L'ultimo aggiornamento del browser Opera si concentra sul miglioramento della velocità

L'uomo non vive solo su Google Chrome, sebbene attualmente detenga una quota di mercato del 55%, quota che ha in parte conquistato a causa dell'abbandono degli utenti di Internet Explorer e Microsoft Edge. Sul mercato abbiamo anche alternative interessanti come Firefox, che punta maggiormente sulla privacy degli utenti, cosa che Chrome appunto non fa, e Opera, che ha appena lanciato la sua ultima versione, la numero 43, concentrandosi sul miglioramento sia della velocità di navigazione che le prestazioni complessive del browser. Una delle novità di questo ultimo aggiornamento è il precaricamento degli indirizzi web.

Questa funzione consente al browser caricare la pagina web mentre scriviamo l'URL, al fine di ridurre notevolmente il tempo di caricamento delle pagine, anche se il suo funzionamento potrebbe non essere del tutto corretto, poiché la cronologia del browser ci ricorda gli URL precedentemente inseriti quando iniziamo a scriverla, quindi pochissimi utenti scriveranno il nome completo caricare la pagina, che in teoria impedirà il caricamento della pagina in anticipo. Inoltre, questo fa sì che il browser vada a funzionare a tutto gas prima che inizi la navigazione reale, perché sta caricando internamente la pagina web da visualizzare anche se finalmente non vi si accede.

Per cercare di migliorare le cifre che Microsoft e altri esperti hanno ripetutamente avanzato sulla durata della batteria, Opera ha introdotto un nuovo metodo di ottimizzazione per ridurre il consumo di CPU che ha un impatto diretto sulla durata della batteria, sebbene il precaricamento delle pagine web sia una contraddizione per l'ottimizzazione e la cura della batteria. Anche il suo funzionamento in Windows è stato ottimizzato in modo da caricare le pagine web in modo più veloce ed efficiente. Secondo Opera, l'ultima versione è del 60,3% più veloce di Opera 42.

Infine, una funzione che piacerà a molti utenti è la possibilità di selezionare parte di un testo che contiene un collegamento, ideale per quando cerchiamo informazioni su determinati elementi e non vogliamo utilizzare la tastiera per digitarli.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.