Android per tutti; Cos'è il bootloader?

Google

Tutti o quasi lo sappiamo perfettamente Android È il sistema operativo per cellulari e tablet sviluppato da Google. Attualmente è il più utilizzato al mondo in questa classe di dispositivi ed è molto vicino alla sua nuova versione vedendo la luce del giorno sul mercato. Al momento è già disponibile per terminali Nexus, con il nome in codice di Android N. Nell'ultimo I / O di Google abbiamo appreso nuovi dettagli del software e sapevamo anche che molto presto potrebbe essere disponibile in modo ufficiale.

Per portare Android nel mondo, inizieremo una serie di articoli in cui spiegheremo alcuni concetti chiave del software Google. Oggi Abbiamo deciso di iniziare spiegando cos'è il bootloader, che hai sentito tante volte e che forse non ti è ancora chiaro cosa sia oa cosa serva. Non è certo un concetto di dominio pubblico e purtroppo non è di facile comprensione e comprensione.

Se vuoi saperne di più su Android e sul bootlader, continua a leggere e preparati ad avvicinarti un po 'al sistema operativo preferito dalla maggior parte degli utenti di smartphone e tablet.

Cos'è il Bootloader?

Spiegato in modo semplice potremmo dire che bootloader è il file nome che riceve in inglese la parte più fondamentale del sistema operativo Android, ed è che è il manager che consente l'avvio del dispositivo. Questo è responsabile del caricamento del kernel Linux e del sistema operativo Android, quindi è una delle parti più fondamentali del software.

Senza bootloader non c'è Android, più che altro perché non potremmo mai avviarlo e per tutto questo impareremo qualcosa in più su questo bootloader del dispositivo.

Come funziona il Bootloader?

Android

Come abbiamo già detto, il bootloader è uno dei pezzi fondamentali di qualsiasi dispositivo con sistema operativo Android. Nonostante quello che molti di noi potrebbero credere ogni produttore è responsabile dello sviluppo del proprio bootloader e non di Google. Ed è che ogni produttore di dispositivi mobili o tablet deve sviluppare il proprio perché deve lavorare di pari passo con l'hardware di ciascun dispositivo.

Ora arrivano le parti complicate per iniziare a capire le cose e cioè che non appena accendiamo il bootloader esegue diversi test per verificare dove sono sia il kernel che il ripristino, due dei modi che possiamo adottare all'avvio del nostro dispositivo.

Ogni volta che premiamo il pulsante di accensione sul nostro dispositivo, carica Android scegliendo il kernel per avviarlo. al contrario se premiamo una certa combinazione di tasti, il bootloader caricherà la recovery, che sarà un altro aspetto di cui parleremo approfonditamente in un altro articolo in quanto può essere davvero interessante.

Perché i produttori bloccano il bootloader?

Samsung

Come abbiamo già accennato, la maggior parte dei produttori sul mercato blocca il bootloader in modo che venga letto solo il sistema operativo Android che il produttore installa, impedendo così all'utente di apportare modifiche in modo più o meno semplice al software di riferimento. In poche parole, il bootloader viene utilizzato dai produttori come file sistema di blocco ROM non ufficiale.

Affinché qualsiasi utente possa installare una ROM non ufficiale su un dispositivo, dobbiamo prima sbloccare il bootloader, con la conseguente perdita della garanzia. Alcune aziende come Samsung prestano particolare interesse a questo aspetto e tramite una funzione chiamata KNOX Void Warranti conta le volte in cui un utente lampeggia un software senza firma Samsung, e quindi non ufficiale.

A volte è strano che i produttori blocchino il bootloader, ma con questo si evitano problemi futuri e soprattutto che gli utenti apportino modifiche esponendosi a pericoli di cui in molti casi non siamo consapevoli delle loro dimensioni.

È consigliabile sbloccare il bootloader?

Ripristino Android

Prima di rispondere alla domanda che dà titolo a questo articolo, occorre chiarire che lo sblocco del bootloader non ha nulla a che fare con lo sblocco del terminale, ad esempio per poter utilizzare una SIM card di un'altra azienda. Di solito questo è noto come sbloccare un dispositivo, qualcosa che non ha nulla a che fare con l'argomento di cui ci occupiamo oggi.

Nemmeno ciò che è noto come "rooting" ha qualcosa a che fare con il bootloader, sebbene sia spesso confuso da molti utenti.

Tornando alla domanda in questione, la risposta può avere più letture, ed è che in molte occasioni non solo è consigliabile sbloccare il bootloader, anche se si perde la garanzia, ma è fondamentale eseguirlo per poter installare una ROM, di cui potremmo aver bisogno in un modo o nell'altro .

Ovviamente, la risposta logica a questa domanda dovrebbe essere un secco no ed è che con questo perderemo la garanzia e il futuro del nostro dispositivo mobile o tablet sarà in discussione. È anche vero e dobbiamo sottolineare che la garanzia offerta dai diversi produttori nella maggior parte dei casi non ci sarà di grande utilità.

Il sistema operativo Android è complesso e pieno di angoli e fessure che per la maggior parte degli utenti non sono né interessanti né rilevanti, ma per un gran numero di utenti sono più che interessanti. Il bootloader è uno di quegli angoli e fessure, che può essere utilizzato molto, anche se come abbiamo già visto con i conseguenti rischi.

Conoscevi tutte le informazioni che abbiamo condiviso con te oggi e che circondano il cosiddetto bootloader?. Dicci che grado di conoscenza hai su Android e quali sono stati gli esperimenti che hai effettuato con il tuo dispositivo con il sistema operativo Google. Per questo puoi utilizzare lo spazio riservato ai commenti su questo post o su uno dei social network in cui siamo presenti e dove saremo lieti di discutere con te.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Juan Aparicio suddetto

    Ho un samsung s2 gt-i9100 su cui è installato cyanogenmod 13
    Sarebbe molto interessante per te scrivere di queste rom per terminali 1g
    Ho avuto molti problemi con l'installazione delle gapp