Dreamcast, cronaca di una morte annunciata

Dreamcast Logo_1

L'era di Mega Drive è ricordato da molti come il punto più alto di Sega, che gli ha rotto la faccia con il grande N per il predominio del mercato a 16 bit in quegli anni degli anni '90 che molti di noi hanno vissuto in prima persona e di cui salviamo i ricordi come autentici tesori.

Tuttavia, poco dopo, Sega rimarrebbe impigliato in aziende non redditizie, come le famose Mega CD, il gadget di 32 X o commercialmente disastroso Saturno -che ha inghiottito fino a un terzo delle risorse dell'azienda-. Sega Sembrava affondare come una pesante pietra nel mezzo del profondo lago del fallimento, ma poi la donna giapponese è tornata a galleggiare con quella che sarebbe stata un'altra delle sue console più amate: Dreamcast.

Sega Saturno, il predecessore di Dreamcast, era un riferimento che doveva essere preso dalla compagnia del porcospino blu durante lo sviluppo dei 128 bit: volevano evitare che la nuova console fosse una macchina complessa durante la programmazione, cosa che ha avuto un pedaggio Saturno con porte che impiegavano un'eternità per svilupparsi o la cancellazione di molti progetti-, rinnovare la fiducia nel giocatore e impedire alla console di ricordare i precedenti 32 bit (rendendo il bianco il tono di base Dreamcast in tutti i mercati, anche progettando un pad standard che si è allontanato da quello di Saturno, che a sua volta è stato un miglioramento rispetto a Mega Drive)

console saturno

Il fallimento di Saturno È stato clamoroso: la macchina ha venduto solo 9 milioni di console in tutto il mondo, anche se in Giappone è piaciuta abbastanza (di quei milioni, 6 corrispondono al paese giapponese), ma era diversa dai 33 milioni raccolti da Nintendo 64 -e si noti che la grande N considerava questa console un fallimento commerciale- e cosa dire degli oltre 100 che ha raggiunto Sony debuttando con la sua prima console, PlayStation.

Progettazione Dreamcast È stato prodotto in due bande: Sega America aveva il suo team che lavorava segretamente su un prototipo noto come duralluminio, mentre il Giappone si stava sviluppando katana. Infine, è stato il progetto giapponese che è andato avanti dopo alcuni dubbi Sega America y 3dfx -che ha pubblicato i dati della console segreta con tutta la gioia del mondo, qualcosa che ha fatto incazzare, e un po ', Sega-.

dreamcast_proto_2

Infine, Dreamcast È andato in vendita in Giappone alla fine di novembre 1998, generando grandi aspettative per un prodotto che trasuda successo. Anche se come nota aneddotica, molti giapponesi sono tornati a casa a mani vuote per una fornitura di console nei negozi che non è stata all'altezza a causa di problemi di produzione dei componenti delle macchine. Fino alla fine del 1999 la console non è approdata nel mercato più importante, Stati Uniti ed Europa, andando in vendita in Spagna al prezzo consigliato di 39.990 pesetas - che attualmente sarebbe, senza aggiustamenti, di circa 240 euro.

dreamcast-unboxing-03

Dreamcast È stato fornito con un'elegante finitura bianca, quattro porte controller, un modem 56k per i giochi online e un pad di controllo rivoluzionario che ha fatto girare la testa. La macchina era una piattaforma per la quale era facile programmare, aveva una versione di Windows CE ed era molto più potente di quelli vecchio stile PlayStation y Nintendo 64, sebbene la console Sony era ancora molto popolare.

Sega-dreamcast

La manopola di controllo è stata un'evoluzione del Pad 3D de Saturno che è stato lanciato con Notti. Aveva due trigger -qualcosa che sarebbe stato uno standard che veniva trasferito ai controlli più attuali- e permetteva di collegare periferiche come il gadget di vibrazione, microfono e schede di memoria, tra cui la VMU di Sega, con uno schermo incluso e che consentiva un minimo di interazione con alcune aggiunte superflue. Inutile dire che il comando del primo Xbox attinto pesantemente da quello di Dreamcast, una console che aveva anche una tastiera, un mouse e una pistola leggera a sua disposizione, tra le altre periferiche.

controlli

Il formato scelto per la console, il GD-ROM di 1,20 GB, è stato sviluppato con l'idea di rendere difficile piratare la console, ma gravi errori nel suo design hanno permesso ai pirati di essere in grado di scaricare i giochi senza problemi. Inizialmente bastava installare un modchip sulla console per leggere le copie, poi si è passati allo scambio e si è arrivati ​​al punto in cui scaricare l'immagine crackata del gioco su un CD era tutto ciò che era necessario per poter eseguire copie illegali su Dreamcast. La pirateria ha causato molti danni a Dreamcast, ancora di più quando Sega Aveva in mente di recuperare parte dell'investimento nella console vendendo software, che non funzionava come dovrebbe. Per darti un'idea, il mitico Shenmue, che è costato 70 milioni di dollari, ha venduto solo 1.20 milioni di copie in tutto il mondo. Dreamcast non era una macchina che vendeva software a un buon ritmo.

Shenmue

D'altra parte, anche la console non aveva il supporto di aziende come Electronic Arts o Square Enix, mentre altre grandi aziende del settore non sono state coinvolte oltre al lancio di titoli di seconda o terza fila, come è avvenuto con Konami, il cui supporto per la console Sega si è manifestato in gioielli del calibro di Ambito silenzioso. Tuttavia, Dreamcast aveva un potente catalogo pieno di varietà: Sonic Adventure, Soul Calibur, House of the Dead 2, Legacy of Kain: Soul Reaver, Power Stone, Street Fighter III, Quake III, Phantasy Star Online, Rayman 2, Seaman, Grandia, Shenmue, Shenmue II, Resident Evil Code Veronica, Metropolis Street Racer, Jet Set Radio, Space Channel 5, Crazy Taxi, Skies of Arcadia, Amigo's Samba, Chu Chu Rocket, Virtua Tennis...

Nonostante tutto, Sega Stavo vivendo un sogno con lei Dreamcast, fino a Sony L'ha buttata giù dal letto. L'annuncio di PlayStation 2, una macchina più potente e il potere mediatico del marchio PlayStation erano sufficienti per l'interesse in Dreamcast precipitando. Da quel momento in poi, le vendite sono diminuite e gli occhi dei giocatori sono stati fissi PS2.

PS2

Quando la console Sonoed è stato messo in vendita, per una scandalosa 69.990 pesetas -420 euro-, Sega non aveva altra scelta che abbassare la sua macchina, e nonostante avesse un ricco catalogo - qualcosa che PS2 Non ha avuto all'inizio e un prezzo più basso, la battaglia è stata persa in modo clamoroso. Non solo per i motivi citati, Sony Ha anche ottenuto un effetto carambola inserendo il DVD nella sua console, essendo il lettore più economico di tutto il Giappone. Sega ha cercato di reagire con un giocatore per il suo Dreamcast, che mostra un prototipo all'E3 2000 che non è mai stato rilasciato.

La pirateria stava danneggiando, il software non vendeva bene, non c'era il supporto di alcune importanti società di sviluppatori e Sony aveva la console sull'orlo del knockout. Per finire, c'erano più console in stock di quelle vendute, quindi Sega ha interrotto la produzione Dreamcast. Entro poche settimane, hanno annunciato che avrebbero smesso di produrre hardware per essere uno sviluppatore di software di terze parti.

Dreamcast Era in anticipo sui tempi, pensato come un sistema facile da programmare e con il gioco online, ma anche se fosse andato avanti nel mercato, con tutti i suoi fardelli, era una macchina che poteva far impallidire le persone PSX y N64, ma non potrei occuparmi di te a livello tecnico in futuro PS2, GameCube y Xbox (quest'ultimo essendo considerato in un certo senso come una sorta di successore spirituale di Dreamcast), oltre al fenomeno PlayStation ha battuto nuovamente i record con oltre 157 milioni PS2 che sono stati venduti in tutto il mondo.

Breve ma intensa, la vita di Dreamcast È stato un sogno che ha affascinato i fan di Sega già questo stesso. Senza dubbio, è uno dei sistemi più amati dell'azienda blue hedgehog, insieme a Mega Drive (o Genesi attraverso lo stagno), e già un oggetto da collezione che non può mancare tra gli amanti della storia e dell'industria dei videogiochi.

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.