La piattaforma di messaggistica di Google, Allo, giù e senza freni

Lo scorso settembre, Google ha presentato ufficialmente l'applicazione di messaggistica Google Allo, un'applicazione che avevamo già visto leggermente durante l'I / O di Google l'anno scorso. Google vuole comunque entrare pienamente nelle piattaforme di messaggistica, qualcosa che non ha ottenuto con Hangouts e che al momento sembra che non riuscirà nemmeno con Google Allo. Google Allo è un'applicazione di messaggistica più di rOffre davvero poche novità rispetto a quanto troviamo attualmente nel paronama di applicazioni di questo tipo e gli utenti non hanno visto sufficienti motivi per adottarlo come una delle raccolte insieme a WhatsApp e Telegram.

Non è la prima volta che un servizio di Google non funziona. Google + è un esempio dei vari tentativi falliti che l'azienda ha compiuto nel mondo dei social network. In precedenza l'hai provato con Hangouts (ora destinato all'uso aziendale) e ora con Google Allo. Sembra che l'integrazione dell'Assistente Google non sia una ragione sufficiente per gli utenti. E come prova di ciò, dobbiamo guardare i numeri di Google. L'applicazione è scesa dalla Top 500 delle applicazioni più scaricate, a dimostrazione dello zero interesse da parte degli utenti.

Google Allo ha cose buone come Google Assistant come ho commentato sopra, ma anche cose brutte come che non è multipiattaforma poiché è associato a un numero di telefono, quindi non possiamo seguire le nostre conversazioni su PC, Mac o tablet. Google non getta la spugna con questa app, è troppo presto e molto probabilmente verrà integrato nelle versioni future di Android, come ha fatto con Google +, fino a quando ha visto che non c'era nemmeno un modo per rendere popolare il social network alternativo di Google. Accadrà la stessa cosa con Google Allo? Il tempo lo dirà.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.