Grazie a questa tecnologia siamo a un passo dal realizzare batterie migliori sotto tutti gli aspetti

John Goodenough

Sembra che i ricercatori e gli scienziati si complichino ogni giorno di più su un argomento dimenticato da tempo come la capacità di sviluppare batterie molto migliori che ci consentono di godere di una maggiore autonomia in tutti i nostri articoli elettronici. Uno dei nuovi passi in questa direzione è stato appena compiuto dal team di ricercatori guidato da John Goodenough, co-inventore di batterie allo stato solido.

Come dettaglio, vi dico che proprio a questa persona dobbiamo le batterie agli ioni di litio o la loro struttura peculiare e ora è stato il suo team di ricercatori, residenti del Scuola di ingegneria di Cockrell, che ha appena pubblicato un nuovo paper in cui si parla di alcune sperimentazioni con risultati "rivoluzionari" in questo settore.

John Goodenough, a 96 anni, potrebbe ancora una volta rivoluzionare il mondo della batteria.

Come commentato da lui stesso John Goodenough Informazioni sull'uso delle batterie attuali:

Costo, sicurezza, densità energetica, velocità di carica e scarica e cicli di vita sono fondamentali per sfruttare in modo massiccio le auto a batteria. Crediamo che la nostra scoperta risolva molti dei problemi inerenti alle batterie odierne.

Se prestiamo attenzione a quelle descritte nell'articolo pubblicato, le batterie prodotte in laboratorio da questa apparecchiatura, a base di celle allo stato solido con elettroliti cristallini, consentirebbe l'uso di un anodo alcalino-metallico. Ciò fondamentalmente contribuisce notevolmente al fatto che una batteria creata seguendo questa struttura non solo supporterebbe la ricarica rapida, ma ridurrebbe anche notevolmente il suo costo se prodotta su larga scala.

Se mettiamo tutto questo in prospettiva, queste nuove batterie, secondo i calcoli effettuati dal team, sembrerebbero offrire a densità di carica fino a tre volte superiore alle batterie convenzionali, più di 1.200 cicli di ricarica con bassa resistenza a temperature che possono variare tra -20 ºC e 60 ºC.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.