L'Assistente Google ora identifica i brani come Shazam

Shazam era un sistema di identificazione musicale totalmente pionieristicoNon chiedermi come fa adesso o come ha fatto prima, ma bastano pochi secondi di una canzone per identificarla e fornirci tutte le informazioni necessarie in modo da poterla ascoltare quando e dove vogliamo . La realtà è che era una caratteristica piuttosto interessante ai suoi tempi e che molti di noi continuano a utilizzare oggi.

Questi tipi di funzionalità hanno molto senso negli assistenti virtuali come Siri. Ora Google Assistant ha confermato che sarà in grado di identificare rapidamente i brani semplicemente ascoltandoli. Un altro passo di Google per migliorare in modo significativo il suo assistente che è presente in sempre più telefoni cellulari in tutto il mondo.

Fino ad ora era una caratteristica esclusiva di Google Pixel 2 e Pixel 2 XL, ma ora è diventato presente in tutti quei dispositivi che supportano l'assistente virtuale di Google. D'ora in poi ci permetterà di identificare qualsiasi canzone che sta suonando e il microfono è in grado di identificare, per questo dovremo solo chiedere all'assistente Quale canzone sta suonando? e ci fornirà le informazioni necessarie, per questo riceveremo una sorta di scheda informativa con il nome del brano, i link a YouTube e l'artista.

Ora arriva la cattiva notizia, per ora questa funzionalità è limitata agli Stati Uniti d'America, non sappiamo quanto tempo ci vorrà per espandersi nel resto dei territori in cui Google e Android funzionano in generale, immaginiamo l'implementazione di questo le nuove funzionalità saranno omogenee e graduali, quindi non perdere la speranza (facile perderla considerando la policy di aggiornamento di Android) e dagli qualche giorno, presto sarai in grado di identificare tutta la musica che desideri tramite Google Assistant e il tuo telefono Android ... sarà la fine di Shazam? Ti informeremo tramite Twitter quando la funzione è attiva, mentre puoi visitare AndroidSIS.com per saperne di più sull'argomento.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.