Queste sono tutte le novità di Google I / O 2015

Google

Google I / O 2015 è iniziato ieri con la conferenza centrale e principale, che, come ci aspettavamo, ci ha lasciato una quantità enorme di notizie interessanti. L'ultima versione del sistema operativo Android, le interessanti novità di Android Wear o gli interessanti miglioramenti che Google ha incorporato ad alcune delle sue applicazioni più popolari sono stati gli aspetti più interessanti, anche se molti altri.

In questo articolo faremo un file Rileggo tutte le notizie che abbiamo potuto vedere ieriAllora mettiti comodo e preparati ad entrare nell'universo di Google, che ieri è cresciuto un po 'di più e soprattutto è notevolmente migliorato.

Android M

Android M

Con il nome in codice di Android M, Google ha presentato ieri la sua nuova versione del suo sistema operativo mobile, in cui vedremo ottime notizie ma soprattutto una correzione degli errori che dobbiamo subire oggi in Android Lollipop, e soprattutto un miglioramento del consumo di batteria che fa disperare molti utenti ogni giorno.

Al momento, senza un nome definitivo, questa nuova versione di Android ci offrirà 6 novità principali, che potete immaginare aumenteranno nel tempo.

  • Android Pay. Il sistema di pagamento mobile di Google verrà di pari passo con questa nuova versione di Android M e anche se non si conoscono ancora troppe informazioni, si tratta senza dubbio di un'ottima notizia
  • Le autorizzazioni delle app diventano più coerenti. Fino ad ora, le autorizzazioni delle applicazioni erano, mettiamola in questo modo, incoerenti. Con Android M questi sono stati ridotti e saremo avvisati quando verranno utilizzati con cui eviteremo paura di alcune applicazioni
  • Schede personalizzate. Per migliorare l'esperienza web, Google ha creato schede personalizzate che ci consentiranno di integrare Chrome nelle applicazioni. Nella conferenza è stato dimostrato come questa opzione possa essere utilizzata con Pinterest con ottimi e soprattutto comodi risultati
  • Le app parleranno tra loro più che mai. Questo ci permetterà di vederci a vicenda in determinate situazioni.
  • Arrivano le impronte digitali. Sebbene diversi dispositivi Android abbiano già integrato questa opzione, ora arriverà in modo nativo e Google è disposto a trarne vantaggio. Ad esempio, sarà possibile utilizzare Android Pay con la nostra impronta digitale
  • Doze, il nuovo sistema "intelligente"controllo e gestione dei consumi energetici, che aumenteranno l'autonomia dei nostri dispositivi. Si spera che funzioni meglio dei sistemi implementati in Android Lollipop per questo scopo

Le foto di Google diventano indipendenti con molte nuove funzionalità

Google Foto

Era uno dei segreti aperti nei giorni precedenti l'inizio di Google I / O, ma fino a ieri Google non ha mostrato il suo nuovo gestore di immagini, che in generale ha lasciato tutti molto, molto soddisfatti. Ed è quello In primo luogo, diventa indipendente da Google Plus, cosa che era tremendamente necessaria, ma anche le nuove funzionalità incluse la rendono una delle migliori applicazioni di questo tipo di quanti sono disponibili sul mercato.

D'ora in poi ogni utente potrà organizzare le proprie immagini a proprio piacimento, per data, per luogo e anche dalle persone che vi compaiono poiché l'applicazione stessa potrà taggarle. Inoltre, possiamo anche modificare le nostre fotografie, creare immagini animate e persino collage in modo rapido e semplice.

L'unico punto negativo è che le immagini con meno di 16 megapixel possono essere archiviate senza limiti. Tutte le immagini che superano quei megapixel devono essere ridotte prima di essere salvate nel cloud o utilizzare il nostro spazio personale.

Android Wear

Molti di noi si aspettavano la presentazione della seconda generazione del Moto 360 e dello smartwatch circolare di Samsung, ma ciò non è avvenuto, anche se non è escluso che possa accadere oggi. In cambio, Google ha annunciato interessanti novità nel suo sistema operativo per dispositivi indossabili.

I principali sono i gesti del polso, la possibilità di disegnare sullo schermo del nostro dispositivo, l'indipendenza che avranno d'ora in poi, potersi connettere a reti WiFi o la possibilità di mostrare sempre informazioni sullo schermo se si spegne. .

Brillo, il sistema operativo per l'Internet of Things

Google I / O

Era un rumor forte che circolava attraverso la rete delle reti nei giorni scorsi e ieri è diventato realtà da parte di Google con la presentazione di Brillo, il tuo sistema operativo basato su Android per l'Internet delle cose. Questo software sarà inoltre integrato con Weave che permetterà a tutti i dispositivi di dialogare tra loro, anche se non utilizza il sistema operativo del gigante della ricerca. Benvenuto nel futuro!

Al momento non conosciamo troppi dati su Brightness, anche se sappiamo che sarà disponibile per quasi tutti i dispositivi poiché potremmo dire che è sviluppato attorno a un Android molto semplice. La versione di prova per gli sviluppatori potrebbe essere disponibile nel terzo trimestre dello scorso anno.

Non c'è un nuovo Chromecast, ma ci sono novità interessanti

Google

Google non ha presentato ufficialmente una seconda versione del suo Chromecast, qualcosa che molti di noi si aspettavano, ma invece ha presentato alcune novità per il suo dispositivo.

Tra queste novità abbiamo potuto evidenziare l'auto-riproduzione e le code che fino ad ora non funzionavano molto bene, e che ora sono a disposizione di tutti gli sviluppatori, cosa che non può che essere qualcosa di positivo per gli utenti.

Adesso è anche possibile rispecchia lo schermo di qualsiasi app. Ad esempio, possiamo usare lo schermo del nostro televisore per giocare e lo schermo del nostro cellulare come controller touch, interessante vero?

Inoltre e finalmente Google ha annunciato che il la possibilità di giocare più utenti allo stesso gioco sarà molto più semplice ed è che più persone possono giocare contemporaneamente a un gioco con il proprio dispositivo mobile o tablet.

Cardboard, la realtà virtuale di Google arriva su iPhone

Quello che ha apprezzato uno scherzo nell'ultimo I / O di Google continua ad evolversi e raggiungere sempre più utenti. Stiamo parlando ovviamente di CardBoard, che hanno già a disposizione una nuova versione per poter accedere alla realtà virtuale in modo semplice ed economico da Google.

Inoltre, con questa nuova generazione di CardBoard, possiamo utilizzare qualsiasi altro dispositivo mobile non compatibile, ad esempio un iPhone che consentirà agli utenti del dispositivo mobile Apple di godersi la realtà virtuale in modo semplice.

Google Maps offre una modalità offline

Google

Google Maps è uno dei servizi più conosciuti e popolari di Google e, sebbene non ci aspettassimo notizie da annunciare nell'ambito di Google I / O, il gigante della ricerca ci ha dato buone notizie a tutti gli utenti. Ed è che d'ora in poi possiamo utilizzare le mappe offline, cosa molto vantaggiosa per tutti.

La cosa però non si ferma qui ed è che non solo possiamo fare uso di mappe offline ma ad esempio anche delle indicazioni fornite di svolta in svolta.

Google Maps fa il salto definitivo di cui aveva bisogno per essere all'altezza di altre applicazioni di questo tipo e temo molto che siamo già di fronte alla migliore applicazione cartografica di tutte quelle disponibili sul mercato.

Pronto a viaggiare in sicurezza, anche offline, grazie a Google Maps?.

Google Now

Google Now, gli assistenti vocali di Google è stato ieri un altro dei grandi protagonisti della conferenza inaugurale del Google I / O 2015. Il gigante della ricerca continua a lavorare su questo servizio e ha presentato alcune interessanti novità che permetteranno di continuare a tagliare le distanze esistenti con, ad esempio, Siri o proteggersi dall'arrivo di Cortana su Google Play nei prossimi giorni.

Tra le novità che troveremo c'è la possibilità di esaminare tutto ciò che accade sul nostro schermo da parte di Google Now, e poi decidere cosa fare ed eseguire.

Anche L'assistente vocale di Google anticiperà i nostri desideri mostrandoci informazioni senza chiederle in modo diretto o chiaro. Negli esempi mostrati nella conferenza di ieri questa funzione non era molto chiara, ma si spera che serva per continuare a migliorare la procedura guidata.

Alla fine Google ha mostrato No won tap o cos'è lo stesso, la possibilità che Google Now sia disponibile solo quando e dove vuoi. D'ora in poi l'assistente vocale verrà visualizzato in qualsiasi momento e luogo indipendentemente dall'applicazione in cui ci troviamo o da dove ci troviamo, interessante vero?

Conclusione

Il primo giorno di Google I / O 2015 è stato ricco di novità, molte più di quanto probabilmente ci aspettassimo, ma si spera che non rimangano qui e Google continui a mostrarci nuove opzioni e funzioni. ulteriore Sarebbe molto positivo se potessimo vedere qualche caratteristica in più di alcune delle novità presentate ieri.

Si prevede che alcuni brand approfitteranno della conferenza anche per presentare alcuni dispositivi, quindi rimanete sintonizzati sul nostro sito perché nelle prossime ore potremmo continuare a vedere interessanti novità sotto forma di gadget.

Pronto per continuare a divertirti con Google I / O 2015?.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   nicolas suddetto

    Buon articolo, ma la verità, a chi scrive questo, prima di pubblicarlo, rileggilo fratello, ci sono molti connettori cattivi e mancanti, e ci vuole coesione e coerenza al testo e devi pensare a quale connettore può andare in modo che abbia tutto il senso. Se sei un giornalista, inizia a studiare un po 'di logica