Grazie a questo dispositivo, i pazienti con paralisi profonda sono in grado di comunicare

dispositivo

Prima di parlare di questo particolare dispositivo, vi dico che è stato testato su pazienti con sindrome da blocco, una malattia che fa soffrire praticamente tutti coloro che ne sono affetti paralisi totale il che significa non solo che non possono muoversi, ma non possono nemmeno parlare e non possono nemmeno battere le palpebre, qualcosa che potrebbe almeno aiutarli a comunicare indicando piccoli segni per dire, ad esempio, "SI'o'NO'.

In quest'ottica, lavori come quello svolto in Centro di Neuroingegneria di Ginevra, dove hanno creato e sviluppato un'interfaccia tra il cervello di queste persone e un sistema software in grado di interpretare una serie di segnali cerebrali che servono come risposta a determinati stimoli. In dettaglio, vi dico che durante la valutazione di questo sistema con quattro di questi pazienti, tre di loro hanno dichiarato di voler continuare a vivere.

Niels Birbaumer e il suo team sono in grado di sviluppare un dispositivo in grado di ricomunicare i pazienti con profonda paralisi.

Indubbiamente, come per noi, che questi tipi di progetti siano finanziati e realizzati è una gioia per questo tipo di persone che, non essere in grado di comunicare con nessuno, qualcosa di totalmente opposto alla natura dell'essere umano, vedono come grazie ad un semplice casco dotato di sensori, possono iniziare, anche se in modo molto semplice, a comunicare e rispondere alle domande dei loro cari.

L'architetto che questo progetto continua a sviluppare è il neuroscienziato Niels Birbaumer che grazie a questo particolare casco capace di misurare i cambiamenti nelle onde elettriche prodotto dal cervello mentre monitora il flusso sanguigno È stato raggiunto che la sua precisione nei pazienti è del 70%, il che, a sua volta, ci consente di avere una certa sicurezza che abbiamo a che fare con un sistema in grado di stabilire un modo molto più efficace per comunicare con questi pazienti.

Per maggiori informazioni: CON


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.