Lenovo New Glass C220, un nuovo impegno per la realtà aumentata

Lenovo Nuovo Vetro C220

Anche se sembrerebbe che ormai il file CES 2018 non poteva sorprenderci con nient'altro, come spesso accade in questo tipo di casi, ci siamo sbagliati e, dall'oggi al domani, ci siamo trovati Lenovo e la presentazione, senza preavviso visto che neppure nel convegno che la società ha tenuto ieri è stato accennato nulla, di alcuni nuovi occhiali per realtà aumentata.

Questi nuovi e interessanti occhiali, come abbiamo già commentato, sono una nuova scommessa per portare a tutti gli utenti quella tecnologia che ci piace tanto ma che a sua volta ha causato qualche altro grattacapo ad altre aziende come la realtà aumentata. Offrire 'qualcosa di diverso'Lenovo si impegna anche a dotare i suoi occhiali di intelligenza artificiale per poterne potenziare tutte le funzionalità.

Prima di entrare ancora più nel dettaglio, nel comunicato stampa fornito dal reparto comunicazione di Lenovo, si comunica che questi nuovi occhiali, buatizzati con il nome di Nuovo Glass C220 sono già disponibili per raggiungere il mercato. A questo punto va chiarito che, purtroppo, sono destinati ad un utilizzo da parte dei settori professionale, scolastico e industriale, pertanto, per il momento, è escluso che qualsiasi cliente possa acquisirli come tali.

Lenovo New Glass C220, un occhiale a realtà aumentata modulare con un potenziale incredibile

A differenza di altre opzioni che siamo stati in grado di conoscere per mesi, l'impegno di Lenovo per il New Glass C220 consiste in occhiali che si caratterizzano per essere assemblato in due parti. Da un lato abbiamo i tipici occhiali dotati di vetro e il cui peso è di circa 60 grammi che, come in altri casi, serviranno da schermo di realtà aumentata. In secondo luogo, vi è la cosiddetta unità di elaborazione che avrà il compito di trattare tutte le informazioni che arrivano dai sensori e di visualizzare i risultati.

Concentrandosi sull'unità di elaborazione, come è stato rivelato, è basata su Android e dispone di una propria piattaforma di intelligenza artificiale, nello specifico utilizza la piattaforma software Lenovo NDB AH Cloud 2.0 che, come promemoria, integra sistemi di realtà aumentata, intelligenza artificiale e Big Data. Una parte molto interessante è che, poiché i New Glass C220 sono modulari, come abbiamo già accennato, Lenovo spera che diverse aziende possano realizzare le proprie unità di elaborazione al fine di espandere tutte le capacità del prodotto.

A questo punto non possiamo non menzionare che, come si può vedere dalle immagini, i designer e gli ingegneri Lenovo hanno dotato questo peculiare occhiale a realtà aumentata di un sistema audio a conduzione ossea. A quanto pare e secondo il comunicato stampa, questo sistema è stato progettato tenendo presente questo gli occhiali dovevano funzionare in ambienti rumorosi.

Nel corso del 2018 Lenovo avvierà un programma pilota in cui alcune aziende in Cina lavoreranno con questi occhiali

Purtroppo, a parte tutto ciò che riguarda fino ad ora, sono pochi i dati in più che Lenovo ha offerto su questo prodotto tranne, ad esempio, la sua modalità di utilizzo, cosa che può tornare utile soprattutto se sei un professionista che ha intenzione di entrare in contatto con una squadra di queste caratteristiche. Per quanto riguarda le modalità di utilizzo, a quanto pare gli occhiali, la prima volta che vengono utilizzati, devono essere collegati al nostro smartphone. Una volta stabilita questa connessione, essenziale per la sua corretta configurazione, non sarà più necessaria poiché gli occhiali funzioneranno tramite WiFi.

Personalmente devo ammettere che si tratta di un prodotto molto interessante sia per capacità che per funzionalità, la cosa curiosa di tutta questa vicenda è che, nonostante le sue grandi potenzialità, da Lenovo non ha voluto dargli tutta la pubblicità che dovrebbe. Tra le possibili cause si segnala ad esempio che non è noto il prezzo o la data in cui saranno disponibili anche se, secondo alcuni altri commenti, sembra che nel corso del 2018 verrà effettuato un test pilota in alcune aziende in Cina .


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.