Huawei Mate 30 senza app Google: tutto ciò che devi sapere

Giovedì scorso è stata presentata ufficialmente la nuova gamma di Huawei Mate 30, con i suoi due nuovi telefoni. Nonostante le buone specifiche, il buon design o le buone fotocamere, è l'assenza delle applicazioni Google e dei servizi Google Play ciò che ha catturato maggiormente i titoli in questo caso, così come l'uso di una versione open source di Android.

Il blocco che subisce l'azienda arriva dagli Stati Uniti È qualcosa che influisce pienamente su questa gamma di Huawei Mate 30. Per questo motivo, i telefoni sono costretti a utilizzare una versione open source di Android e non hanno applicazioni o servizi Google disponibili.

Nessun servizio Google Apps e Google Play

Google Apps non verrà installato di default sui telefoni, qualcosa di cui si vocifera in queste settimane. Non sarà quindi installato Google Play Services in questi modelli nativamente in questi Huawei Mate 30. Ciò significa che i telefoni non hanno Google Play, l'app store o applicazioni come Maps, Gmail o Assistant installati per impostazione predefinita. Inoltre, all'inizio non è stato possibile scaricarli.

Sebbene da Huawei sia stato confermato che l'accesso ad essi sarebbe facilitato, ma non è stato specificato il modo in cui ciò sarebbe possibile. Huawei Mate 30 non sarebbe il primo telefono sul mercato a non avere i servizi di Google Play. Molti modelli di marchi cinesi arrivano senza di loro, solo che in questo caso l'installazione sarebbe complessa, anche se il marchio cinese sbloccherà il bootloader, quindi dovrebbe essere possibile.

Pertanto, i telefoni non li avranno in modo nativo. L'accensione di un telefono di questa fascia non sarà come gli altri modelli Android, perché non avremo le stesse applicazioni né accederemo con un account Google, come è avvenuto finora. Sebbene l'azienda dia garanzie che questi Huawei Mate 30 saranno compatibili con applicazioni come YouTube, Gmail o Google Maps. Solo che non verranno installati di default e al momento non è noto il metodo che verrà fornito agli utenti affinché possano accedervi.

Una volta installate le applicazioni, tutto funzionerebbe normalmente sul telefono, come siamo abituati. Il dubbio finora è come sarà possibile avere Google Play Services o applicazioni Google su uno di questi dispositivi. Questo è qualcosa su cui si sta lavorando, come hanno detto dal produttore stesso, quindi tra poche settimane dovrebbe esserci un po 'più di chiarezza al riguardo.

Cosa ha invece l'Huawei Mate 30?

L'assenza di Google Play Services e delle applicazioni Google è integrata dai propri servizi. L'azienda ci lascia con HSM (Huawei Mobile Services) su entrambi i telefoni, oltre ad avere un proprio negozio di applicazioni, App Gallery. L'azienda sta facendo un investimento importante per espandere il numero di applicazioni al suo interno, attualmente più di 11.000, in modo che gli utenti che hanno questi Huawei Mate 30 possano accedervi.

Inoltre, dalla firma è stato confermato che HSM implica l'introduzione del proprio GSM, GPS e mappe. Quindi i servizi che sono essenziali nei telefoni Android non mancheranno in questi modelli. Molto probabilmente, l'azienda utilizzerà le proprie mappe, che hanno già annunciato di essere in via di sviluppo e che saranno ufficiali a ottobre. Una specie di Google Maps, ma dall'azienda stessa.

Verranno sostituite anche alcune delle solite applicazioni su Android. Questo blocco impedisce l'utilizzo dell'Assistente Google sui telefoni. Perciò, l'azienda ci ha lasciato con Huawei Assistant, un proprio assistente per questi Huawei Mate 30, che fornirà molte delle funzioni che già conosciamo abitualmente nell'assistente Google. È possibile eseguire azioni sul telefono, come chiamate, leggere messaggi, aprire applicazioni o molte altre. Anche se molto probabilmente non avrà tutte le azioni o funzioni che normalmente ci offre l'Assistente Google.

Open Source Android

Copertura EMUI 10

L'altro grande cambiamento nell'Huawei Mate 30 è l'uso di Android open source. Il blocco degli Stati Uniti li costringe a ricorrere alla parte open source del sistema operativo, a disposizione di chiunque voglia utilizzarlo. Mentre gli danno EMUI 10, il suo livello di personalizzazione, per ottenere l'esperienza a cui siamo abituati su Android.

Gli utenti non dovranno preoccuparsi degli aggiornamenti in questo caso, poiché Android open source, nella sua versione 10, riceverà gli aggiornamenti di sicurezza sempre. Quindi i telefoni saranno protetti dalle minacce. Verranno inoltre ricevute versioni future del sistema operativo, in questa versione open source, senza applicazioni Google.

Anche l'interfaccia EMUI 10 verrà aggiornata, sicuramente passare a EMUI 11 il prossimo anno. In questo senso, non dovrebbero esserci troppe modifiche rispetto alle versioni precedenti del layer.

HarmonyOS come sistema operativo

All'inizio di agosto, Huawei ha presentato il proprio sistema operativo, chiamato HarmonyOS. Il brand cinese ha in programma di utilizzarlo in molti tipi di dispositivi, ma principalmente nell'ambito dell'Internet of the Things. Quindi è qualcosa che possiamo vedere in prodotti come televisori, altoparlanti e molti altri. Non è escluso il suo utilizzo nei telefoni.

Sebbene HarmonyOS non sia ancora pronto per essere utilizzato sui telefoniQuesto è il motivo per cui non è arrivato su Huawei Mate 30. Il marchio cinese afferma che la sua priorità è utilizzare Android, ma anche l'uso di questo sistema operativo è qualcosa che viene considerato. Sebbene in alcuni media si parli di utilizzare questo sistema, la transizione potrebbe richiedere un paio d'anni. Quindi è qualcosa che potrebbe essere in corso, ma ci vorrà comunque un po 'per essere ufficiale.

Non è da escludere che nel prossimo futuro finirà per utilizzare questo sistema operativo nei telefoni del marchio. Soprattutto se il rapporto con gli Stati Uniti resta negativoMa il marchio continua a provare a utilizzare Android sui suoi telefoni.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.