltre, forse il punto più positivo a mio avviso, il carico di trama che si intravede nei filmati della missione principale mira a una consegna più matura, più grezza e grezza; Penso che con The Phantom Pain saremo più vicini a MGS3: Snake Eater che a MGS4: Guns of the Patriots, e lo apprezzo molto.

Continuando con l'aspetto della trama, si svolge questo prologo poco dopo gli eventi di Peace Walker, la consegna originariamente lanciata per PSP e che in seguito ha raggiunto Ps3 e Xbox 360 grazie a diverse raccolte della saga. A questo proposito, il fatto che gli eventi che vediamo e vedremo in GZ e The Phantom Pain si verificano tra due giochi esistenti farà andare la testa di Kojima meno del normale e non vedremo stravaganze o pure. fanservice senza venire in mente. Qualcuno ha detto nanomacchine?

Ground Zeroes

In tutta onestà, c'è da dire che al termine della missione principale, verranno sbloccate tre missioni aggiuntive, insieme a una in più raccogliendo le nove patch sparse per la base dove si svolge il gioco. Questi tre le missioni sbloccabili sono estremamente semplici e funzionano come uno schizzo della meccanica che possiamo vedere in The Phantom Pain, ma non hanno alcuna trascendenza nella storia o nel personaggio, né alcun tipo di gancio o carisma. Sono procedure semplici che prevedono minuti di gioco e ci permettono di godere un po 'di più del notevole aspetto tecnico di Ground Zeroes, se ci spostiamo su Ps4 o Xbox One.

Ed è che, tecnicamente, il gioco attira l'attenzione quando si gioca la missione principale, di notte e con una forte pioggia, che farà risaltare i riflessi e l'illuminazione sul resto. Un caso a parte è, quando si giocano le missioni secondarie (ciascuna a un'ora del giorno), il scoppiettio esagerato e l'occasionale ritaglio che può essere notato, elementi che Konami deve risolvere per il lancio di The Phantom Pain. E continuando con i punti negativi, sono sicuro che mancheranno tutti i fan accaniti della saga, e molto, meno David Hayter come duplicatore di Snake / Big Boss. Kiefer Sutherland fa un buon lavoro ma il carisma e l'immediata identificazione con il personaggio della voce di Hayter è e sarà impareggiabile.

In sintesi, vorrei chiarire che non appoggio in alcun modo questo tipo di decisione da parte delle aziende e incrocio le dita che non costituisce un precedente e tra qualche anno dovremo acquistare il primo missioni dei giochi separatamente. Ground Zeroes è un primo contatto con ciò che verrà all'interno della saga e, in questo aspetto, penso che ci consenta di essere ottimisti con gli aspetti giocabili e narrativi, pilastri all'interno di MGS. Manca però molto packaging come singola entità e, nonostante la sua rigiocabilità, la semplicità e la brevità delle missioni possono deludere più di una, considerando il suo prezzo di vendita. Potremmo dire che il bene e il male di Ground Zeroes è questo lasciare volendo di più: per apparire e suggerire un salto di qualità oltre il puro incongruo fanservice che MGS4 era e per essere, chiaramente, insufficiente.

VALUTAZIONE MONDIALE: 5.5


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.