L'ultimo attacco DDoS rompe il record di trasferimento dati

Attacco DDoS

Ultimamente sono molte le aziende e le multinazionali che stanno vedendo come sia sempre più comune ricevere un Attacco DDoS, Distributed Denial of Services, ai suoi server. In sostanza, con questo attacco, ciò che si cerca è di eseguire un numero impressionante di richieste di accesso, maggiore è il numero, maggiori sono le possibilità di successo, verso un unico bersaglio. A causa di questa azione il server o il target in questione crolla in quanto non è in grado di elaborarli tutti contemporaneamente e cessa di essere in servizio.

Come puoi vedere, è una tecnica che a priori è molto semplice da usare e che di solito è quella scelta come prima opzione dai cybercriminali che cercano di far smettere di funzionare uno specifico server. Secondo l'ultimo rapporto pubblicato da Arbor Networks, azienda specializzata in sicurezza, nella prima metà del 2016 gli attacchi DDoS sono aumentati notevolmente rispetto allo scorso anno. A sua volta, anche la velocità di trasferimento dati è aumentata, superando persino il record precedente che risale al 2015, quando la velocità era di 500 Gbps. Il nuovo record è stato stabilito nel 579 Gbps.

Gli attacchi DDoS ogni anno diventano più forti e più frequenti.

Come non potrebbe essere altrimenti, uno degli ultimi attacchi DDoS prodotti ha preso di mira direttamente i server di Pokémon GO, cosa che ha causato grossi problemi di connessione agli utenti, rallentamento dei processi di caricamento e blocco durante il gioco. La misura degli attacchi prodotti in una settimana è stata di 124.000 mentre gli obiettivi preferiti sono in paesi come Cina, Corea e Stati Uniti.

Come si può leggere nel rapporto:

DDoS è ancora un tipo di malware comunemente utilizzato a causa della facile disponibilità di strumenti molto economici o gratuiti che consentono di lanciare l'attacco. Ciò ha portato a un aumento sia della frequenza che delle dimensioni e della complessità degli attacchi negli ultimi anni.

Come ultimo dettaglio, ti dico che gli attacchi grandi come quello che ha stabilito il record di trasferimento dei dati non sono solitamente comuni, anzi, L'80% di questi sono generalmente di piccole e medie dimensioni.

Per maggiori informazioni: ZDNet


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.