Pixel 4, Pixel Buds e Pixelbook Go sono le novità che Google ha appena presentato

Dopo tanti mesi di leak, rumors e altro, i ragazzi di Mountain View hanno appena presentato ufficialmente la nuova gamma di smartphone per il 2019, una gamma composta da Pixel 4 e Pixel 4 XL di cui conoscevamo praticamente già tutte le specifiche.

Ma, come Samsung, Google ha concentrato la presentazione sul mostrare di cosa è capace non solo Pixel 4, ma anche la nuova gamma di cuffie wireless battezzata come Pixel Buds e il Pixelbook Go rinnovato, con cui vuole resistere sia a Microsoft che a Apple nella gamma di laptop.

Google Pixel 4

Google Pixel 4

La principale novità offerta dalla quarta generazione della gamma Pixel si trova in un sistema di gesti per gestire lo smartphone senza dover interagire fisicamente con esso. Come visto nella presentazione, il funzionamento è molto simile a quello che abbiamo potuto trovare in precedenza sia in LG che più recentemente in alcuni modelli Huawei e Xiaomi.

Il radar Soli, come Google ha battezzato questa tecnologia integra un sistema di riconoscimento facciale che ci permette di sbloccare il dispositivo utilizzando il nostro volto e con un'operazione molto simile a quella attualmente offerta da Apple su iPhone con tecnologia Face ID.

Essendo Google, la privacy è sempre in discussione. Per rassicurare gli utenti che si fidano di questo nuovo modello, il gigante della ricerca lo afferma tutte le informazioni memorizzate da questo sensore rimangono sul dispositivo E non ne uscirà mai, seguendo la stessa politica di Apple con la tecnologia Face ID.

Google Pixel 4

Tecnologia gestuale su uno smartphone Non vedo molto senso poiché è facile interagire con esso anche con un solo dito per saltare un brano, abbassare il volume, cambiare applicazione. Tuttavia, su uno schermo più grande, come un tablet (che non vogliamo o non possiamo spostare), l'interazione con i gesti ha molto più senso.

Un'altra novità che arriva con questa nuova generazione della gamma Pixel è una funzione dell'applicazione del registratore, una funzione che sarà incaricato di trascrivere le conversazioni in testo, un'ottima funzionalità per giornalisti e studenti.

L'ultima notevole novità della gamma Pixel 4 si trova sullo schermo, un display a 90 Hz che regola la frequenza a seconda del tipo di contenuto che si sta visualizzando, in modo da ridurre il consumo di batteria che questa funzione suppone lavorando in modo continuativo quando non è realmente necessario.

Specifiche di Google Pixel 4

Google Pixel 4

Come è consuetudine sin dal lancio del primo modello, Google opta per due taglie: Pixel 4 con uno schermo da 5,7 pollici e Pixel 4 XL con uno schermo da 6,3 pollici. Questa nuova generazione della gamma Pixel è gestita dal processore Snapdragon 855 di prima generazione di Qualcomm, ovvero il modello di processore disponibile dall'inizio dell'anno e non la revisione di questo processore lanciata un paio di mesi fa.

Per quanto riguarda la RAM, la troviamo all'interno 6 GB di memoria, un po 'scarso se lo confrontiamo con la maggior parte dei terminali Android di fascia alta sul mercato, ma ciò può essere considerato sufficiente se consideriamo che non ha alcun livello di personalizzazione come se lo troviamo nella maggior parte dei produttori e come regola generale, ridurre le prestazioni del sistema, quindi scommettono sull'aggiunta di più RAM.

Se parliamo di memoria interna, vediamo come Google è ancora abbastanza razzista in questo senso, come Apple, e ci offre come modello base solo 64 GB di spazio di archiviazione. Il modello di punta ci offre fino a 128 GB di spazio di archiviazione.

Per quanto riguarda la sezione fotografica, Google ha incluso due fotocamere per la prima volta ma non ha seguito la tendenza di aggiungere un grandangolo, come fanno la maggior parte dei terminali di fascia alta sul mercato, sia Android che iPhone di Apple.

Prezzi e disponibilità di Google Pixel 4 e Pixel 4 XL

Google Pixel 4

Il Pixel 4 lo è disponibile in tre colori: nero, bianco e arancio e arriverà sul mercato il 24 ottobre con i seguenti prezzi a seconda dei modelli:

  • Google Pixel 4 con 64 GB di spazio di archiviazione per 759 euro
  • Google Pixel 4 con 128 GB di spazio di archiviazione per 859 euro
  • Google Pixel 4 XL con 64 GB di spazio di archiviazione per 899 euro
  • Google Pixel 4 XL con 64 GB di spazio di archiviazione per 999 euro

Pixel Buds

Pixel Buds

L'impegno di Google per le cuffie wireless si chiama Pixel Buds e quindi si aggiunge all'offerta che possiamo attualmente trovare sul mercato come Apple AirPods e Samsung Galaxy Buds. Presto saranno realizzati anche dagli Amazon Echo Buds che il colosso dell'e-commerce ha introdotto poche settimane fa.

Come la maggior parte dei concorrenti, Pixel Buds ci offrono un'autonomia fino a 5 ore e un totale di 24 ore attraverso la custodia di ricarica. Come previsto, sono compatibili con l'Assistente Google. Non hanno un sistema di cancellazione del rumore e arriveranno sul mercato la prossima primavera. Il prezzo: $ 179, lo stesso prezzo a cui possiamo attualmente trovare Apple AirPods.

Pixelbook Go

Pixelbook Go

Con una mossa che il gigante della ricerca ripete dopo il fallimento del Pixelbook di prima generazione, i ragazzi di Mountain View hanno presentato il Pixelbook Go, un laptop che è tornato gestito da ChromeOS, un sistema operativo che va bene per computer meno potenti per studenti e scuole, ma non come soluzione per chi ha bisogno di un laptop. Il problema non è altro che mancanza di app.

Mentre è vero che questo sistema operativo di Google ha accesso diretto al Play Store, Molte delle applicazioni che possiamo trovare, ad esempio, in termini di editing video, lasciano molto a desiderare se confrontate con quelle disponibili nell'App Store di Apple. Si spera, proprio come il Pixelbook di prima generazione, consente di installare una copia di Windows, poiché altrimenti, poco o nessun successo avrà sul mercato, come la prima generazione.

Il Pixelbook Go ci offre un touch screen da 13,3 pollici con risoluzione Full HD ed è gestito da un Intel Core M3 / i5 / i7 a seconda della configurazione di cui abbiamo bisogno. Per quanto riguarda la RAM, ci offre due versioni: 8 e 16 GB. La memoria è di tipo SSD da 64, 128 e 256 GB.

La batteria raggiunge, secondo il produttore, 12 oreHa una fotocamera frontale da 2 mpx, è gestita da ChromeOS, ha due porte USB-C e una connessione jack da 3,5mm. Il modello più economico, con un processore Intel Core M3, 8 GB di RAM e 64 GB di spazio di archiviazione, ha un prezzo di 649 dollari. Al momento non esiste una data di uscita ufficiale al di fuori degli Stati Uniti.

Google Nest Mini

Google ha approfittato di questo evento per presentare la seconda generazione dello smart speaker più economico offerto sul mercato: Google Nest Mini. Questa seconda generazione, che mantiene il prezzo della prima, ci propone come novità principale a nuovo chip che si occuperà della gestione delle richieste in locale, senza doverli inviare al cloud per elaborarli, qualcosa di molto simile a quello che già ci offrono Pixel 3 e Pixel 3 XL.

Questo ti permette di essere molto più velocemente della prima generazione nel rispondere alle nostre domande. Un'altra novità che ci offre si trova nella parte posteriore, una parte posteriore che incorpora un foro per appendere il diffusore al muro. Con questa mossa, Google vuole che tutti abbiano un Google Nest Mini in qualsiasi stanza della loro casa.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.