Un gruppo di scienziati ci promette una batteria con un'autonomia di diverse settimane

supercondensatore

Tanti sono i progetti che promettono di rivoluzionare il mondo delle batterie di cui abbiamo avuto modo di parlare in questi mesi e che, alla fine, in un modo o nell'altro, non sono arrivati ​​a nulla o nulla è stato ripubblicato al riguardo. possibili progressi in loro. Questa volta voglio parlarvi di una nuova proposta i cui ricercatori promettono risolvere tutti i problemi che abbiamo, come utenti, di autonomia nei nostri gadget.

In questa occasione il progetto è stato sviluppato da un team di scienziati del Central Florida University e sono riusciti a produrre un prototipo di una batteria dotata di un supercondensatore elettrico che, come hanno pubblicato nel documento corrispondente, potrebbe portare i produttori a sviluppare batterie il cui l'autonomia sarebbe di giorni e persino di settimane, essendo in grado di caricare completamente la batteria in pochi secondi offrendo un Durata utile 20 volte maggiore a quelle delle attuali batterie agli ioni di litio.

Sviluppano una batteria in grado di caricarsi in pochi secondi offrendo un'autonomia di settimane.

Come commentato Nitin choudhary, ricercatore associato presso la Central Florida University, grazie a questa tecnologia ci troveremo di fronte a uno scenario in cui dovremo caricare il nostro smartphone solo per pochi secondi, il che ci darà più di una settimana di autonomia. La vera differenza tra questa nuova batteria e quelle convenzionali è che queste supercondensatori immagazzinano elettricità staticamente sulla superficie, il che consente ricariche ad alta velocità mentre la superficie è in grado di contenere una grande quantità di elettroni, consentendo la creazione di batterie grandi e durevoli.

Tuttavia, prima di lanciare le campane al volo, come hanno commentato i responsabili delle indagini, il progetto è ancora in fase iniziale di sviluppo quindi non c'è ancora una data stimata per vedere se questa batteria raggiungerà finalmente il mercato o meno. Si spera, una volta per tutte, di poter sviluppare una batteria che, come promesso, sia in grado di rivoluzionare il mercato.

Per maggiori informazioni: University of Central Florida


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.