Questa tecnologia è in grado di uccidere le cellule tumorali in 60 secondi

cancro

Uno dei temi che oggi più preoccupa centinaia di ricercatori legati al tema della medicina, senza dubbio è trovare a cura per il cancro. Sicuramente in qualche occasione anche nella tua prima infanzia hai sognato di essere quella persona che verrà ricordata nella storia per aver trovato proprio una cura per questa malattia così comune a tutti i mortali.

Come sicuramente saprai, grazie proprio agli ultimi progressi sia della medicina che della tecnologia in generale, soprattutto da quando la miniaturizzazione ci ha permesso di costruire robot e materiali sempre più complessi e piccoli che possiamo fornire con una certa intelligenza, sembra trovare un trattamento efficace contro il cancro che allo stesso tempo non è invadente per il paziente o può causare gravi effetti collaterali sembra più vicino che mai.

La Durham University è impegnata nell'uso di nanomacchine per eliminare le cellule tumorali dal corpo

Questa volta dobbiamo guardare a ciò che un gruppo di rinomati ricercatori del Università di Durham, con sede nel Regno Unito, che ha appena rivelato che, durante diversi mesi di lavoro e duro lavoro, sono riusciti a progettare e produrre un nuova generazione di nanomacchine che sarebbe dotato di capacità sufficiente per essere introdotto nel corpo, cercare le cellule cancerose al suo interno e trapanarle per ucciderle in appena 60 secondi.

Uno degli aspetti più eclatanti di questo intero esperimento è che, a quanto pare e come confermato dagli stessi ricercatori, queste nanomacchine, una volta introdotte nel corpo, verrebbero guidate nell'area dove devono lavorare con l'aiuto di un potente fascio di luce. Un altro punto importante è che queste nanomacchine sono state progettate per essere in grado di farlo girare due o tre milioni di volte al secondo, qualcosa che dà loro la capacità di potere trapanare le cellule tumorali perché, beh e come abbiamo commentato, distruggili o direttamente per introdurre droghe all'interno.

Indubbiamente, siamo di fronte a un nuovo modo di cercare di trovare la cura per questa temibile malattia anche se, in questa occasione e contrariamente ai metodi che si stanno sviluppando in altri tipi di centri di ricerca e sviluppo, sia pubblici che privati, si impegna a la creazione di una nuova generazione di macchine, più piccole di una cellula, con le quali combattere direttamente la struttura cellulare di questa malattia comune oltre che letale.

nanomacchina

Un capello umano può ospitare fino a 50.000 di queste piccole nanomacchine sulla sua superficie

Come commentato Roberto Pal, uno degli artefici e collaboratori di questo progetto, nelle sue ultime dichiarazioni:

Stiamo per raggiungere il nostro obiettivo di utilizzare nanomacchine attivate dalla luce per attaccare le cellule tumorali nei tumori al seno e nei melanomi della pelle, anche quelli resistenti alla chemioterapia.

Senza dubbio, come è già stato commentato dalla comunità scientifica, siamo di fronte a una delle tecniche più promettenti finora annunciate, soprattutto se si tiene conto non solo che sarebbe in grado di combattere anche il cancro più duro, ma la tecnica stessa lo è molto discreto y non ha effetti collaterali per il paziente come se altri come la chemioterapia o la radioterapia.

Come spesso accade con tali tecnologie innovative, la verità è che c'è ancora molto tempo prima che questi possano essere usati con pazienti umani poiché, al momento, questo metodo è stato testato solo a livello di laboratorio su microrganismi e piccoli pesci. Come hanno commentato i responsabili dello studio, si prevede che nei prossimi mesi questa tecnologia possa essere testata sui roditori e, se gli esperimenti avranno successo, potranno iniziare i test sugli esseri umani.

Per maggiori informazioni: Telegrafo


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.