Novità principali Android P Beta 2

Durante la celebrazione del Google I / O, la conferenza per gli sviluppatori di Google, ce lo hanno mostrato i ragazzi di Mountain View un gran numero di funzioni che andrà di pari passo con tutti i servizi attualmente offerti come Gmail, Google Maps, Google Lens, Google Assistant ... oltre ad Android P.

7 lo scorso marzo, Google ha rilasciato la prima beta di Android P, la prossima versione di Android che arriverà da settembre a tutti i dispositivi compatibili e tra cui troviamo il posizionamento interno, il cambio di posizione dell'orologio a sinistra dello schermo dovuto all'arrivo del notch, menu impostazioni colorato, riprogettazione delle impostazioni rapide ... Qui vi mostriamo nuove funzionalità ora disponibili nella seconda beta di Android P.

Dispositivi compatibili con Android P Developer Preview 2

Una delle principali novità che troviamo nella seconda beta di Android P, la troviamo nel numero di dispositivi compatibili. Fino ad ora, le prime beta erano compatibili solo con dispositivi Nexus e Pixel, ma grazie a Project Treble, il numero di dispositivi compatibili con questa beta è stato ampliato fino a 7 nuovi modelli. I modelli attualmente in commercio e che lo sono compatibile con la seconda beta di Android P sono:

  • Telefono essenziale
  • Nokia 7 Plus
  • Oppo R15 Pro
  • Sony Xperia XZ2
  • Vivo X21 UD
  • Vivo X21
  • Xiaomi Mi MIX 2S

Project Treble consente ai produttori di concentrarsi esclusivamente sulla compatibilità del loro livello di personalizzazione con la corrispondente versione di Android. La compatibilità con i diversi componenti che fanno parte del dispositivo sarà a carico di Google stessa, che lavorerà direttamente con i produttori. Sembra che Google abbia finalmente trovato la chiave che cercava per poter ampliare velocemente le quote di adozione di ogni nuova versione di Android che lancia sul mercato, sebbene al momento i due grandi produttori che vendono più smartphone sul mercato, Samsung e Huawei non hanno commentato la questione.

Novità di Android P Beta 2

Navigazione gestuale

Questa nuova versione beta di Android P conferma la voce che era trapelata poche settimane fa e in cui abbiamo potuto vedere il navigazione gestuale sullo schermo in modo molto simile a quello che possiamo trovare attualmente nell'iPhone X, che a sua volta è stato ispirato o copiato da webOS, il sistema operativo Palm che attualmente si trova all'interno dei televisori LG.

Questa navigazione per gesti ci permette non solo di passare rapidamente tra le ultime applicazioni che abbiamo aperto, ma ci permette anche di accedere rapidamente al menu di avvio, chiudere le applicazioni ... Per attivare la navigazione per gesti non ci resta che scorri dal basso verso l'alto sullo schermo.

Batteria intelligente

La batteria continua ad essere il problema principale che affrontiamo ogni giorno con il nostro smartphone, lo stesso problema che abbiamo sofferto per più di un decennio e che al momento ha una soluzione difficile. Sia Android che iOS hanno migliorato le prestazioni delle applicazioni e del sistema in generale in modo da ridurre i consumi. Android Marshmallow e Android Nougat ci hanno già offerto interessanti miglioramenti in tal senso.

Con il lancio di Android P, le prestazioni del nostro terminale si adatta all'uso che facciamo del nostro dispositivo, che ci consente di ridurre l'utilizzo della CPU e delle applicazioni in background fino al 30%, in modo che le prestazioni del processore non saranno le stesse se stiamo consultando il nostro account Twitter rispetto a quando stiamo guardando video su YouTube o godendoci i nostri giochi preferiti.

Azioni dell'applicazione

Seguendo il trend di previsione che ci offrirà Android P, il launcher delle applicazioni ci mostrerà le applicazioni che più possibilità abbiamo a disposizione in base all'ora del giorno in cui ci troviamo. In questo modo, se mentre mangiamo abbiamo l'abitudine di leggere il nostro account Twitter, questo verrà visualizzato per primo all'interno del launcher dell'applicazione.

Il nostro benessere

Google ha lavorato per aggiungere funzionalità chiave per aiutarci a raggiungere l'equilibrio desiderato tra la tecnologia e la nostra vita quotidiana. Il nuovo pannello ci mostrerà come trascorriamo il tempo con il nostro dispositivo, l'uso che facciamo delle applicazioni, il numero di volte che abbiamo sbloccato il terminale, il numero di notifiche che abbiamo ricevuto nell'arco della giornata.

Android P integra un timer che ce lo permette impostare i limiti di utilizzo dell'applicazione. Con l'avvicinarsi del limite di tempo, l'applicazione si attenuerà per ricordarci il nostro obiettivo. La funzione Wind Down si occuperà di ricordarci che c'è meno tempo per finire la giornata e attiverà la modalità Non disturbare poiché è ora di andare a dormire.

La modalità Non disturbare non si occuperà solo di silenziare chiamate e notifiche, ma anche eliminerà tutte le interruzioni visive visualizzato mentre questa modalità è attiva.

Luminosità adattiva

La luminosità automatica non funziona sempre come dovrebbe e la prossima versione di Android vuole imparare a regolarla correttamente una volta per tutte, sapendo in ogni momento, quando e come usiamo i glitter, sia sotto il sole intenso, sotto la luce artificiale, per strada con luce sufficiente ... La luminosità dello schermo continua ad essere una delle più responsabili quando si tratta di consumo della batteria, un consumo che sarà anche ridotto come ti abbiamo informato sopra.

Raccolta di Android P: intelligenza artificiale per tutto

Come avrai visto nella maggior parte delle notizie che ci offre Android P, l'intelligenza artificiale è una parte molto importante della prossima versione di Android, insieme all'apprendimento automatico. Android P imparerà ad effettuare varie impostazioni sul dispositivo in modo che gestisca il consumo di risorse, la luminosità dello schermo, il consumo della batteria in modo praticamente automatico senza che l'utente debba preoccuparsi in ogni momento di attivare o disattivare alcune funzioni, per allungare la durata della batteria per quanto possibile.

L'intelligenza artificiale si trova anche in consigli applicativi, Consigli che a seconda dell'ora del giorno in cui ci troviamo, ci offriranno dei risultati o altri, sempre a seconda dell'uso che facciamo del dispositivo. Anche intelligenza artificiale e machine learning raggiungerà alcuni dei principali servizi di Google come Google Foto, Google Maps, Google Lens ... oltre a Gmail, dove il servizio di posta di Google ci offrirà risposte automatiche sotto forma di testo, non parole come ha fatto finora.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.