Queste sono alcune delle precauzioni che Kim Dotcom prenderà per il nuovo Megaupload

Megaupload

Da tempo lo sappiamo dal nostro Kim Dotcom che c'è un team di sviluppatori che sta creando un nuovo Megaupload molto più facile da usare, universale e soprattutto con funzioni migliorate rispetto a quello che tutti conoscevamo e che è stato chiuso per ordine dell'FBI nel 2012.

Nel corso del tempo e dei mesi hanno svelato una serie di dettagli su questa nuova piattaforma per archiviazione cloud anche se è solo ora che sono state pubblicate una serie di caratteristiche che rendono il precauzioni prese in modo che la stessa cosa del passato non accada e la piattaforma debba chiudersi.

Dopo un proficuo round di finanziamento tramite la piattaforma di crowdfunding Banca verso il futuro, dove niente di meno che un milione di dollari Grazie a 354 investitori anonimi, la società fondata da Kim Dotcom che sta sviluppando la nuova versione di Megaupload ha annunciato che, tra i suoi piani di miglioramento, c'era il esternalizzare la maggior parte dello stoccaggio presso fornitori di terze parti.

Con questo in mente dobbiamo capirlo, in questa nuova versione di Megaupload la piattaforma non memorizzerà direttamente tutti i file sui propri server, ma hanno deciso di utilizzare altri tipi di servizi, come Stroj o Madisafe per l'archiviazione e funzioneranno come provider di cache per file popolari su server ad alta velocità che servire i file dalla RAM.

Kim Dotcom annuncia Megaupload per esternalizzare la maggior parte dei suoi server

Oltre a ciò, verranno prese anche misure non eliminare i file automaticamente, cioè quando si riceve una richiesta dai presunti titolari del copyright, il file in questione non verrà automaticamente cancellato come è stato fatto fino ad ora, ma ci sarà un team che dovrà rispondere alla richiesta e valutare se tale richiesta a rimuovere determinati contenuti è vero o fraudolento.

Finalmente non posso salutarmi senza menzionare l'arrivo di Bitcache ai sistemi per migliorare ulteriormente la sicurezza e garantire che le transazioni siano anonime. Oltre a ciò, la società stessa aggiungerà il proprio ulteriore livello di crittografia al proprio 'paga per download«. Indubbiamente, molti di noi sono gli utenti che vorrebbero testare in prima persona ciò che si sta sviluppando sotto il nome Megaupload 2.0 anche se, come tutti noi, dovremo aspettare, in linea di principio, fino al 20 gennaio, anche se, come i propri commenti Punto com, questa data potrebbe essere posticipata:

È improbabile che saremo in grado di lanciare il 20 gennaio. La raccolta fondi è stata ritardata e il team legale ha bisogno di più tempo per la nuova configurazione. Ma riveleremo anche maggiori dettagli su Megaupload 2 e Bitcache quel giorno speciale.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.