Questa tecnologia è in grado di memorizzare tutto il contenuto del tuo cervello

cervello

Da tempo immemorabile l'essere umano ha cercato così tanto la via per vivere molto più a lungo sia in modo puramente fisico che per ottenere ciò, in qualche modo, almeno la sua memoria di persona persiste per secoli o, come può essere il caso, riesce in qualche modo a scaricare tutti i suoi ricordi in modo che, in futuro, possano sopravvivere in qualche altro modo.

Quest'ultimo è ciò che un'azienda americana sembra aver raggiunto o almeno questo è ciò che pubblicizzano. A quanto pare i suoi ingegneri sono riusciti a sviluppare una metodologia interessante con cui l'essere umano potrebbe preservare il cervello intatto a livello di dettaglio microscopico. Fondamentalmente ciò che ci propongono letteralmente è di salvare un cervello umano per centinaia di anni in azoto liquido senza danneggiare le sue connessioni neurali.

nettare

Nectome garantisce che abbiano la tecnologia per preservare un cervello umano per centinaia di anni

Entrando un po 'più in dettaglio, nonostante la società sia ancora abbastanza sconosciuta, la verità è che i suoi fondatori individualmente non così tanto. Nello specifico, stiamo parlando dei proprietari di esso Robert McIntyre, Laureato al MIT e Michael McCanna. Entrambi sono responsabili della presentazione di questo progetto sotto l'egida di Nectome, nome con cui hanno battezzato la loro peculiare azienda.

L'idea che intendono vendere alla comunità è quella di ottenere preservare il cervello umano il più a lungo possibile fino a quando il contenuto del cervello non viene convertito in una sorta di simulazione al computer che, in seguito, avrebbe dato vita alla personalità dell'individuo a cui apparteneva questo cervello.

Come puoi vedere, la differenza principale rispetto alle idee tradizionali, soprattutto per quanto riguarda la criogenia, è questa volta Nectome non pretende di riportare in vita il cervello, ma per recuperare tutte le informazioni che contiene al suo interno, che presumibilmente verrebbero mantenute intatte, nello stesso modo in cui oggi recuperiamo informazioni da un computer che è stato spento per molto tempo.

cpu

Il mese scorso Nectome è riuscito a impossessarsi legalmente del corpo di una donna anziana per iniziare i suoi esperimenti

A quanto pare e secondo le informazioni del CONLa società il mese scorso ha ottenuto legalmente il corpo di una donna anziana appena deceduta per iniziare il processo di conservazione del suo cervello due ore e mezza dopo la sua morte. Apparentemente a causa del lungo tempo fino alla conservazione il cervello ha subito danni irreversibili. Nonostante questo, è diventato uno dei meglio conservati di tutta la storia umana.

Questa è stata la prima applicazione di una tecnica molto nuova negli esseri umani. Come previsto e secondo i ricercatori, vogliono andare ancora oltre e prova il tuo sistema su una persona malata terminale che propone il suicidio assistito poiché il sistema, a quanto pare e secondo i suoi creatori, è stato progettato per essere utilizzato nei malati terminali.

cervello

Contrariamente a quanto potrebbe sembrare, la tecnologia Nectome ha molti più vantaggi di quanto immaginiamo

Oggi sembra che la proposta di Nectome sia accolta molto bene poiché i suoi giovani creatori sono riusciti a raccogliere un milione e mezzo di euro da diverse fonti. Come dettaglio, te lo dico Questa tecnologia non sarà commercializzata fino a quando non sarà scientificamente provata e verificata, qualcosa per il quale ci vuole ancora molto tempo di lavoro e impegno che deve essere investito in ricerca e sviluppo.

Personalmente devo confessare che una tecnologia come questa mi cattura un po 'fuori luogo'dato che anche se sembra un altro tipo di criogenizzazione di nuova generazione, d'altra parte stiamo parlando di una tecnologia che può essere molto promettente dal punto di vista economico poiché, quando verrà il momento, potremmo essere in grado di scaricare tutti i contenuti del nostro cervello per caricarlo su una piattaforma in grado di preservare tutta la saggezza collettiva e contribuire così alla sua trasmissione alle nuove generazioni.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.