Google ci mostra la qualità dimostrata dalla sua intelligenza artificiale nel fotoritocco

intelligenza artificiale google

Forse non sei un appassionato di fotografia o un professionista diretto, quindi hai potuto usare il software fotoritocco di grande qualità come PhotoShop e simili. Anche così, sicuramente ti sei reso conto di quanto possa essere difficile poter modificare uno scatto, preso ad esempio dal tuo smartphone, e catturare quell'idea che ti circonda utilizzando una serie di filtri modificabili, qualcosa che può essere molto semplice o tremendamente complesso se vogliamo qualcosa di speciale.

Con questo in mente, forse il nuovo traguardo appena raggiunto da ricercatori e ingegneri di Google con il loro nuovo sistemi di intelligenza artificiale poiché hanno raggiunto che, in modo completamente autonomo, un computer è in grado di imitare le capacità di un fotografo professionista in tempi record e di offrire risultati davvero impressionanti.

panorama di google

Google presenta i suoi ultimi progressi nell'intelligenza artificiale

Personalmente, devo confessare che qualcosa di così semplice come Google non vuole commercializzare questa idea, almeno per ora, ha catturato la mia attenzione. Come è stato ufficialmente commentato, a quanto pare siamo solo di fronte a esperimento dove si è cercato di vedere a cosa servisse questo nuovo sistema intelligenza artificiale in grado di modificare foto di paesaggi a un livello che ha persino ingannato i fotografi che hanno dedicato gran parte della loro vita a questo lavoro.

A quanto pare, come commentato Hui fang, un ingegnere del software che lavora all'interno del team di Google Machine Perception, il vero obiettivo di questo lavoro era dimostrare che i sistemi di intelligenza artificiale non vengono utilizzati solo per attività di 0 o 1, ovvero per rispondere Sì o No a problemi diversi, ma può anche essere addestrato a differenziare il contenuto estetico e svolgere attività molto più soggettive legati a campi in cui la loro presenza non era molto comune fino ad ora, come l'arte o la fotografia.

Per addestrare il sistema, tecniche di machine learning. Nel caso in cui non sai bene come funzionano questi tipi di tecniche, ti dico, in modo molto semplice, che migliaia di fotografie scattate da Street View sono state utilizzate per rendere il sistema di intelligenza artificiale capace di rilevare paesaggi panoramici per poter essere in seguito modificato seguendo il flusso di lavoro di un fotografo. L'obiettivo finale che è stato perseguito in questo lavoro era che il risultato finale fosse piacevole all'occhio umano.

panorama di google

Questo progetto riesce persino a ingannare i fotografi professionisti

Una volta definita la funzionalità da perseguire dal sistema, gli ingegneri si sono messi al lavoro e il risultato è stato un software in grado di scegliere più fotografie, seguendo una serie di schemi prestabiliti per poi ritagliarle, regolare l'illuminazione e la saturazione e presentare il risultato . La parte più importante di tutto ciò sta nel fatto che questo sistema di intelligenza artificiale può farlo regolare questi parametri per zone quindi non si tratta solo di applicare un filtro specifico.

Una volta che si sono iniziati ad ottenere risultati interessanti, se ne possono vedere parecchi distribuiti da questa stessa voce o nella gallery che si trova appena sotto queste righe, i ricercatori incaricati di questo progetto hanno chiesto a diversi fotografi professionisti di analizzare le foto e provare a decidere quale foto era stata modificata da un professionista o semiprofessionale o quale dal sistema di intelligenza artificiale. Il risultato di questa analisi è stato che il file Il 40% delle foto modificate dal sistema di Google sono state classificate come modificate da persone.

Se sei interessato a conoscere molti più dettagli su questo tipo di progetti realizzati da Google, ti dico che a pagina web dove possiamo deliziarci con una galleria completa di immagini in cui possiamo vedere la foto originale e l'edizione realizzata dall'intelligenza artificiale di Google.

Per maggiori informazioni: Cornel University


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.