"Selfie in palestra" legati a problemi psicologici

selfie-palestra

Abbiamo tutti un "amico" di Instagram ossessionato dal caricamento di foto di ogni allenamento in palestra. Potresti anche essere tu stesso a fare la tipica osservazione su quanto bene hai corso o in bicicletta la tua mattinata, tuttavia, tutta l'attività umana nasconde conclusioni psicologiche dietro di essa. Secondo uno studio della Brunel University (Londra - Regno Unito) le persone abituate ai "selfie in palestra" mostrano problemi psicologici in un ampio spettro di possibilità, assorbito in atteggiamenti indicativi di un cattivo stato di salute mentale.

Secondo i risultati, nel migliore dei casi, la persona che condivide compulsivamente questo tipo di contenuti, soffre di tratti narcisistici. Analizzando il comportamento umano, i ricercatori si sono resi conto che l'unica intenzione quando si condivide questo contenuto è quella di mostrare la propria dedizione autoimposta al proprio aspetto estetico.

I narcisisti aggiornano i loro social network più frequentemente sui loro risultati fisici e questo è motivato dalla necessità di attenzione e protagonismo all'interno della loro comunità.

Tuttavia, la cosa più preoccupante dello studio è l'insincerità degli "amici" che interagiscono con questo tipo di contenuti. Secondo lo studio, nonostante questo tipo di contenuto abbia un alto tasso di interazioni politicamente corrette e lusinghiere, in privato la maggior parte degli utenti confessa di non apprezzare questo tipo di atteggiamenti esibizionisti ed egoistici. Sicuramente non è una cosa che scientificamente deve essere certificata, ma molte volte questo tipo di atteggiamenti genera un dubbio tra le carenze o eccedenze dei suoi protagonisti, e questo studio ha definitivamente chiarito che questo tipo di attività è causato da un bisogno e mancanza, e per niente nell'interesse pubblico.

Non è il primo studio sui "selfie"

Bastone per selfie

L'egolatria è una piaga sempre più diffusa sui social network, quella sopra descritta non è il primo studio o analisi incentrata sulla dipendenza dai selfie. L'utilizzo eccessivo di reti come Facebook invoca inevitabilmente lo spirito narcisistico che tutti noi abbiamo nascosto, davanti al quale la nostra umiltà combatte fedelmente anno dopo anno. Più di 240 milioni di persone hanno pubblicato una foto su Facebook con gli hashtag #me o #selfie, con la sola e mera intenzione di attirare l'attenzione su un punto, lui / lei. I sociologi e gli psichiatri concordano sul fatto che questo tipo di persone esibisce solo ciò che vogliono che gli altri vedano, quindi in generale sono soggetti con bassa autostima che richiedono l'approvazione e l'accettazione degli altri.

Con l'atteggiamento del «selfie», quello che vogliono è creare una mozione di fiducia tra i loro parenti, per riconvalidare la tua identità corrente o scartarla, se non ricevi l'approvazione necessaria. Pertanto, gli specialisti indicano che ci sono due chiavi per questo tipo di comportamento, un narcisismo incontrollato o una significativa mancanza di autostima.

Nota: Secondo la mitologia romanica e greca, Narciso era un bellissimo giovane, con un tale amore per se stesso che un giorno guardando il suo riflesso in un lago, si innamorò di se stesso e finì per suicidarsi a causa della tristezza di non essere in grado di ottenere ciò che voleva, ha sempre voluto, se stesso.

La preoccupazione principale di questi soggetti "addicted" ai selfie è quella di ottenere il maggior numero di "like" possibile, quasi a indicare il punteggio di una prova quotidiana. Secondo Le migliori scuole di informatica, questo tipo di comportamento finisce per degenerare in problemi psicologici come depressione, disturbi ossessivi e dismorfofobia. I "mi piace" si nutrono di questa dipendenza, ma come non "mi piace" quella fotografia del nostro amico di una vita, anche se non ci piace affatto. Sicuramente, il metodo migliore per aiutare queste persone è indicare con attenzione che la loro attività non rientra nei parametri usuali di un comportamento sano, e che forse dovrebbero ripensare l'uso che danno ai social network o le ragioni per cui mantengono uno stato fisico o altro .


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Edoardo Huertas suddetto

    E la foto dell'autore di questo articolo è un selfie

  2.   Asier suddetto

    A qualcuno sembra normale che un individuo trascorra la giornata insegnando tutto ciò che fa, cucina, viaggia, si diverte ... come se al resto importasse qualcosa ..., che è fondamentalmente Facebook, o il bombardamento che alcuni di noi sottopongono a WhatsApp . Ci sono persone che sono sole e hanno bisogno di condividere più degli altri, o si annoiano molto, e lo capisco. Ma ci sono persone che sono direttamente come psichiatri. Ma tanti, tanti ..