Microsoft rilascia un nuovo aggiornamento della protezione per Windows

Microsoft

Noi di Microsoft il lancio di un nuovo aggiornamento di sicurezza per Windows che risolve un bug nel kernel del sistema operativo stesso così come la vulnerabilità zero-day di Flash che ha già notificato alcune settimane fa da Google. A questo punto, vi dico che questo problema non è stato solo rilevato da Google poiché, quando è stato annunciato da Redmond, hanno rilasciato un comunicato in cui si commentava che questo problema era già stato rilevato e che internamente stavano già testando una soluzione che avrebbe raggiunto tutti gli utenti in breve.

Come sicuramente ricorderai entrambe le società hanno trascorso diverse settimane a discutere e ad attaccarsi a vicenda l'uno all'altro, soprattutto gli attacchi provenivano da Microsoft dove non potevano contenersi prima che fosse Google a rendere pubblica la vulnerabilità del famoso sistema operativo prima che fosse pronta la sua patch e metterebbe in pericolo gli usuriri che, dopo tutto, non hanno colpa e non dovrebbero correre alcun tipo di rischio.

Se di solito lasci gli aggiornamenti del computer per un'altra volta, potresti essere stato uno di quelli colpiti da questo problema in Windows.

Tornando al problema, dobbiamo tenere presente che non solo è presente in Windows, ma che, da parte sua, Adobe è riuscita a risolverlo solo 5 giorni dopo che Google lo ha reso pubblico mentre Microsoft ha impiegato circa 20 giorni. Dopo che è stato risolto, abbiamo appreso che il problema era un'escalation dei privilegi del sistema locale. Questa vulnerabilità era già stato sfruttato da Stronzio, un gruppo di hacker russi che grazie ad esso ha potuto prendere il controllo del sistema tramite un'applicazione.

Questo problema, come accennato, potrebbe aver interessato gli utenti di Windows Vista, Windows 7, Windows 8 e 8.1 e Windows 10, in quest'ultimo caso praticamente a tutti gli utenti tranne quelli che avevano già installato l'Anniversary Update e che utilizzavano un'applicazione aggiornata per navigare in Internet.

Per maggiori informazioni: engadget


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.