[Opinione] Fanatismo e protezionismo

PS4-Vs-XBOX-ONE-Vs-WII-U1

È normale che dopo eventi mediatici cosparsi di nuovi trailer e annunci, i social network, i forum e le sezioni di commento dei principali siti web di videogiochi raccolgano migliaia di commenti su tutto ciò che viene mostrato e, come in ogni cosa, non è difficile da trovare opinioni di parte e di parte Ciò ha portato a discussioni accese come se stessi discutendo del calcio classico e controverso o di questioni politiche. Innanzitutto, non smette mai di stupirmi che a questo punto del film ci siano ancora così tante persone chiuse in band da lasciare il "loro" palco e, andando oltre, non smettono di criticare nessun movimento della concorrenza.

In questo caso, quello su cui intendo riflettere è meno fanatico ma concentrato sul difesa estrema dei giochi della compagnia X per il semplice fatto di lanciarli sulla console che si possiede. Facendo capire che questo mi sembra un comportamento sicuramente infantile e tipico di "ciò che è mio è il migliore e ciò che non riguarda te", sono sorpreso dalle reazioni generalizzate a quanto mostrato in giochi come The Legend of Zelda e No Man's Sky, per fornire due esempi. Per quanto riguarda il primo, non credo sia necessaria alcuna presentazione, sul secondo si dice che si tratta di un titolo davvero ambizioso della britannica Hello Games che si chiama essere un'esclusiva temporanea per Playstation 4 per finire per arrivare, almeno, su PC. . 

Lo snippet di gioco mostrato da The Legend of Zelda È stata una delle sorprese dell'evento di questa mattina ma è innegabile che quanto mostrato avesse il suo chiaroscuro. Da un lato, sembra che la direzione artistica sia lontana da stili peculiari come Wind Waker, ma sembra un'evoluzione logica e attraente di ciò che è stato visto nella colorata Skyward Sword. È anche chiaro che il mondo aperto è come promesso e la dimensione della mappa, anche 12 mesi dopo il suo rilascio, punta in molti modi. Ma qualcuno ricorda il frammento di, cito, "gameplay in tempo reale" che è stato mostrato all'ultimo E3? Da quanto mostrato sei mesi fa a quanto visto ieri c'è una notevole riduzione in termini di livello di vegetazione e di ripulitura generale, abbastanza allarmante. E questo, in arrivo preceduto dalle dichiarazioni di Eiji Aonuma, che annunciava un paio di mesi fa che la partita sembrava migliore rispetto all'E3, non smette di sorprendere.

Se stessimo affrontando Ubisoft o EA, i fiumi di inchiostro su un più che chiaro retrocedere Non ci sarebbe voluto molto per vedere la luce ma, in questo caso, è meglio "aspettare il gioco finale" o, in mancanza, il prossimo E3 dove viene mostrato un trailer più vicino allo stato finale. Sono sorpreso da questa tendenza protezionistica che poco più che fa capire che, se è per il meglio, si può parlare di The Legend of Zelda tutto quello che si vuole, come è stato fatto dopo l'E3, ma se è per il male, si sta cadendo dentro l'errore di parlare in anticipo e senza aspettare di vedere il risultato finale. Penso che dopo una dimostrazione di quasi cinque minuti scelta e curata dalla stessa Nintendo, ognuno di noi abbia il diritto di parlare, bene o male, di ciò che ha visto. E ciò che è stato visto mostra a allarmante flessione tecnica che, sì, non è affatto la mia più grande preoccupazione. A questo proposito, sono molto più a disagio per questo mondo così generico, così piatto, così senza vita che si lascia vedere e che, per quanto grande, non invita affatto a indagare. Sappiamo che Nintendo sono dei maestri nella creazione di avventure, ma non abbiamo esempi di loro che creano mondi complessi, vari e pieni di contenuti e punti di interesse. Penso che la preoccupazione per ciò che si vede sia, almeno, logica e comprensibile.

Sin título-2

Manca almeno un anno e il margine di miglioramento è vasto, Sicuro. Ma se mostrando quanto mostrato, Aonuma si permette di vantarsi del mondo creato, le sensazioni non sono troppo buone. Il loro curriculum e i giochi precedenti danno loro, ovviamente, il beneficio del dubbio ed è difficile pensare a un brutto Zelda con cosa aspettarsi. Ma, ovviamente, proprio come dopo il poco mostrato all'E3, siamo pienamente qualificati per commentare ciò che è stato visto.

Con i quali è più difficile mantenere il suo record sono i ragazzi Hello Games che dopo diversi episodi della divertente saga di Joe Danger, fanno il salto a uno dei progetti indie più ambiziosi che vengono ricordati con Sky di Nessuno. Testimonianza e presentazione di Sean Murray, game designer, durante il passato VGX sono serviti a farsi un posto nei nostri piccoli cuori grazie a quella passione che ha distillato con ogni sua parola e quel nervosismo tipico di chi si concentra sulla creazione e non sul fare discorsi o manifestazioni. Ciò, unito a un'esperienza chiamata a innovare e offrirci una libertà travolgente, ha fatto sì che No Man's Sky andasse in prima pagina nel mondo dei videogiochi e che, ancora una volta, si è generato uno strato un po 'protezionistico attorno ad esso dovuto, in parte, a quella temporanea esclusività dalla mano di Sony e Playstation 4.

È successo esattamente un anno fa. Oggi, 12 mesi dopo, Abbiamo visto molto di più di No Man's Sky ma, in fondo, non abbiamo smesso di vedere lo stesso. Sì, stiamo parlando di un universo praticamente infinito e generato proceduralmente come risultato di una tecnologia matematica di altissimo livello. Ma perché non insegnarci qualcosa di più che vagare semplicemente per i pianeti colorati e vividi che comporranno No Man's Sky? Perché non approfondire le meccaniche di combattimento? Perché non dare un'occhiata all'interfaccia con cui passeremo ore e ore? No, è meglio fare un altro giro come quello che è successo nell'E3 passato, è successo alla Gamescom o è successo al VGX del 2013. Ma qui arriva il peggio, aggiungendo un strato di popping davvero esagerato che fa apparire vegetazione ed elementi cartografici a pochi centimetri dal nostro personaggio, provocando quello che è, per me, uno dei difetti tecnici più pronunciati e fastidiosi di un videogioco. Il problema? Sembra qualcosa di inerente al modo in cui i pianeti vengono caricati ed è qualcosa a cui dovremo abituarci, sì o sì.

Questo è il motivo per cui sono sorpreso di trovare elogi eccessivi, nomination per il gioco dell'anno o qualifiche del tipo "sarà uno dei giochi più rivoluzionari del settore". Il concetto è ottimo, siamo d'accordo, ma dopo un anno e senza una data approssimativa all'orizzonte (scommetto sulla primavera 2016) penso che fosse ora di mostrare qualcosa di nuovo e qualcosa che rompe con quanto visto. Sappiamo che possiamo prendere una nave e andare da un pianeta all'altro, passiamo a qualcos'altro. Se come fan ci atteniamo e non chiediamo di più, passiamo il nostro tempo a lodare e portare il gioco nel cielo, non credo che stiamo mostrando l'atteggiamento giusto. Ti ricordi di Kojima? Quell'uomo che si è presentato Metal Gear Solid V Due anni fa, un gioco su cui non abbiamo nemmeno una data e abbiamo visto diversi trailer e gameplay identici. Dopo il fantastico trailer dell'E3 2013, uno dei migliori che abbia mai visto, le aspettative sul gioco sono aumentate vertiginosamente ma ora, a distanza di molti mesi senza notizie significative, il mare è tornato al suo corso e le ansie si sono abbassate.

Credo fermamente che questo tipo di file sincronizzazione Quando si tratta di annunciare giochi e mostrare "notizie", si finisce per danneggiare seriamente le aspettative e seguire con termini anglosassoni, che impulso così necessario. Y Se, come utenti, non abbiamo una visione critica e, per di più, zittiamo e discutiamo con chi ce l'ha, stiamo andando in una direzione un po 'controproducente. Non credo che il fanatismo di "T-shirt" o console, in cui tutto ciò che riguarda la nostra macchina preferita sono movimenti riusciti e la concorrenza sono strategie criticabile portano a qualcosa di buono o, soprattutto, sono un pensiero maturo in un mezzo come Questo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   El Gordo suddetto

    Uomo di poca fede, è una dimostrazione delle novità giocabili del nuovo Zelda, il gioco non deluderà, ho i miei informatori dal Giappone XD