Cosa ci aspettiamo dal WWDC 2015

aspettative wwdc 2015

Il conto alla rovescia è iniziato. Il prossimo lunedì, 8 giugno, il centro congressi Moscone Center di San Francisco ospiterà il Conferenza mondiale degli sviluppatori 2015. La conferenza annuale degli sviluppatori, organizzata da Apple, e uno dei più famosi nel mondo tecnologico. Ottenere un biglietto per il WWDC 2015 è un compito complicato: devi prima inserire il tuo nome in una lotteria e, se viene scelto, puoi pagare i quasi 1.600 $ che il biglietto costa.

Il WWDC è diventato quell'evento rivolto principalmente al software. Quest'anno Apple annuncerà iOS 9, cosa c'è di nuovo in OS X, ma ci saranno sorprese anche in altri campi. A differenza di altre edizioni, questa volta le fughe di notizie sono state rare, ma possiamo avere un'idea di ciò che Apple ha preparato per lo scorso anno. Questo è ciò che aspettiamo con impazienza il WWDC 2015 in ogni reparto.

ios 9

iOS 9

L'anno scorso Apple ha introdotto iOS 8, un sistema operativo che ha fatto un serio passo avanti verso la personalizzazione dei nostri dispositivi. L'azienda ci ha finalmente permesso di acquistare tastiere sviluppate da terze parti e di aggiungere o rimuovere widget dai nostri centri di notifica. In questo senso, Apple si è ispirata al principale sistema operativo rivale: Android. Quest'anno speriamo che il l'apertura alla personalizzazione continua. Potremmo trovare sorprese nell'organizzazione delle icone o durante la manipolazione dell'interfaccia, ma finora non sono trapelati grandi dettagli al riguardo.

In iOS 8, invece, Apple ha debuttato "HomeKit", un'applicazione che aspirava a diventare il centro smart della nostra casa. Gli sviluppatori e i produttori di accessori potrebbero utilizzare "HomeKit" per potenziare gli utenti. HomeKit ci avrebbe permesso di controllare la domotica da un'unica applicazione: alzare e abbassare le tapparelle, controllare le telecamere domestiche, accendere e spegnere le luci e molto altro ancora. Era uno degli strumenti più attesi di iOS 8, ma sfortunatamente, Apple non è mai riuscita ad attivarlo. "HomeKit" è stato "in uno stato di sonno profondo" nei nostri iPhone nell'ultimo anno e non sapevamo perché. Infine, iOS 9 raccoglierà il testimone e diventerà il sistema operativo che ci permette di controllare gli elementi della casa. Negli ultimi mesi, Apple e diverse aziende di accessori hanno annunciato di essere pronte a lanciare prodotti compatibili con HomeKit. Quel momento è arrivato e possiamo aspettarci tante sorprese al riguardo, non solo in iOS 9, ma ci saranno anche altri reparti che sfrutteranno le potenzialità di HomeKit, come vedremo in seguito.

Un'altra prova che abbiamo, attraverso fughe dirette da dipendenti Apple, ci porta al app ufficiale di Maps. Questa è stata una delle grandi "disgrazie" di Apple in iOS 6: la piattaforma, nata per sostituire Google Maps, non è stata all'altezza delle aspettative e la pioggia di critiche era inevitabile. Apple ha subito una tale pressione che Tim Cook è stato costretto a firmare una lettera pubblica di scuse raccomandando alternative rivali. Apple Maps è migliorata notevolmente negli ultimi anni, fornendo percorsi più affidabili, ma non è ancora al livello di Google Maps. Al momento, Apple Maps non ci mostra il traffico o mezzi di trasporto pubblico, ma quest'ultimo punto potrebbe cambiare a partire da iOS 9, a quel punto Apple inizierà a introdurre informazioni per grandi città come New York, Londra, Berlino e Parigi.

D'altra parte, dovrebbero essere aggiunti all'iPad importanti miglioramenti del software. Il tablet Apple ha subito un calo delle vendite nell'ultimo anno e nulla sembra riuscire a fermarlo. UN differenziazione abissale dall'iPhone 6 Plus sarebbe la soluzione. iOS 9 potrebbe introdurre un vero e proprio multitasking, in cui potremmo aprire e gestire due finestre, con due diverse applicazioni, contemporaneamente. Non sarebbe male se, finalmente, iOS 9 diventasse il sistema operativo che ci permette di avviare diverse sessioni su un iPad. Sarebbe utile negli ambienti familiari e al lavoro (che ogni utente avesse le proprie informazioni di accesso, con una password).

homekit

OS X

L'anno scorso, ormai, sapevamo già che OS X si sarebbe chiamato Yosemite, come il parco nazionale californiano. Due anni fa Apple ha iniziato a utilizzare nomi di località importanti nello stato d'oro per le nuove versioni del sistema operativo per Mac. In questa occasione, e due giorni dopo l'evento, non sappiamo ancora quale sarà la soprannome scelto.

iOS 9 sarà un sistema operativo incentrato sul miglioramento della stabilità, come abbiamo appreso, e OS X seguirà gli stessi passaggi. Non sappiamo quali saranno le novità principali dell'OS questa volta, anche se speriamo di trovarle anche noi un certo livello di integrazione con HomeKit e gli stessi miglioramenti applicati al programma Apple Maps. Questa nuova versione di OS X sarebbe dotata di un file miglioramento dell'autonomia del MacBook, MacBook Air e MacBook Pro e, auspicabilmente, i problemi associati alle connessioni Wi-Fi, una delle attività in sospeso di Apple, verranno risolti una volta per tutte.

concetto di apple tv

apple TV

Nella sua ultima conferenza, Apple ha ridotto il prezzo abituale di Apple TV da 99 euro a 79 euro, il che ha innescato voci su una nuova generazione. Il La nuova Apple TV subirebbe uno dei più grandi lavaggi del viso fino alla data. Oltre ad essere accompagnato da un potente hardware, il set presenterebbe un nuovo design, più sottile e leggero (controller compreso), accompagnato da varie finiture: bianco, grigio siderale e oro. Anche il controller avrebbe subito una riprogettazione, ma integrerebbe gli stessi pulsanti e aggiungerebbe un pannello touch.

All'interno di questa nuova Apple TV troveremmo un file app store e altri negozi di giochi compatibile con AirPlay. D'altra parte, Apple TV integrerebbe Siri e potrebbe diventare il centro intelligente della nostra casa. Il set potrebbe connettersi con il nostro iPhone, in modo tale che, quando eravamo lontani da casa, potremmo chiedere all'iPhone di spegnere o accendere le luci e la Apple TV sarebbe il dispositivo incaricato di inviare quell'ordine al corrispondente accessorio.

musicale di apple

mela Musica

Finalmente vedremo come l'acquisizione di Beats si materializza l'anno scorso, una transazione che è costata ad Apple tre miliardi di dollari. Abbiamo dozzine di test che ci portano a pensare che Apple abbia pronta la sua applicazione di musica in streaming che competerà direttamente con altri grandi rivali come Spotify. Il prezzo dell'abbonamento sarebbe lo stesso, anche se l'azienda ha cercato di dimezzarlo, ma non ha avuto successo a causa delle barriere legali tipiche delle case discografiche.

A differenza di iTunes Radio, Apple Music ci permetterà di ascoltare qualsiasi album artista completo o specifico che vogliamo. Si spera che la sua espansione internazionale sarà più veloce di quella di iTunes Radio, dal momento che il servizio non ha ancora raggiunto tutti i territori in cui Apple opera normalmente. Apple Music sarebbe integrata in iTunes, Apple TV e iOS, ovviamente.

streaming di apple tv

Il servizio televisivo in streaming di Apple

Siamo consapevoli che Apple sta lavorando per svilupparne uno proprio servizio televisivo in streaming, che consentirà di visualizzare i contenuti di una dozzina di importanti canali televisivi negli Stati Uniti per un prezzo che sarebbe intorno $ 30 o $ 40 al mese, notevolmente più economica della televisione via cavo negli Stati Uniti. Questo servizio sta generando grandi aspettative, ma purtroppo Apple non è stata in grado di prepararlo per questo WWDC 2015, quindi ci vorrebbe un po 'più di tempo per vederlo.

apple-watch

Apple Orologio

Non abbiamo dubbi che Apple aprirà la sua conferenza lunedì vantandosi delle vendite di Apple Watch. Il keynote sarà probabilmente guidato da un video che mostra l'eccitazione che il primo dispositivo indossabile di Apple ha prodotto in tutto il mondo. Ci aspettiamo che Apple introduca nSviluppi a livello di software, relativo anche a HomeKit e che, ovviamente, appaiono nuove interfacce da selezionare durante la visualizzazione dell'ora.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.