Huawei P20 non sarà presentato nel quadro del MWC 2018

Nelle ultime settimane l'abbiamo vista come la più grande fiera del settore delle telecomunicazioni, MWC ha perso alcuni dei principali produttori lungo la strada Dal mercato. L'anno scorso Samsung non ha presentato il suo fiore all'occhiello, il che ha permesso sia a LG che a Huawei di brillare di luce propria all'evento.

Tuttavia, quest'anno, sembra che la situazione sia cambiata il ritorno di Samsung per introdurre il Galaxy S9 e S9 + e le perdite già annunciate sia di LG che di Huawei, aziende che non approfitteranno del framework MWC per presentare i loro nuovi terminali.

Il prossimo flagship di Huawei è il modello P20, un terminale con cui l'azienda asiatica vuole rimangono un'alternativa ai grandi, ma ha preferito allontanarsi dal MWC e lo presenterà in un atto individuale. Secondo le immagini trapelate dalla presentazione dell'Huawei P20, questo modello verrà presentato il 27 marzo, praticamente un mese dopo la presentazione dei Galaxy S9 e S9 + e quando il terminale sarà già disponibile sul mercato, da allora presumibilmente lo farà a metà marzo, 15 giorni prima della presentazione ufficiale dell'Huawei P20.

Se Huawei fosse riuscita ad entrare nel mercato nordamericano, è molto probabile che l'annuncio sarebbe stato fatto negli Stati Uniti, ma avendo incontrato il rifiuto degli operatori americani a causa delle pressioni del governo Trump, Huawei ha scelto Parigi per presentare il successore dell'Huawei P10, un terminale che originariamente si chiamava P11, ma probabilmente per motivi di marketing, ha cambiato nomenclatura nelle ultime settimane.

La decisione di ritardare la presentazione del P20 può sottintendono che la compagnia asiatica non sia molto chiara sul fatto che il nuovo terminale possa essere una vera alternativa al Galaxy S9Altrimenti, utilizzerebbe il framework offerto dal MWC per ottenere una diffusione, che altrimenti non otterrebbe, indipendentemente da quanti soldi si vuole spendere in pubblicità. Per ora, e per chiarire ogni dubbio, bisognerà attendere il prossimo 27 marzo e vedere se Huawei ha fatto i compiti e non ha assolutamente nulla da invidiare ai prossimi flagship dell'azienda coreana Samsung.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.