È ora possibile salvare una GIF nel DNA dei batteri fecali

batteri fecali

Solo poche settimane fa abbiamo avuto modo di parlare in profondità di una delle più moderne tecnologie create dall'uomo, come ad esempio CRISPR-Cas9. Forse il nome non ti suona per niente, anche se, in brevissimo riassunto, ti dico che grazie ad esso ora possiamo fare una specie di 'cutter genetico'Quello in apre una grande porta su un mondo pieno di possibilità.

Anche così, e nonostante il fatto che i progressi in atto siano più che sorprendenti, come il fatto che un gruppo di scienziati del Harvard University avere salva un file GIF nel DNA dei batteri fecaliLa verità è che ancora non conosciamo con certezza tutti i vantaggi che questa tecnica può offrirci, tanto meno i contro, come le mutazioni incontrollate, cosa che diversi gruppi di ricercatori già avvertono.

GIF memorizzata

Scelgono quello che è considerato il primo film al mondo ad essere immagazzinato nel DNA dei batteri fecali

Come potrebbe essere altrimenti, nonostante il fatto che sicuramente per i test preliminari il team abbia lavorato con altri tipi di dati, per la dimostrazione del loro successo hanno deciso di utilizzare una delle GIF più famose del pianeta, che potremmo classificare perfettamente come il primo film creato da esseri umani.

Sto parlando di una GIF in cui puoi vedere un cavallo in movimento. Una specie di film creato da Eadward Muybridge, commissionato, dietro pagamento di una grossa somma di denaro dell'epoca, da Lelan stanford, per mostrare che in un momento specifico durante una corsa di cavalli, mantiene tutte e quattro le gambe in aria.

Come spesso accade con molte delle tecnologie che finiscono per rivoluzionare il mondo, tutto inizia con una scommessa tra i miliardari Lelan stanford y James keene, a quel tempo presidente della Borsa di San Francisco, dove Lelan Stanford dichiarò che durante la corsa, un cavallo teneva le gambe in aria in un momento specifico mentre James Keene credeva il contrario.

Con questo in mente e una grande quantità di finanziamenti alle spalle, Eadward Muybridge costruì un apparato che fu battezzato con il nome di zooprassinoscopio la cui utilità era quella di scatta dozzine di immagini di seguito per catturare i movimenti del cavallo. Di conseguenza, abbiamo una sorta di pellicola che ora è stata utilizzata per creare la prima GIF immagazzinata nel DNA dai batteri fecali.

DNA

Grazie all'uso di CRISPR-Cas9, gli esseri umani possono ora memorizzare i dati in filamenti di DNA vivente

Tornando al lavoro raccolto da un team di ricercatori dell'Università di Harvard, scopriamo che sono riusciti a salvare questa GIF, così come è stata pubblicata dalla rivista Natura, nel DNA dei batteri fecali dimostrando così qualcosa di cui si era parlato a lungo, quello DNA è un ottimo disco rigido in cui è possibile memorizzare qualsiasi tipo di informazione.

Sebbene ci siano molti scienziati che hanno parlato di possibilità di archiviazione impressionanti che una catena di DNA può offrire, la verità è che fino alla tecnologia CRISPR-Cas9, sembrava che avremmo dovuto aspettare ancora diversi decenni per essere in grado di memorizzare i dati in una catena di DNA. Senza dubbio, un nuovo esempio di come una tecnologia possa rivoluzionare il mondo, soprattutto in un momento in cui gli esseri umani iniziano ad avere problemi a memorizzare l'immensa quantità di dati che siamo in grado di generare.

sequenza dna

È solo necessario sequenziare il genoma della catena del DNA per recuperare le informazioni che abbiamo precedentemente memorizzato in esso.

Uno dei principali traguardi raggiunti da questo gruppo di ricerca è stato il potere lavorare con il DNA di cellule viventi, invece di come fino ad ora si fosse ottenuto qualcosa di simile ma con il DNA di cellule morte. Come è stato pubblicato in NaturaApparentemente i nucleotidi sono stati utilizzati per produrre il codice relativo ai singoli pixel di ciascuna delle immagini che dovevano essere salvate.

Per poter archiviare questi dati, il team di scienziati ha dovuto determinare quali sequenze sono le migliori per memorizzare questi dati all'interno del genoma, il che, d'altra parte, rappresenta un nuovo miglioramento per l'uso di questo strumento. Quando volevano recuperare le informazioni immagazzinate nel DNA dei batteri fecali, l'avevano solo fatto sequenziare il genoma, una tecnologia che consente in generale di leggere il DNA. Come ultimo dettaglio, si segnala che durante le prove a Precisione tecnica del 90%.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.