La "tacca" nel MWC o la guerra da copiare fino ai difetti

Il "notch" è il modo in cui viene chiamata questa proiezione su uno schermo FullVision che alcuni produttori sfruttano per introdurre i sensori. Il massimo esponente di questo sistema è Apple con il suo iPhone X molto criticato, tuttavia, come già azzardato molti analisti, Ci sono stati pochi terminali che sono stati mostrati durante il Mobile World Congress con questa "tacca".

Per alcuni questo è più una correzione, o un difetto, un male necessario per inserire i sensori anche se chiunque preferirebbe uno schermo senza questa sporgenza. Immaginiamo tutti che sia il modo migliore progettato da Apple per poter introdurre i sensori FaceID, tuttavia, molti marchi si sono uniti a quella che ora sembra una tendenza.

È vero che i principali riferimenti con "notch" dopo l'iPhone X provengono da marchi situati in Cina, ciò che è più sorprendente è che alcuni di qualche prestigio come Asus hanno deciso di presentare qualcosa del genere, e altri come Huawei con il suo P20 lo sono vicino per mostrare qualcosa di molto simile. Anche Google ha scelto di affrontare la sfida con la sua prossima versione di Android, che verrà adattata ai dispositivi che scelgono questo design "particolare". È chiaro che quando Apple fa qualcosa imposta una tendenza ... ma cosa succede quando la tendenza è piuttosto un errore?

La tacca non è una scelta, ma una necessità

Ha un vero motivo, il fatto che Apple abbia incorporato nell'iPhone X una serie di sensori che eseguono un'accurata scansione 3D per offrire il miglior riconoscimento facciale sul mercato. La cosa strana arriva quando certi brand decidono di inserire un "notch" nel loro profilo superiore, senza avervi incorporato i sensori necessari per FaceID, infatti, non includono nulla che fanno altri terminali con cornici ridicole come Vivo o Samsung non includere. Poi… Perché includere una tacca? Il motivo è ovvio, sembra un iPhone e quello vende, più o meno. Circa undici terminali che imitano palesemente questa caratteristica.

ASUS ZenFone 5 Notch

Non ci è proprio chiaro se questi brand sappiano che quello che stanno copiando a livello di design non è un capriccio, ma una necessità, quasi un difetto. Sebbene Apple probabilmente renderà questo un segno distintivo dei suoi prodotti futuri, non possiamo escludere che nella sua ansia di ridurre i frame lo renda ridicolo. Tuttavia, Asus si è persino concessa il lusso di sfoggiare una tacca più sottile del 26% rispetto a quella dell'iPhone X, anche se il tuo Zenfone dovrebbe includere un sistema di riconoscimento facciale ... fino a che punto era necessario?

Se lo fai, fallo bene ...

Molti marchi non hanno nemmeno tenuto conto di questo, abbiamo visto come l'Ulefone T2 Pro non inserisca correttamente le informazioni nella barra superiore nel "notch", così come subisce perdite di luce significative in quella zona. D'altra parte, ci sono trucchi come l'OTOT V5801 o il Leagoo S9 che non colpiscono nemmeno nel segno, anzi è fastidiosoNon hanno avuto la minima intenzione di adattarlo, vendono un'immagine completamente disfunzionale.

Sicuramente non stanno ottenendo nulla di piacevole per l'utente, perché sinceramente dubito che ci siano acquirenti che preferiscono vedere solo metà dell'orologio in basso per avere un "notch" chiaramente non necessario, e che potrebbe essere facilmente hanno risparmiato (soprattutto nel dispositivo Asus, che è fino al 26% più sottile rispetto all'iPhone X) allungando la cornice, offrendo a sua volta un'immagine più simmetrica e un utilizzo nettamente migliore dello schermo. Ma no, qui l'utilità, l'utente e tanto meno il design non prevale. Tutto va bene finché vendi cento unità in più, solo perché se assomiglia all'iPhone, gli utenti penseranno che sia di qualità, infatti con questo si cerca di risolvere un problema che nemmeno esiste.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.