Commenti e strategia di posizionamento.

La replica della spia

Ti sei mai fermato a pensarlo ogni volta che qualcuno lascia un commento sul tuo blog, potrebbe sbilanciare la tua strategia di posizionamento? Bene, questo è quello che ho pensato dopo aver letto Come aumentare il numero di commenti E questo è la mia risposta.

Mmolti blogger fanno di tutto per aumentare l'attività intorno al loro blog e una delle tue principali preoccupazioni è di solito convincere i tuoi visitatori a lasciare un commento di tanto in tanto. È sempre più comune vedere quanti blog installano plugin per incoraggiare la partecipazione, ad esempio con il plugin che mostra i commentatori più attivi.

TTutti coloro che sono interessati ad ottenere visite avranno trascorso più o meno ore a leggere blog sull'ottimizzazione dei motori di ricerca. Suppongo che nessuno si stupirà se dico loro che il densità di parole chiave È un fattore fondamentale quando si tratta di posizionare un articolo. Per me in particolare, densità delle parole chiave insieme al titolo scelto per ogni post sono i due fattori più importanti da tenere in considerazione nell'ottimizzazione alla pagina (ovvero i fattori che possiamo controllare direttamente dalla nostra pagina senza intervento esterno).

A quando creo un post che ho in mente a chi è diretto e dipende da questo lavoro una strategia o un'altra. Se l'articolo in questione è destinato a essere letto da blogger quindi la mia priorità è che l'articolo abbia un'estensione formulazione corretta e che trasmetta un'idea o un concetto Ciò potrebbe interessare questo tipo di lettore, che generalmente arriverà per riferimento e non tramite un motore di ricerca. Ora, se il post è diretto verso il file pubblico che Google invierà poi le cose cambiano e la priorità più alta è ottimizzare il contenuto dell'articolo per renderlo il più attraente possibile per il re dei motori di ricerca.

Testo del blog

CCome ho detto prima, la prima cosa che faccio è scegli un titolo ciò avvantaggia la / e stringa / e di ricerca che voglio posizionare. La seconda cosa è controllare il file densità di parole prestando molta attenzione al numero di volte in cui alcune parole compaiono nell'articolo. Cioè, dopo aver scelto il titolo e durante tutta la stesura dell'articolo, è presente la densità di parole chiave relative alle stringhe di ricerca. Alla fine del post lo rileggo e decido se devo aggiungere o togliere qualcosa per migliorare il rapporto di parole chiave. Quando penso che sia tutto pronto lo pubblico e c'è solo controllare le statistiche per vedere quali stringhe di ricerca funzionano e come funziona la strategia di ottimizzazione.

Stutto è andato come previsto le prime visite non tarderanno ad arrivare, con loro arriveranno i primi commenti Ed è qui che iniziano i problemi. Una pagina Web (Intendo una pagina specifica di un blog, non un intero blog) è un tutto, è costituito da quanto pubblicato in un articolo più tutte le informazioni che compaiono nelle colonne laterali, nell'intestazione e nel piè di pagina. quando Google visitare la tua pagina non legge un articolo e salta il resto della pagina, ma prende in considerazione tutte le stringhe di testo che appaiono su quella pagina quando decidi di cosa tratta la tua pagina e in quali ricerche apparirà come risultato. Ovviamente questo include i commenti.

Commenti sul blog

LLa persona che ti lascia un commento raramente (o mai) terrà conto del fatto che hai una particolare strategia di posizionamento per l'articolo su cui sta commentando. A volte i commenti non avranno nulla o poco a che fare con l'argomento trattato nel post e anche quando sono correlati solo in una piccola percentuale di casi includeranno una qualsiasi delle parole chiave che desideri posizionare.

A come ricevi più visite più commenti Riceverai. Che cosa Google legge la tua pagina nel suo insieme aumenterà il numero di commenti la densità delle parole chiave è diluita y se non controlli quella tendenza si scoprirà che Le stesse visite che hai ottenuto grazie a determinate stringhe di ricerca saranno responsabili della perdita di forza di quelle stringhe di ricerca e smettila di farti visita. Paradossale non?.

DDopo aver letto quanto sopra, alcuni potrebbero pensare che non sia così interessante incoraggiare i commenti sul blog, ma commetterebbero un grave errore. Pensare in questo modo sarebbe equivalente a mettere il posizionamento prima della socializzazione del blog e in un luogo che aspira a crescere questi due aspetti devono essere equilibrati e non subordinati l'uno all'altroI commenti sono importanti, sono la migliore risorsa per socializzare un blog (socializzare è il modo migliore per aumentare il PageRank in modo naturale) e migliorano le tue opzioni per Coda lunga (la lunga coda di ricerche), ma se non le controlli possono essere più dannose che benefiche.

EÈ utile incoraggiare i commenti su un blog, ma devi includerli in una strategia di posizionamento generale. Come? mi permetti di lasciarlo per un futuro articolo su come abbinare i commenti alle strategie di posizionamento dove darò alcune tecniche come ottenere il massimo dai commenti in modo che agiscano congiuntamente (e non nella direzione opposta) con la nostra strategia di posizionamento sui motori di ricerca. Sarò felice di leggere i tuoi commenti Saluti del vigneto.

Vsgradevole Asesino.

Puoi continuare la conversazione sul blog di TONI1004: La zanzariera


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

29 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Vincitore suddetto

    Ciao javi, il tuo approccio sembra molto riuscito, non mi ero imbattuto in qualcosa di simile, e con tutta la correttezza che dici, anche io non ti nego, mi lascia un sapore 'machiavellico' -ñaca, ñaca-, per quanto «Controlla» - occhio che l'ho racchiuso tra virgolette - il contenuto delle opinioni per aiutarti anche a posizionarti con esse.

    Penso ... penso ... dipende da quello che dice l'articolo sarà quello che dicono i commenti, ovviamente, quando li riceveremo, e quando avremo la sottigliezza per svegliarli e incoraggiarli. Un abbraccio

  2.   Juan Miguel suddetto

    Mi è piaciuto molto l'articolo sulla strategia di posizionamento. È vero che i commenti, sebbene siano una parte indispensabile del nostro blog, sono allo stesso tempo un'arma a doppio taglio. Hai perfettamente ragione sul fatto che possa anche disperdere l'argomento dell'articolo.

    Cerco di mantenere un "controllo" sui miei commenti, ma molte volte è impossibile.

    Grazie per aver fornito questo articolo di facile comprensione!

    Saluti dallo spazio!

  3.   Lordvader suddetto

    Joe, questo è già molto avanzato per me, se non commentano male, se commentano anche ...

  4.   Ivan suddetto

    Mmmm… Rispetto la guida di posizionamento. Ma ... non scriviamo per essere letti? Cordiali saluti. Mi sembrerebbe assurdo moderare i commenti in base alle parole che usano. Preferisco che tutti lascino l'opinione che pensano. E lascia che Google pensi quello che vuole.
    È la mia opinione, ovviamente.
    Sai cosa succede di solito? Alla fine, i blog più visitati sono quelli con meno commenti. Come spazi fantasma.

  5.   Aceto suddetto

    Bene, chiariamo alcune cose prima che si rovinino:

    @ Víctor Non sono d'accordo quando dici che "dipende da quello che dice l'articolo sarà quello che dicono i commenti". Puoi parlare di quello che vuoi e poi ricevere commenti come "mi è piaciuto", "parlare di qualcos'altro ...", ecc. Che non hanno nulla a che fare con le parole chiave che stai cercando di posizionare. Non sempre accade ma è la norma. Ad esempio nel tuo blog, che è da blogger per blogger, è logico che i commenti siano più simili al contenuto dell'articolo ma anche così più della metà sarà del tipo "mi è piaciuto" o no? Questo non è male ma se provi a posizionarti dovrai tenerne conto.

    @ iván hai montato il film da solo, dove ho detto che devi moderare i commenti? 🙂 Ho detto che in un prossimo articolo darò tecniche per "conciliare i commenti con le strategie di posizionamento" Non ho parlato della moderazione che indichi. Sono d'accordo sugli spazi fantasma, ma questo articolo cerca di attirare l'attenzione su questo problema solo per quelle persone che sono interessate a migliorare il loro posizionamento. Non tutti hanno un blog come te da leggere, sono tanti quelli che vogliono guadagnare con il loro blog o per questo ci vogliono molte migliaia di visite giornaliere. Senza una strategia di posizionamento non li avrai.

    Spero sia chiaro (penso che alla fine dell'articolo lo dica molto chiaramente) che SONO A FAVORE DEI COMMENTI, qualunque essi siano. Quindi dovremo vedere come assicurarci che questi commenti non facciano collassare la nostra strategia di posizionamento.

    Saluti di Vinegary.

  6.   toni1004 suddetto

    Non sono mai stato a favore della moderazione dei commenti. Credo che l'articolo sia fatto per essere letto da altri, non per essere indicizzato da Google.

    Ovviamente una formula a cui non mi opporrei sarebbe quella di eliminare l'off topic.

    In questo modo comparirebbero solo i commenti che fanno riferimento all'articolo in questione, quindi la strategia di posizionamento sarebbe tutelata ...

    Ad ogni modo, per me un commento (purché non sia "ciao mi piace il tuo blog vieni dal mio e dimmi come stai") è un contributo al blog e l'unico modo in cui i blogger devono comunicare ...

    Rimuoveremo tutti i commenti che preoccupano ad esempio la nostra salute in caso di malattia se abbiamo deciso di renderli pubblici, perché causano coda lunga?

  7.   txuben suddetto

    Sono d'accordo con te, ho ancora pochi commenti ma non puoi provare il 'perfezionismo' con tutto al contrario, è gratificante ricevere commenti, il fatto che gli altri leggano quello che scrivi è una buona cosa.

  8.   toni1004 suddetto

    Aceto, ho scritto mentre lo facevi e non ho potuto leggere il tuo commento fino a dopo la pubblicazione del mio, quindi ti dico che è chiaro. Ma ho una domanda:

    Ci sono così tante persone che guadagnano dal blog?

    Di tutti i blogger che conosco, solo due sanno che guadagnano qualcosa ... I Dans e i Moya (questi ultimi sono scomparsi molto tempo fa) ... E non credo che si possano guadagnare molti soldi con i blog ... anche se potrei sbagliarmi.

  9.   manolito suddetto

    Sì, penso che ... densità di parole chiave,

    e anche ... sito web,

    e anche ... commenti, posizionamento.

    😛

    PS: Strategia di posizionamento!

  10.   Prats suddetto

    Capisco il tuo interesse a fare uno "studio" dell'intero campo del blogging e simili ... Ma l'approccio che dai al blog non è lo stesso di me. Se sei così interessato all'arrivo di nuove persone che devi cambiare il modo in cui scrivi, che devi stare attento a commenti, motori di ricerca, widget ... Che devi dedicarti al passaggio dalla scrittura (che è ciò che cosa ti piace) per promuovere te stesso ... Penso che con tutto ciò che fai è solo stravolgere il tuo blog e le tue ragioni per scrivere.

    Un blog è un modo per rendere popolare e individualizzare la comunicazione di massa, e forse ci sono persone che lo considerano un lavoro e potrebbe anche esserlo. Ma la verità è che un blog è un modo per comunicare con gli altri e se insegui il pubblico e con questo perdi il motivo per cui hai scritto, allora non ne vale la pena. E anche se quello che vuoi è guadagnarti da vivere con questo ... I blog ti danno l'opportunità di scegliere, scrivere e fare tutto il necessario ... Se per guadagnarti da vivere devi venderti: allora venditi in un giornale, che del resto è lo stesso e guadagnerai di più ... Con questo non sto cercando di dire che non è lecito arricchirsi facendo quello che ti piace, quello che voglio dire è che lo ottieni facendo quello che ti piace e non qualcos'altro. Che se fai quello che ti piace e il flauto ti suona, perfetto, ma l'importante non è che suona ciò che è importante è l'opportunità che i blog ti offrono di comunicare con le masse parlando di ciò che ti piace.

    Spero di non essere stato pesante o di aver esagerato ... Ma ho letto davvero il tuo post e tanto studio del fenomeno fa il bello che i blog devono passare in secondo piano e tutto quel mondo in cui l'importante è la quantità , la promozione, il pubblico ... Tutto questo sembra la cosa importante dell'esperienza di blogging

  11.   campi suddetto

    Prima di tutto, ciao di nuovo, sono tornato online e sembra che mi siano persi molti post.

    Secondo me questo post ha 2 posizioni, prima quella di blogger che stanno iniziando e seconda quelle che hanno già un numero minimo di visite, beh, io sono tra le prime ed è necessario che io mi faccia conoscere con tutti i mezzi che sono possibili.

    Da un lato mi sembra corretto ma non dall'altro.

    È la mia opinione.

    Saluti Aceto 😀

  12.   forato suddetto

    Sì, signore, un buon articolo sul posizionamento spiegato chiaramente e ad alta voce

    Sto già aspettando il seguito….

  13.   Rogelio suddetto

    Povero Javi, uno parla di una cosa ei lettori ne capiscono un'altra.
    Nessuno sta dicendo che modereranno i commenti, poi idealisti come Prats vengono fuori suggerendo che non dovresti blog per soldi e per di più diluisce la densità.
    Ecco perché in alcuni post metto un avvertimento in cui si dice che il post è solo per chi vuole fare soldi e per chi no, beh, comunque.
    Immagino di indovinare dove sta andando la strategia di posizionamento con i commenti o almeno mi viene in mente ora come potrebbe essere migliorata. Forse con un plugin? o un cambio di personale. Il fatto è che non ne avevo tenuto conto, aspetto di vedere che sorpresa hai.
    saluti

  14.   Aceto suddetto

    @Prats io rispetto la tua opinione, ma non passo mai in un blog sul posizionamento o su come guadagnare, credimi vedendo la tua reazione esagerata (distorcere, vendere, ..) a un post che non dice nulla, se ci passi potrebbe non resistergli e avere antipatia. Guarda Prats quando faccio un manuale su come usare un programma lo faccio in modo che serva al maggior numero di persone e questo non è come un giornale, né come una rivista che si compra da chi vuole, qui, in Rete affinché questo manuale sia visibile al grande pubblico, devono essere utilizzate determinate tecniche, compresa la densità delle parole chiave Pensi che questo blog sia distorto perché seguo le regole di Google per raggiungere un pubblico più vasto?

    @Kamps Vorrei che condividessi con noi cosa esattamente non va in te, così possiamo parlarne.

    @forat e @Rogelio mi hanno spaventato a pubblicare il seguito, in questo non ho detto niente e c'è chi non lo capisce e nel prossimo lo stesso mi hanno tagliato….

    Un saluto a tutti 😉

  15.   Kronyen suddetto

    Salute Aceto !!! Continua a scrivere come ti piace e ti senti perché se no viene distorta tutta la cosa ... la mia modesta opinione è che ognuno fa quello che gli pare (con buon senso, ovviamente) e che quando qualcosa non ti piace, in un certo senso critichi costruttivo, che il mondo non finisca perché dici la tua opinione su qualcosa in particolare. Nel nostro caso, ovviamente, vogliamo avere visitatori, ma non ci uccidiamo cercando modi per farlo.
    Saluti.

  16.   Paranoie suddetto

    Phew controllare l'argomento dei commenti sarebbe impossibile e la verità è che è qualcosa che è semplicemente nelle mani del caso ... Anche se se l'argomento è interessante penso che ci siano più possibilità che le parole chiave appaiano nei commenti.

  17.   rafsos suddetto

    Ottimo articolo, non pensare di non scrivere il seguito, anche se ognuno di noi ha la nostra opinione, è sempre bene avere un'altra visione per sostenerci e nel tuo caso se siamo convinti di approfittarne per correggerci. Saluti.

  18.   Aceto assassino suddetto

    Grazie per l'incoraggiamento amici, rispetto l'opinione di tutti, anche il contrario, quello che mi infastidisce è che non capite cosa intendo. Ecco perché oggi pubblicherò la seconda parte di questo articolo e che ognuno dia la propria opinione in merito. La blogosfera è questa, commenta, concorda e discuti.

    Saluti del vigneto 🙂

  19.   Ivan suddetto

    Eh eh ... Hai messo su un circo e i nani crescono, Aceto. Penso che il tuo articolo sia fantastico. E la critica è il modo migliore per misurare l'accettazione di ciò che scriviamo.
    So che mi ucciderai (ora so da dove viene la seconda parte del tuo nickname: D) ma qualcuno apre un blog per non leggerlo? Cito dal tuo commento: "Non tutti hanno un blog come te da leggere ...". Chi crea articoli solo per posizionarsi quando in fondo non sono diretti a potenziali lettori? Mi manca la maggior parte del posizionamento. Ovviamente è importante perché se no nessuno ti leggerebbe. E questo presuppone una grande iniezione di ego, alimento principale dell'ispirazione. Ma è più importante aumentare le visite che mantenere quelle abituali? È vero che caricando posizioni aumenti il ​​numero di persone che accedono alla pagina. Ma quanto sfugge al tipico 0 in durata e 1 in visualizzazioni di pagina?
    Nooo !!! Aceto negli occhi no!
    Al. Io starò zitto.
    🙂

  20.   Rogelio suddetto

    Hahaha, quando Javi ha detto "blog da leggere" penso che volesse dire che alcuni fanno un blog senza la minima intenzione di realizzare un profitto, che lo prendono come un hobby o un divertimento. Mentre altri investono molto tempo e fatica nel bloggare (fare un buon post non viene dal nulla) e sebbene a loro piaccia e si divertano, sperano anche di ottenere un po 'di profitto per il tempo investito, in modo da dedicarsi completamente al blog.
    E se speri di guadagnare una cifra significativa devi posizionarti ... E se non ti aspetti niente allora non continuare a battere l'aceto.

  21.   Miguel Angel Gaton suddetto

    Sono abbastanza d'accordo con il tuo articolo. Nel mio caso ho abbastanza chiaro:

    - Blog personale: incoraggio i commenti, voglio che le persone partecipino e traggano vantaggio dal loro contributo per migliorare il più possibile.

    - Blog aziendali: il posizionamento è fondamentale. La priorità è ottenere visitatori indipendentemente dal fatto che venga creata o meno una comunità. Anche se posso creare una comunità di utenti fedeli che commentano molto meglio che meglio.

    A presto,

  22.   Aceto suddetto

    @ iván 🙂 la verità è che non sono stato molto corretto nel dire "Non tutti hanno un blog come te da leggere ...", Rogelio ha più o meno interpretato quello che voleva dire e condivido pienamente quello che dice.

    Quando ho detto "leggili" mi riferivo a blog che pubblicano cose personali con storie, esperienze e aneddoti e che amano condividere cose curiose, punti di vista, ecc. insomma, sono blog da "leggere". Ma poi ci sono i blog di consultazione, che vengono anche letti, ma in modo diverso. Le persone vengono da loro alla ricerca di un manuale o per essere aggiornati su un argomento per non apprezzare la scrittura dell'autore. In questi casi le informazioni vengono consumate e non lette.

    Credo che Miguel A. Gatón sia venuto a salvarmi esprimendo chiaramente la differenza che voglio mostrare. Un blog commerciale deve posizionarsi o non sarà niente, un blog personale è un'altra cosa. Nessuno di voi dovrebbe rifiutare i commenti, ma se siete interessati al posizionamento dovete dargli l'approccio appropriato.

    A proposito, Iván se stai zitto è quando dovrò prendere l'aceto 😉

    @Miguel un piacere vederti qui.

    Un saluto a tutti (senza aceto che lo tengo per Ivan)

  23.   toni1004 suddetto

    Molte volte si parla e altri hanno i piedi al posto delle orecchie ... hehehe

    Miguel A Gatón ha colpito nel segno ... non avrebbe potuto metterla meglio.

  24.   Prats suddetto

    No no Aceto ... Se il tuo blog parla di questo ... Se lo leggo perché dici cose molto utili, sk nel tuo caso è il contrario, il tuo blog è di dare consigli su tecnologie e simili: il post è perfetto . Parla di questo: consigli per le paludi.

    Quello che sto dicendo è che se quando scrivi ti interessa di più posizionare il tuo blog su google che scrivere, allora sicuramente guadagnerai su google ma perderai il piacere di scrivere 😀

    Che lo studio sia fatto mi sembra bene ... Beh, forse sembra frivolo ma è un difetto che mi ha permesso di studiare lettere (non ero così prima!

  25.   canutrelax suddetto

    Good Vinegar, come mi piace leggerti ahahah. Beh, riguardo al controllo dei commenti (e che in chustis non abbiamo niente e meno da dire nessuno) penso che sia molto difficile controllare le parole «chiave» deve essere molto, molto difficile, beh lo commenterò quando in chustis abbiamo 1000 commenti giornalieri hahaha. Saluti adesso per non rovinare le statistiche: ottimizzazione dei motori di ricerca, aceto killer. hahahaha saluti.

  26.   Mariano suddetto

    Con così tante buone polemiche, non solo stamperò il post, ma tutti i commenti, una fonte unica di diverse posizioni sul posizionamento che si vedono raramente ...

    Mi riservo la mia opinione per la seconda nota.

    Un abbraccio e un grazie per l'ancora 😉

  27.   Piegatrice suddetto

    Non mi ero fermato a pensare che i commenti diluissero la voce, anche se pensando all'effetto opposto, poteva succedere che voci mediocri funzionassero meglio grazie ai commenti.

    Fattori interessanti, no signore.
    Saluti.

  28.   Aceto suddetto

    @Prats hai ragione che il piacere di scrivere è perso, ma quando fai un manuale passo passo, non c'è un tale piacere a cui ti riferisci. Quando faccio una registrazione come questa non penso al posizionamento (l'ho detto all'inizio) cerco solo di scrivere il meglio che posso e mi diverto a farlo. Le due cose non sono incompatibili ma ognuna ha il suo momento. Non so che sarà una questione di provenienza scientifica 😉

    @canutrelax nell'articolo che integra questo, puoi vedere che non devi controllare i commenti. A proposito, grazie mille per avermi aiutato con la densità delle parole chiave 🙂

    @Mariano la seconda parte è già pubblicata, aspetto un tuo parere.

    @Bender hai colto nel segno, le voci "mediocri" dovrebbero essere nutrite dalla Coda Lunga ma anche qui devi applicare delle tecniche per sfruttarla. I commenti sono uno strumento perfetto per questo.

    Grazie mille a tutti per aver incoraggiato la discussione. Saluti del vigneto.

  29.   luis suddetto

    post molto buono a volte ti ammazzi la testa pensando a come ottengo più visite e come ottengo più commenti e trascuro altri aspetti importanti, molto bene e spero di espandere l'argomento