Il Falcon9 funge da nuovo collegamento per SpaceX e la NASA

Falcon9

Ormai siamo sicuri di conoscere tutti le avventure, e soprattutto le disavventure fino a quando gli ingegneri non sono riusciti a mettere a punto il loro funzionamento, di un razzo come il Falcon9, sviluppo che è servito a consacrare per la prima volta nella corsa allo spazio un'azienda privata come SpaceX.

Proprio per le grandi opzioni che un razzo come il Falcon9 consente, soprattutto se consideriamo qualcosa di così semplice è riutilizzabile, qualcosa che alla fine si traduce in lanci e spedizioni di satelliti e merci in un modo molto più economico per tutte le parti, non sorprende che poiché La NASA ha finalmente deciso di rendere pubblico che inizierà a usarlo nelle loro prossime missioni.

SpaceX

La NASA utilizzerà un Falcon9 che è già stato nello spazio per la prima volta

Come spiegato nel comunicato stampa pubblicato dalla stessa agenzia spaziale nordamericana, siamo di fronte a quello che sarà il è la prima volta che questo ente governativo decide di utilizzare un razzo riutilizzabile per una delle sue missioni. A questo punto, va notato che non è la prima volta che NASA e SpaceX collaborano, ma è la prima volta che usano un razzo riutilizzato per una missione.

Tentando di spiegarlo un po 'meglio, vorrei che ci spostassimo allo scorso giugno, data in cui, se guardiamo ai lanci di SpaceX, ne troviamo uno in particolare dove è stato utilizzato un Falcon9 completamente nuovo per inviare ogni tipo di materiale e rifornimenti alla Stazione Spaziale Internazionale. A dicembre ci sarà un altro lancio e, questa volta, verrà utilizzato lo stesso Falcon9 utilizzato a giugno.

Come è stato segnalato dalla propria NASA:

Alla NASA abbiamo approvato, dopo un'ampia serie di valutazioni e ispezioni effettuate sui dati forniti da SpaceX riguardo l'utilizzo di un'unità Falcon9, di utilizzare questa stessa unità in una futura missione.

baseSpaceX

Questo Falcon9 verrà utilizzato per rifornire la Stazione Spaziale Internazionale

Sebbene questa decisione della NASA possa sembrare ovvia, la verità è che ci sono molti più soldi in gioco di quanto possiamo immaginare poiché per una di queste missioni di rifornimento del Stazione spaziale internazionale Viene effettuato, molti mesi devono essere spesi nello sviluppo di tutti i costosi sistemi che verranno inviati per diverse indagini o la raccolta di cibo e altri oggetti di cui gli astronauti hanno bisogno per sopravvivere nello spazio. È capire che, se accadesse qualcosa di brutto al sistema di propulsione, sarebbe molto difficile inviare un altro razzo alla stazione a breve termine.

La verità è che siamo di fronte a un traguardo storico, soprattutto per l'azienda guidata da Elon Musk visto che questa potrebbe essere quella che finalmente spianare la strada alla NASA per iniziare a fare affidamento su razzi riutilizzabili da SpaceX. Anche così, come è stato rivelato, a quanto pare la NASA prenderà in considerazione l'utilizzo di questo tipo di razzi in futuro, sempre che tutto andrà bene, in ciascuna delle missioni da svolgere a breve.

falco

Il supporto della NASA per questo tipo di razzi renderà il mercato molto più competitivo con l'arrivo di nuove società

Per convincere la NASA a decidere finalmente di utilizzare un Falcon9 già utilizzato in una precedente missione, SpaceX non ha avuto solo quello migliorare significativamente le prestazioni dei tuoi sistemi, ma hanno anche lanciato molti dei loro razzi nello spazio, in diverse missioni, fino a tre occasioni, in cui si sono finalmente dimostrati in grado di mettere un satellite in orbita e tornare sulla Terra con successo.

In questo modo, SpaceX aggiunge alla sua lista di organismi che consentono l'uso di razzi con più di un utilizzo alla NASA, una lista in cui troviamo altre multinazionali come Iridium o Spacecom. D'altra parte, questo traguardo incoraggerà sicuramente altre tipologie di aziende in cui è possibile un mercato come questo, dove i razzi possono essere riutilizzati, quindi investiranno nello sviluppo delle proprie unità, ottenendo che il il mercato è molto più competitivo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.