Una donna violentata in India accusa Uber di aver raccolto e condiviso i suoi dati medici

Nel 2014, un passeggero Uber in India è stato brutalmente violentato dal conducente del veicolo e ora, tre anni dopo i terribili eventi, la vittima ha intentato una causa contro Uber accusando l'azienda di aver presumibilmente ottenuto e divulgato le sue informazioni mediche.

A quanto pare, i dirigenti di Uber coinvolti, pensavano che la donna violentata avesse cospirato con la principale rovina del servizio nel paese sabotare l'azienda.

Uber è sempre all'avanguardia delle notizie, e sebbene in questo caso la storia riguardi più le persone che le aziende, la verità è che ci vuole la torta. La donna che è stata violentata dal suo autista in India nel 2014 ha citato in giudizio l'azienda per aver ottenuto e condiviso in modo improprio le sue cartelle cliniche, tutte presumibilmente.

A livello istituzionale, Uber ha mostrato tutto il suo sostegno alla vittima e ha dichiarato pubblicamente che farà "di tutto per aiutare a portare il [colpevole] alla giustizia". Nel frattempo, l'accusato dello stupro, che potete vedere nell'immagine che illustra questo post, è stato perseguito e condannato all'ergastolo.

La causa ha avuto origine da una notizia pubblicata in è basata su Recode e Il New York Times all'inizio di giugno, in cui è stato rivelato che Il dirigente di Uber Eric Alexander aveva ottenuto i verbali della visita medica effettuata sulla vittima dopo l'aggressione sessuale. Non è ancora chiaro se abbia ottenuto o meno quei rapporti legalmente, tuttavia, presumibilmente li ha condivisi con il capo dell'azienda Travis Kalanick e il dirigente Emil Michael.

Sia Alexander che Michael sono stati recentemente licenziati, mentre Kalanick è attualmente in congedo; allo stesso tempo, l'azienda sta conducendo una revisione approfondita della propria cultura lavorativa dopo essere stata accusata di favorire un ambiente tossico e sessista. I tre dirigenti avrebbero ipotizzato che la vittima avesse cospirato con il principale rivale di Uber in India, Ola, per organizzare l'incidente e sabotare il servizio.

Quando le è stato chiesto un commento sui fatti, un portavoce di Uber ha detto che "Nessuno dovrebbe vivere un'esperienza orribile come questa e ci dispiace davvero che lei abbia dovuto riviverla nelle ultime settimane".


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.