Il furto di dispositivi mobili continua ad aumentare, uno ogni due minuti

Sei al bar a bere qualche birra con calma con i tuoi amici, lasci il cellulare sul tavolo e perdi la cognizione del tempo. Quando vai a prendere il tuo dispositivo non c'è e probabilmente non lo vedrai mai più. Sfortunatamente questo è sempre più comune, ed è che questi dispositivi che ci accompagnano nella nostra giornata sono l'oggetto preferito dei ladri incuranti in Spagna. Secondo le statistiche un dispositivo mobile viene rubato ogni due minuti in Spagna.

Infatti, La Guardia Civile ha appena smantellato ad Alicante una banda incaricata di rubare più di 400 cellulari. Non possiamo evitare di rimanere senza il nostro dispositivo, ma forse se possiamo mettere misure in modo che il danno sia il meno possibile.

La Comunità di Madrid e la Catalogna sono state in prima linea dall'ultimo studio del Segretario di Stato sul furto di telefoni cellulari nel 2015, ponendo la capitale del paese come la più rappresentativa con circa il 33% dei furti, seguita dalla Catalogna con circa il 19% di essi. In questo caso, a causa del valore dei dispositivi, nella maggior parte dei casi è considerato furto, in quanto non supera l'importo di 400 €. Inoltre, poiché di solito è dovuto a furti causati da incuria, la situazione non è protetta dalla maggior parte delle assicurazioni sulla casa, che copre le rapine con la forza e le intimidazioni.

In termini generali, il furto e il furto di dispositivi mobili è in aumento in modo esponenziale in Spagna, in maniera direttamente proporzionale alla crescita della telefonia mobile in un Paese che ha già più di 56 milioni di dispositivi sparsi sul territorio nazionale, molto più che abitanti.

Le misure di sicurezza non sono sufficienti

I produttori di dispositivi mobili e gli sviluppatori di sistemi operativi si impegnano a integrare vari metodi per proteggere i dispositivi. Molti di questi rendono impossibile il loro utilizzo da parte di altre personeTuttavia, con questo tipo di misura è nato un nuovo mercato, il mercato dei ricambi e dei pezzi. I telefoni vengono generalmente trasportati fuori dal paese, dove subiscono modifiche hardware e persino smantellamento, dove serviranno come pezzi di ricambio.

Il mercato dell'usato non è più il luogo privilegiato per i dispositivi rubati, poiché gli utenti sono sempre più riluttanti ad acquistare questo tipo di telefoni cellulari, a causa delle possibili problematiche a livello software che possono causare il fatto di utilizzare proprietà altrui. L'attività di acquisto e vendita di questo tipo di dispositivi fa perdere rapidamente le tracce ai servizi di sicurezza dello Stato, quindi il recupero di un dispositivo smarrito è estremamente difficile.

Come possiamo garantire contro il furto di un dispositivo mobile?

L'installazione di misure di sicurezza sui nostri dispositivi è fondamentale, nel caso degli iPhone Apple, solo collegandolo al nostro ID Apple avremo un blocco di attivazione che ne impedirà l'utilizzo da parte dei proprietari di cose di altre persone dopo aver provato a ripristinarlo, inoltre , Ha l'applicazione Trova il mio iPhone che ci permetterà di tracciare il dispositivo fintanto che disponi di una connessione Internet.

Nel caso di Android, alcune aziende hanno anche misure di protezione a livello di software, anche se in generale l'ideale è installare applicazioni per questo scopo come Cerberus.

Tuttavia, non possiamo fingere che i ladri tengano conto del danno che fanno rubando il nostro dispositivo mobile, quindi la misura più efficace è contattare l'azienda che fornisce il nostro servizio mobile per bloccare l'IMEI collegato al nostro dispositivo mobile e quindi impedirne l'uso generale. , nel frattempo, l'assunzione di assicurazione antifurto come quella di miseguromovil.com progettato per proteggere questo tipo di situazione è il più efficace, Non ci eviterà il dispiacere di rimanere senza il nostro cellulare, ma ci aiuterà a portarlo infinitamente meglio, poiché sarà responsabile del rifornimento del dispositivo e salvaci un importante valore economico.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.