LG sta per annullare il suo sistema di pagamento LG Pay

Da tempo sembra che tutte le aziende siano interessate ad offrire un sistema di pagamento elettronico attraverso i propri dispositivi. Anche le banche lo fanno attraverso diverse applicazioni. Ma è chiaro che tutte le soluzioni non sono compatibili e la frammentazione nei sistemi di pagamento può diventare un problema a lungo termine. Attualmente Apple Pay, Android Pay e Samsung Pay sono i sistemi che per la loro infrastruttura detengono una quota di mercato significativa dopo essere stati in funzione da tempo. LG sta rimuginando da tempo sul suo sistema di pagamento LG Pay, un sistema che è stato ritardato da diversi mesi e che, secondo tutto sembra indicare, potrebbe non vedere la luce.

Un paio di giorni fa Google ha presentato i nuovi smartwach progettati in collaborazione con LG. Uno di questi modelli ha un chip NFC che ti consentirà di effettuare pagamenti solo con Android Pay, il che limita logicamente la possibilità che LG possa utilizzarlo per il proprio sistema di pagamento. Questa limitazione interessa qualsiasi produttore di smartwatch che desideri utilizzare. Samsung ha scommesso da tempo su Tizen come sistema operativo per i suoi smartwatch, un sistema operativo che gli sta dando ottimi risultati, quindi questa limitazione non lo influisce. Inoltre, Samsung Pay è la terza piattaforma di pagamento mobile negli Stati Uniti, dove è stata praticamente dal suo lancio.

La mossa di Google per limitare l'accesso al chip NFC avrebbe potuto essere l'affondo di cui LG aveva bisogno per abbandonare il suo sistema di pagamento. Questa limitazione avrebbe potuto essere concordata con Google per incoraggiare l'utilizzo di Android Pay su tutti i suoi terminali. Contracambio. Ordino gli smartwach per te e tu adotti Android Pay sui tuoi terminali, lasciando LG Pay da parte, così Android avrà un'azienda in meno con cui combattere affinché gli utenti adottino una piattaforma digitale per effettuare pagamenti dal proprio smartphone o smartwatch.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.