Il 20 agosto la NASA invierà un sottomarino sul fondo dell'Oceano Pacifico

titano

NASA resta determinato a essere l'agenzia pionieristica sulla Terra per l'esplorazione dello spazio e la scoperta di nuove forme di vita. Per portare a termine questo lavoro, la famosa Agenzia Spaziale degli Stati Uniti ha deciso che è giunto il momento di fare un nuovo passo e letteralmente prendi un sottomarino sul fondo dell'oceano pacifico.

Come hanno annunciato i responsabili di questo progetto, battezzato ufficialmente dalla NASA con il nome di Subsea, inizierà il file il prossimo 20 agosto, data in cui il sottomarino dovrebbe immergersi e iniziare a perdere tutti i tipi di dati che verranno successivamente elaborati meticolosamente, non invano, questa missione è molto focalizzata su servire come base per progetti futuri legati alla ricerca di vita extraterrestre.

NASA

Inizia il progetto Subsea, che servirà come base per la ricerca di vita extraterrestre al di fuori del nostro pianeta

Se sei più o meno aggiornato e conosci i passi che sta compiendo la NASA, sicuramente saprai perfettamente perché viene lanciata una missione come questa. La fine di esso non è altro che l'esistenza di diverse lune simili Europa, la gelida luna di Giove, o Encelado y titano, lune di Saturno, che negli ultimi mesi hanno attirato l'attenzione di molti astronomi e scienziati.

L'idea è quella di sviluppare il più possibile e all'interno del nostro pianeta qualche tipo di sistema o meccanismo, dotato di strumenti altamente specializzati, con cui studiare le condizioni in acqua liquida che è stato appena scoperto sulle lune menzionate nelle righe superiori, specialmente nel caso di Titano, dove l'acqua è in superficie.

sottomarino

L'idea di inviare un sottomarino su Titano non è nuova, la NASA ci ha già parlato di questo progetto circa tre anni fa

L'idea di sviluppare questa piattaforma è tutt'altro che nuova, soprattutto nel caso della NASA, agenzia che circa tre anni fa ha presentato al mondo proprio un progetto che cercava proprio di portare un sottomarino su Titano. Come spesso accade con questo tipo di progetto, è stato pianificato a lunghissimo termine, nello specifico per portare un sottomarino su questa luna di Saturno, inizialmente si parlava di 2040 come data possibile.

Prima che arrivi finalmente quella data La NASA deve essere in fase di masterizzazione e uno dei primi è iniziare a testare il nostro pianeta, test che devono essere effettuati in condizioni diverse e utilizzando diversi tipi di tecnologie, non invano la verità è che non sappiamo cosa troveremo una volta arrivati ​​a Titano quindi dobbiamo presupporre qualsiasi tipo di condizione.

In questo modo, e senza fare troppo rumore, parte il progetto NASA Subsea, in cui un primo sottomarino verrà inviato direttamente sul fondo dell'Oceano Pacifico, precisamente in prossimità della più grande isola delle Hawaii, al fine di testare il strumentazione con quella che racconta questo primo prototipo che dovrà affrontare condizioni di pressione e temperatura estremeOltre a questo, la missione sarà utilizzata per studiare la biologia nelle parti più profonde dell'oceano.

fondo del mare

Nella sua prima missione, Subsea deve scendere in una ventola idrotermale alle Hawaii

Tra i pochi dati che sono stati pubblicati ufficialmente, sappiamo che l'obiettivo principale della missione è esplora il fondo di una bocca idrotermale che ha una temperatura di centinaia di gradi a causa della grande attività vulcanica in quella regione. A sua volta, il sottomarino sarà abituato studiare organismi e batteri tolleranti a queste particolarissime condizioni per le quali verranno effettuate osservazioni topografiche, ambientali e chimiche.

Senza dubbio, dobbiamo riconoscere che questo tipo di progetto, sebbene lo scopo principale sia qualcos'altro, non ci aiuterà a conoscere molto meglio il nostro pianeta. Anche così, dobbiamo ricordare che siamo solo davanti a un primo passo, una serie di test che verranno completati proprio quando l'anno prossimo la NASA invierà di nuovo un sottomarino sul fondo dell'oceano anche se in quell'occasione useranno un file Ritardo di comunicazione di 24 minuti per cercare di simulare il tempo necessario per inviare un ordine a un ipotetico sottomarino che fosse veramente su Titano.

Per maggiori informazioni: NASA


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Luis Alberto Albarracin suddetto

    MMMM 5 X 8 = 40… da 2 a 23 =… no non manterrà la pressione.