10 attività che molti di noi svolgono su Internet che potrebbero essere illegali da qualche parte

Cose illegali in rete

La maggior parte di noi sicuramente in un'occasione o nell'altra ha scaricato un film, un disco musicale o un libro dalla rete delle reti, consapevoli che stiamo commettendo qualcosa di illegale, ma con la totale certezza che nulla ci può accadere. Tuttavia, la situazione potrebbe cambiare molto presto e la Corte d'appello della California ha condannato un americano per un crimine di pirateria informatica.

La cosa strana di tutto questo caso è che il suo crimine non è stato quello di scaricare un film o una canzone da Internet, ma solo di chiedere a un collega la password WiFi dell'azienda in cui lavorava. Questa è stata considerata una tecnica di hacking illegale, anche se può sembrare uno scherzo, e questo ci ha portato a riflettere 10 cose che molti di noi fanno su Internet che potrebbero essere illegali.

È vero che le cose o le attività che vedremo in questo articolo potrebbero essere illegali e persino portarci in prigione, sebbene dipenderà in gran parte dal paese in cui risiediamo. E non è lo stesso impegnare una di queste attività negli Stati Uniti, che farlo da uno dei tanti paradisi che danno enorme libertà di fare e disfare nella rete delle reti.

WiFi senza password

rete WiFi

Questo è uno degli errori più comuni che un numero enorme di utenti commette ogni giorno e in tutto il mondo. Lasciare una rete WiFi non protetta con una password significa che chiunque può accedere a Internet tramite la tua connessione. In molti casi questo non è un problema, ma in altri lo è.

E se no chiedete al buon vecchio Barry, che la polizia ha interrogato per più di un mese per le presunte visite che ha fatto a siti di pornografia infantile. Qualche tempo dopo si è scoperto che Barry non era quello che guardava il porno attraverso la rete delle reti, ma era il suo vicino che lo faceva connesso alla rete WiFi. Tutto questo casino finì per risolversi e con lo sgradevole vicino dietro le sbarre, ma non avere una password fece bere a Barry un brutto drink.

Post offensivi

Tutti gli spagnoli lo sanno molto bene scrivere, ad esempio, messaggi offensivi su Twitter, può farti finire in prigione. Inoltre, in questi giorni è abbastanza attuale la cataratta di denunce che vengono portate avanti nei confronti di molti utenti che hanno scritto attraverso la rete di autentiche atrocità sulla morte del torero Víctor Barrio.

Cercando nella rete delle reti, possiamo trovare casi che rasentano l'assurdo, ed è che Leigh Van Bryan, 26 anni, ed Emily Bunting, 24 anni, hanno twittato prima di recarsi negli Stati Uniti in vacanza; "Tutta la settimana libera per prepararmi prima di andare a distruggere l'America."

Il "premio" per questi due giovani è stato un interrogatorio di oltre cinque ore da parte della polizia americana, in cui sono riusciti a spiegare che il termine "distruggere" significava semplicemente andare a una festa.

Servizi VOIP

Skype

I Servizi VOIP o servizi di protocollo Voice over Internet, come Skype o l'opzione offerta da applicazioni come WhatsApp o Viber. Anche se può sembrare un'app totalmente innocua, in alcuni paesi come l'Etiopia il suo utilizzo è vietato, e la nuova legge sulle telecomunicazioni del Paese africano condanna tutti gli utenti che usufruiscono di questo tipo di servizio, qualunque sia lo scopo.

Non è una cosa comune, ma se hai intenzione di viaggiare in Etiopia, fai molta attenzione perché potresti finire in prigione senza nemmeno rendertene conto e senza sapere davvero perché.

Traduci articoli

Sappiamo tutti più o meno che tradurre un libro, senza il permesso del suo autore o dell'editore che possiede i diritti del libro, è un crimine, che in un numero enorme di paesi può farti finire in galera. La traduzione di un articolo può essere altrettanto seria in alcuni paesi, come la Thailandia, dove un cittadino è stato arrestato per aver tradotto un articolo sul suo blog.

L'articolo è stato considerato "offensivo per l'autocrazia" e il suo traduttore, non l'autore, è finito dietro le sbarre per un breve periodo.

Gioco d'azzardo o gioco nei casinò online

Poker online

Negli Stati Uniti e quasi tutti i paesi europei effettuano scommesse sportive online o giocare nei casinò online è abbastanza comune. Tuttavia ci sono molti paesi in cui questo è un criminee può portare a tempi di prigione piuttosto significativi

Se quest'estate andrai in vacanza in un paese insolito, controlla prima di essere in grado di giocare a poker, ad esempio, per evitare di essere turbato.

Scambia file

Per molto tempo La condivisione di file è stata circondata da controversie, principalmente a causa delle leggi sul copyright. A seconda del paese in cui ci troviamo, le leggi sono più o meno severe e ad esempio, in alcune di esse, il semplice gesto di scaricare un torrent può essere un crimine.

Fai molta attenzione prima di lanciarti per scaricare un film o una canzone tramite torrent e se non conosci le leggi sul copyright del paese in cui ti trovi, puoi facilmente entrare in un pasticcio di cui in seguito sarà abbastanza difficile da ottenere. su.

Condividi i testi delle canzoni

Cameron D'Ambrosio

Per chiudere questo elenco di cose illegali che molti di noi fanno quotidianamente sulla rete di reti in un gran numero di paesi, vogliamo mostrartene una un po 'particolare, come la condivisione dei testi delle canzoni. Può sembrare una cosa da poco, ma comunque Il rapper Cameron D'Ambrosio è stato arrestato non molto tempo fa dalle autorità degli Stati Uniti per aver pubblicato testi di canzoni sul tuo profilo sul social network Facebook.

Naturalmente, come stai pensando, l'arresto non è stato dovuto solo alla pubblicazione dei testi delle canzoni, ma al loro contenuto in cui ha fatto diverse minacce terroristiche. La pena detentiva richiesta dai procuratori statunitensi è stata niente di più e niente di meno di 20 anni.

Hai impegnato alcune delle attività che ti abbiamo mostrato negli ultimi tempi?. Tieni presente che alcuni di loro, anche se li hai commessi, in Spagna ad esempio non sono un crimine, almeno per ora.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.