Un bug nell'app Spotify potrebbe causare milioni di perdite per il servizio

spotify

Sebbene il problema sia passato inosservato da molti, la verità è che la questione è più seria di quanto pensiamo, almeno per Spotify. On hacker ha scoperto un bug in modalità offline che consentirebbe di utilizzare il servizio premium il doppio del tempo senza doverlo pagare. Ciò significa che un utente che paga per sei mesi puoi usarlo per 12 mesi allo stesso prezzo.

L'app Spotify ti permette di andare offline ma solo per un periodo di tempo, circa 30 giorni, dopodiché proverà a metterti in modalità online. Il bug in questione permette di dinamizzare questa situazione e di trarne vantaggio.Pertanto, un utente può mettere la modalità offline, annullare l'iscrizione al servizio premium e tornare dopo 30 giorni, con i quali l'utente a fine anno avrebbe pagato sei mesi per l'utilizzo di 12 mesi. Il trucco è dettagliato in un thread di Reddit, rendendolo disponibile a tutti e a chiunque disponga di un account Spotify. purtroppo non sappiamo se è compatibile con altri servizi che utilizzano Spotify API o se funziona solo con l'app Spotify ufficiale.

Dimezzare i profitti grazie a questo bug nell'app Spotify potrebbe essere costoso per il servizio

Forse Spotify ha già corretto la situazione poiché se la compagnia del popolare servizio di musica in streaming dovesse diffondersi, lo farebbe fronte una drastica riduzione del tuo reddito, un reddito che non consente azioni di grandi imprese come si è visto ultimamente in questo tipo di servizi e aziende.

Molti criticano il fatto di farlo ogni 30 giorni per un prezzo così basso, qualcosa che ha senso ma È vero che molte persone non possono ancora accedere a questo servizio perché è una quota irraggiungibile per loro. Questo è il motivo per cui questo trucco ha avuto e ha un tale impatto sul web, sebbene da qui consigliamo di optare per l'account freemium, un account che ti permette di ascoltare la musica che desideri con momenti di annunci ma in modo più legale.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.