Sweet Home: il progenitore di Resident Evil

Dolce casa

Alcuni penseranno che il germe del franchise zombie milionario di Capcom, il popolare Resident Evil, è in quest'altro titolo, anche un'opera dei giapponesi, anche se, ovviamente, è necessario fare la menzione d'onore per la quale molti intenditori in materia è il vero padre di quel genere che ebbe il suo boom nell'era del Console a 32 bit e che oggi è una delle più popolari tra i giocatori.

Stiamo sicuramente parlando del mitico Alone in the Dark del gala Infogrames, un titolo che è stato rilasciato nel 1992 e di cui Capcom ha preso in prestito alcune meccaniche e dettagli, come l'idea di scenari a telecamera fissa o un gameplay che si ispirava chiaramente alle avventure di Edward Carnby. Ma la storia di oggi ci porterà agli amati 8 bit di grande N e all'anno 1989.

A quel tempo, Nintendo -o Famicom nella terra del sol levante - era una macchina che era diventata molto popolare grazie al suo ampio catalogo e molti sviluppatori di videogiochi rilasciavano i loro titoli quasi esclusivamente per questa console. Capcom era uno di loro, alimentando i titoli della console come Commando bionico, Mega Man o Ghosts'n Goblins. Nonostante la natura familiare del contenuto dei giochi per Nintendo, Capcom ha avuto una tangente nell'anno che ti ha menzionato in precedenza con l'anteprima esclusiva di Dolce casa en NES.

Dolce casa

Dolce casa È stato rilasciato come videogioco di ruolo ispirato a un film horror giapponese con lo stesso titolo - infatti, il suo regista, Kiyoshi Kurosawa, ha supervisionato lo sviluppo di Capcom-. La trama, come in Resident Evil, ci ha trascinato in una dimora spettrale piena di pericoli e orrori: 30 anni fa, un famoso artista di nome Yamamura Ichirou, ha nascosto molti dei suoi preziosi dipinti in questa enorme villa, prima di scomparire in circostanze misteriose. Un gruppo di cinque cacciatori di tesori ha deciso di entrare nella villa e trovare i dipinti alla ricerca di fama e ricchezza. Tuttavia, all'interno della villa, i loro piani vanno male quando il fantasma di una donna sconosciuta appare e li chiude dentro senza possibilità di scappare. Da quel momento in poi, l'unico obiettivo del gruppo sarà quello di trovare una via d'uscita dalla villa ... se riusciranno a sopravvivere agli orrori che si annidano in ogni angolo delle stanze.

La storia della Dolce casa Ha anche il tipico tono grezzo delle leggende giapponesi: arriverà il momento in cui i giocatori scopriranno cosa è realmente accaduto 30 anni fa tra quelle mura. I due figli piccoli della coppia, Ichiro e Mamiya, sono caduti accidentalmente nell'inceneritore della casa e sono stati bruciati vivi. Mamiya non riesce a superare il trauma e inizia a rapire i bambini, togliendogli la vita in modo che gli spiriti dei suoi figli possano avere compagnia. Anni dopo, la casa era infestata dallo spirito di Mamiya stessa, incapace di perdonare se stessa e i piccoli. Una storia che ha poco a che fare con i salvataggi di principesse e altre affabili proposte a 8 bit. Nintendo.

Dolce casa

Il gameplay di Dolce casa Era quello dei classici giochi di ruolo dell'epoca, con combattimenti casuali mentre la villa veniva esplorata, ogni personaggio aveva un'abilità speciale e, attenzione, quando uno di questi veniva sconfitto -erano fino a cinque protagonisti-, la sua morte era permanente nel gioco, il che determinava i diversi finali a cui era possibile accedere al termine dell'avventura: c'erano fino a un totale di cinque diversi finali. Ovviamente il gameplay è diverso da quello caratterizzante Resident Evil, con cui è possibile trovare un terreno comune in altri aspetti.

Dolce casa

Si dice che la prima serie di Resident Evil sarebbe stato un remake di Dolce casae così troviamo alcuni parallelismi. Entrambi i giochi si svolgono all'interno di un'enorme villa, piena di creature mortali e puzzle, dove la sopravvivenza è l'obiettivo principale di questi giochi. Entrambi iniziano con il giocatore disorientato: nonostante abbia un punto della trama definito, in un caso salvando un'unità delle forze speciali e in un altro recuperando alcuni dipinti, la trama cambia improvvisamente in una situazione di tensione.

Dolce casa

 

In entrambi i giochi possiamo trovare diari o appunti che ci danno maggiori informazioni su personaggi o eventi, ampliando la ricchezza della trama del contesto. La famosa animazione porta per punti di ricarica di Resident Evil è stato preso direttamente da Dolce casa, qualcosa che è suo Shinji Mikami riconosciuto. La morte dei compagni influisce sulla fine della partita: in Resident Evil La stessa identica cosa accade a seconda dei personaggi che riusciamo a salvare. In entrambi i giochi ci sono enigmi da risolvere frequentemente. Anche l'inventario aveva uno spazio ristretto, infatti era minuscolo Dolce casa: solo due spazi, che hanno reso necessario attraversare la villa alla ricerca di oggetti da utilizzare in momenti specifici dell'avventura. Non era così fastidioso in Resident Evil grazie ad un inventario con maggiore capienza e ai famosi bauli per riporre gli oggetti.

Dolce casa

Se sei un fan del retrò o Resident Evil, Ti consiglio di prenderti un po 'di tempo e di dare un'occhiata a questo Dolce casa, un gioco che, nonostante abbia visto la luce un quarto di secolo fa, è ancora estremamente intrigante, impegnativo - era un'altra epoca ben diversa da quella attuale con giochi pieni di tutorial e aiuto - e una cartuccia dalla quale potrai velocemente estrarre la sostanza del germe del survival horror.

 

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.