I peggiori giochi della generazione. Volume 2

i-peggiori-giochi-della-generazione-vl1

Lo scorso fine settimana, il mio partner MAD ha acceso la miccia pubblicando la prima parte di I peggiori giochi della generazione. Oggi tocca a me sfogare e gridare al cielo contro cinque videogiochi usciti durante questa generazione. Ovviamente, il mio approccio sarà qualcosa di diverso ed è che i giochi che, dopo il salto che troverai, potrebbero non essere i peggiori in senso stretto, ma si sono rivelati grandi flop circondati da grandi aspettative, budget e mezzi.

Quindi, è più che probabile che alcuni di voi abbiano apprezzato i titoli elencati di seguito. Quindi, penso sia necessario chiarire che, se diamo uno sguardo ai cataloghi finora pubblicati, sarebbe abbastanza facile trovare sporcizia giocabile accanto alla quale i giochi di cui parlerò diventerebbero dei capolavori. Eccoci qui. 

Final Fantasy XIII 

ff13wall1

Sono passati molti anni ormai. Sono passati molti anni da quando Square Enix ha perso il nord con il suo franchise principale. Quella che è probabilmente la saga di J-RPG più famosa della storia ha perso opzioni, livello di trama e, in generale, qualità a passi da gigante. Final Fantasy XIII è stato ancora un altro passo in questa decadente discesa.

Tecnicamente sembrava e ha un bell'aspetto, senza dubbio. Ma è più che probabile che questo sia il caso a causa delle impostazioni limitate, della varietà e dell'interazione con esse. Portando l'argomento al limite, potremmo dire che per la maggior parte del gioco cammineremo per i corridoi, incontreremo personaggi piatti e giocheremo un argomento di attualità all'estremo. Niente che io ricordi FF VII e il suo protagonista, Lightning, è quel poco di buono che troveremo nel titolo.

Assassin 's Creed

assassins-creed-0

Ho finito per completare il primo capitolo di questa famosissima saga. Ed è stato un bel risultato per un paio di motivi. Il primo AC era un gioco molto lungo e costoso da completare a causa dell'estrema ripetizione di schemi giocabili. Poca varietà di missioni e tutte ripetute in un ciclo più e più volte fino a farti venire le vertigini.

Una sezione tecnica eccezionale e una rappresentazione artistica insieme a una storia decente hanno fatto sì che il gioco non fosse una completa assurdità a causa di ciò di cui abbiamo discusso. Uno spreco totale di un universo davvero funzionante che avrebbe potuto dare molto, molto di più di se stesso. Fortunatamente, Ubisoft ha imparato la lezione e ha portato un sacco di nuove funzionalità giocabili nelle successive iterazioni della serie.

Foschia

Foschia-1401

"The Halo of Ps3". Questo è ciò di cui si parlava di questa Haze molto prima che arrivasse nei negozi e che potessimo metterla sulla console. Il fatto che i suoi creatori fossero gli sviluppatori di TimeSplitters potrebbe far pensare che questa affermazione non fosse folle e aumentò solo le aspettative su questo sparatutto in cui Sony sembrava avere così tanta fiducia.

Arrivare in uno dei tempi morti di Ps3 ha fatto sì che gli utenti si aggrappassero a questo chiodo ardente come il gioco che avrebbe fatto rivivere la console di Sony e lasciato il segno nel settore. E beh, non possiamo dire che quest'ultima non sia avvenuta. Il perché? Per le sciocchezze che sono risultate frutto di un progetto che, sulla carta, era piuttosto interessante. Haze finì per essere un'insalata di insetti, un motore tecnico davvero discreto, un'IA praticamente nulla e un controllo piuttosto pesante.

Resident Evil 6

resident_evil_6_by_musashichan69-d52pbdx

Se Final Fantasy è la saga di punta del J-RPG, Resident Evil è sempre stato, insieme a Silent Hill, sinonimo di Survival Horror. Fino alla terza puntata numerata il gioco seguiva strutture molto simili ed erano tutti giochi eccezionali. A poco a poco, nel quarto e quinto episodio, si è rivolto più all'azione ma la scena classica è stata comunque trasmessa a seconda di quali aspetti.

Capcom sembrava molto entusiasta di questa sesta puntata e il team di circa 600 persone che ci hanno lavorato sembrava un'indicazione che stavamo affrontando un'opera di grandezza epica. È vero che l'aggiunta delle diverse campagne che si sono intrecciate è stata un successo e, in realtà, il gioco è un survival horror a tutti gli effetti. Perché? Perché si finisce davvero per spaventarsi del contenuto che questo Resident Evil 6 offre, con personaggi ridicoli, creature grottesche e poco originali e una sezione tecnica troppo piena di chiaroscuri. Se a tutto ciò aggiungiamo campagne ripetitive al massimo e una varietà giocabile nulla, abbiamo il peggior Resident Evil numerato fino ad oggi.

Acciaio rosso

logo_rosso_acciaio

Questo gioco di Ubisoft è stato una delle punte di diamante durante i primi giorni di Wii sul mercato. Durante la presentazione e i video promozionali il gioco ha promesso di fare un grande uso delle capacità del Wiimote e di Nunchaku insieme. L'idea di poter impugnare una spada completamente libera era molto attraente e il design artistico del gioco era davvero attraente.

Sfortunatamente, quando è arrivato il momento critico, il controllo del gioco era molto più limitato e ripetitivo di quanto originariamente promesso. Se aggiungiamo a quella linearità assoluta e difficoltà praticamente zero, ci troviamo di fronte a una grande delusione in uno dei generi meno prolifici della console Nintendo. Fortunatamente, la seconda puntata ha migliorato sostanzialmente ogni punto di questa prima puntata.

Bonus: GTA IV e Uncharted 3

BONUS_Stempel

Questi ultimi due giochi che indicheremo sono due dei giochi più votati della generazione e della storia. Pur essendo eccessivamente severi, sarebbe folle appendere loro l'etichetta di "peggior gioco della generazione" ma significavano percorsi grandi delusioni all'uscita di ciascuno. Entrambe le puntate di grandi saghe circondate da grandi aspettative.

GTA IV È senza dubbio il GTA "principale" più vuoto in termini di contenuto e varietà giocabile. La quantità di elementi giocabili lasciati quando si passa da San Andreas è brutale e il gioco si è basato su un eccezionale motore tecnico e fisico e una storia che avrebbe dovuto essere più oscura e più matura che ha finito per essere una piaga di cliché visti nel genere. . Fortunatamente, GTA V sembra voler risolvere tutto ciò che è andato storto in questa quarta puntata. Uno dei peggiori della generazione? Affatto. Il miglior gioco di sempre come dettano le note? In nessun posto vicino.

Infine, e per finire, Uncharted 3, la terza iterazione della serie con protagonista il carismatico Nathan Drake ha promesso di migliorare ancora di più quello che è forse uno dei migliori giochi di avventura della storia e una delle meraviglie tecniche della generazione. Alla fine è stato chiaro che lo sviluppo è stato portato avanti dal "team B" di Naughty Dog e quello che abbiamo trovato è stato un gioco che non ha migliorato o migliorato affatto la seconda parte, ha trascinato grandi problemi e buchi di script e ha finito per essere uno di quello stesso, ma peggio. È ancora un gioco consigliato ma, senza dubbio, è il peggiore della saga.

E finora la nostra recensione di quelli che, per noi, sono i "peggiori giochi della generazione". Ognuno con il proprio approccio, ne abbiamo parlato

Maggiori informazioni - I peggiori giochi della generazione in MVJ


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.