L'HomePod arriverà in Francia e Germania il 18 giugno

L'HomePod, quell'altoparlante intelligente, per chiamarlo in qualche modo, perché sospirano molti utenti, principalmente fan di Apple, ha appena ampliato il numero di paesi in cui potrà acquistare e dico che potrà acquistare, perché per ora e fino alla prossima volta 18 giugno , è ancora limitato a Regno Unito, Australia e Stati Uniti.

A partire dal 18 giugno, Apple inizierà a spedire le prime unità a tutti quegli utenti che le prenotano in Francia, Germania e Canada, i tre nuovi paesi che potranno godere dell'intelligenza limitata di Siri oltre al eccellente qualità del suono offerta da questo dispositivo (ovviamente non tutto può andare male).

Un paio di giorni fa BuzzFeed trapelò la notizia del possibile lancio dell'HomePod in questi tre paesi, ma non è stato fino a poche ore fa, quando Apple lo ha ufficialmente confermato attraverso le rispettive pagine web, dove possiamo già vedere il prezzo finale che avrà il dispositivo, uno dei i grandi dubbi che gli utenti europei avevano per il felice cambio euro-dollaro.

L'HomePod sarà disponibile in Francia e Germania per 349 euroSì, lo stesso prezzo ma in dollari e senza tasse che l'HomePod ha negli Stati Uniti. Nonostante sia già presente sul sito, al momento non è prenotabile. Nessuna informazione viene mostrata su quando sarà possibile prenotare per essere tra i primi a godersela.

Dopo l'ultimo aggiornamento a iOS 11.4, che Apple ha rilasciato solo un paio di giorni fa, l'HomePod è finalmente compatibile con la tecnologia di seconda generazione AirPlay 2, una tecnologia che ci consente di controllare in modo indipendente ciascuno degli altoparlanti compatibili con AirPlay, al fine di creare ambienti diversi nella nostra casa.

Anche i diffusori Sonos, alcuni dei quali abbiamo già testato in Actualidad Gadget, sono compatibili con questa tecnologia, quindi non sarà necessario procurarsi un HomePod se abbiamo già in casa nostra un Sonos One o un Sonos Play: 5, quest'ultimo è più costoso dell'HomePod.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.