Il Nintendo Switch è stato finalmente violato e nessuno può ripararlo

Molte sono state le persone nel mondo che hanno lavorato praticamente durante l'arrivo sul mercato di Nintendo Switch ottenere il tuo sistema operativo violato. Allo stesso tempo, siamo sicuri che stiate pensando, ci sono stati anche molti ingegneri Nintendo ed esperti di sicurezza che hanno corretto eventuali errori di sistema per garantire che questo processo non potesse essere eseguito nella famosa console di gioco dell'azienda giapponese.

Dopo tutti questi mesi di attesa, soprattutto dopo i primi indizi venuti alla luce lo scorso febbraio che ci hanno allarmato tutti sul fatto che finalmente se la console potesse essere hackerata, oggi abbiamo la conferma definitiva, la stessa che ci arriva da due diversi gruppi di sviluppatori di exploit e che confermano che, chiunque lo desideri, può personalizzare completamente la propria unità grazie a un file vulnerabilità rilevata nel processore Nvidia Tegra X1 presente sulla console.

evasione

Sebbene la vulnerabilità utilizzata per hackerare il Nintendo Switch sia nota, nessuno sarà in grado di fare nulla per correggere l'errore

Senza dubbio, la cosa più preoccupante per Nintendo oggi è il fatto che, nonostante i suoi ingegneri, a causa della pubblicazione ufficiale da parte dei due gruppi di sviluppatori di exploit di come si svolge il processo ea quale vulnerabilità è stata abituata hackerare la console Nintendo, i tuoi ingegneri non possono fare nulla, almeno sulle console di gioco che hanno già lasciato la fabbrica e sono distribuiti in tutto il mondo, sia che siano già stati acquistati o siano ancora distribuiti nei negozi.

Entrando un po 'più in dettaglio, a quanto pare stiamo parlando di a piccolo guasto rilevato nel SoC Tegra X1. Grazie ad esso, ora qualsiasi utente con un minimo di conoscenza sarà in grado di eseguire il codice sorgente sul proprio Nintendo Switch con la possibilità di consentire loro di installare, ad esempio, un sistema operativo Linux, emulatori, giochi non ufficiali e potrebbe persino arrivare a il punto, o almeno questo è quanto già discusso nella community, è quello di fare copie di backup dei giochi archiviati nella console di gioco.

FailOverflow

ReSwitched e FailOverflow sono stati responsabili dell'hacking su Nintendo Switch

I responsabili di questo traguardo sono stati i team ReSwitched e FailOverflow. Nel caso specifico dell'attrezzatura Ricommutato, i suoi membri hanno già avuto il tempo di sviluppare uno strumento noto come Fusée Gelée e funziona in modo semplice come il sfruttare la vulnerabilità presente in Nvidia Tegra X1 quando si esegue un ripristino USB. A questo punto si accede alla bootROM, che permette di installare un nuovo firmware totalmente personalizzato in modo molto semplice, opzione che può essere utilizzata da molti utenti.

Per quanto riguarda la proposta di FailOverflow, ci siamo incontrati ShofEL2. Grazie a questo strumento puoi installare distribuzioni basate su Linux e persino emulatori. Questo strumento è già disponibile per qualsiasi utente che voglia usarlo, sebbene non sia semplice come il precedente, anche perché il ciò comporta un rischio elevato che può finire con la tua console in fiamme perché devi giocare con le tensioni dello stesso Nintendo SwitchInoltre, come appare sul sito Web FailOverflow:

Se il tuo Switch prende fuoco o diventa Ouya, non è colpa nostra. Seriamente, non lamentarti se qualcosa va storto.

ReSwitched prevede di avere le guide per l'uso del suo software pronte prima del 15 giugno

In ogni caso, per installare uno dei due exploit devi creare un cortocircuito in uno dei pin del connettore Joy-Con destro. Grazie a questo piccolo cortocircuito si attiva la modalità di ripristino USB. Il problema con il Tegra X1 di Nvidia è che, durante i test, la piattaforma richiede 65.535 byte per ogni richiesta, una quantità che supera di gran lunga la capacità del buffer DMA nella bootROM. A causa di questo overflow, viene concesso l'accesso a tutte le applicazioni protette del sistema, consentendo l'esecuzione di qualsiasi tipo di codice.

Al momento Nintendo non si è posizionata su una possibile soluzione che può dare a tutti gli utenti che utilizzano queste tecniche per hackerare il proprio dispositivo. Ripararli tramite software non è una soluzione praticabile poiché gran parte del software utilizzato dovrebbe essere modificato, quindi gli sviluppatori di questo exploit scommettono di più che l'azienda può bloccare l'accesso ai servizi online agli utenti che personalizzano i propri dispositivi.

Come dettaglio finale, ti dico che, come annunciato dai componenti ReSwitched, il suo software e saranno pronte tutte le guide e i tutorial necessari per utilizzarli prima del prossimo 15 giugno.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.